Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Windows Lento? Ecco Come Migliorarne Le Prestazioni In Pochi Passi


20 gennaio 2012 ore 17:08   di mara82  
Categoria Guide Manuali e How To  -  Letto da 759 persone  -  Visualizzazioni: 1667

Spesso succede che usando il computer si crei un forte rallentamento all'avvio di Windows, lentezza generale anche nell'aprire programmi o semplici cartelle. Ciò è dovuto al fatto che probabilmente il Sistema sta usando molta RAM e che il disco fisso è molto carico. Periodicamente è consigliata la pulizia di questi due sistemi di memoria, ma normalmente non tutti sanno come farla. In rete esistono svariati software, sia gratuiti che a pagamento, adatti allo scopo, ma senza avere le conoscenze necessarie per districarsi tra le varie potenzialità offerte da ciascuno, ci si può accontentare degli strumenti offerti da Windows stesso.

Per prima cosa bisogna capire quanto spazio del Disco fisso (solitamente C:) è utilizzato: aprendo Risorse del Computer cliccare quindi col pulsante destro del mouse sull'unità denominata C: (o comunque quella in cui è installata Windows) e selezionare l'ultima voce, cioè Proprietà. Si aprirà una finestra in cui è possibile avere un'immediata visione di quanto spazio rimane libero, visualizzato in rosa nel diagramma. Se lo spazio occupato, rappresentato in blu, occupa i ¾ di tutto il Disco, sarà opportuno liberarne un po' al fine di velocizzare il Sistema.
A questo punto la cosa più semplice è fare un backup (salvataggio) di quei file molto pesanti (che pesino diversi Gb o centinaia di Mb) masterizzandoli su cd, dvd o hard disk esterno per poi cancellarli del tutto dal proprio pc. Fatto ciò, tornando alla finestra delle Proprietà del Disco fisso, si potrà constatare quanto spazio si è liberato. Se però ancora non prevale il colore rosa nel diagramma, quindi il Disco è troppo pieno, sarà utile usare gli strumenti di Pulitura Disco.


Prima di iniziare questa procedura è consigliabile effettuare la creazione di un Punto di Ripristino: quest'applicazione “scatta una foto istantanea” del Sistema nel preciso momento in cui viene creata, perciò se dovesse andare storto qualcosa, si potrà ripristinare lo stato di efficienza precedente del Sistema. Per fare ciò, bisognerà cliccare su Start, Tutti i Programmi, Accessori, Utilità di Sistema, Ripristino Configurazione di Sistema e selezionare Crea un Punto di Ripristino, dopodiché cliccare su Avanti e seguire le istruzioni fino a portare a termine la procedura.
Nel caso dopo la pulizia del Disco fisso si noti qualche problema, sarà possibile riaprire quest'applicazione scegliendo Ripristina uno Stato Precedente del Computer. Questo procedimento è consigliato anche nel caso dell'installazione di programmi che possano influenzare il Sistema o di cui non si è sicuri riguardo l'attendibilità.

Windows Lento? Ecco Come Migliorarne Le Prestazioni In Pochi Passi

Fatto ciò, si può tornare alla finestra di Pulitura Disco e cliccando sul bottone omonimo, dopo una breve analisi, si aprirà un'altra scheda, nella quale sarà possibile scegliere cosa eliminare: nella colonna di destra viene visualizzato in Kb lo spazio che occupano le varie voci della colonna di sinistra mentre sotto il riquadro apparirà lo spazio totale recuperabile spuntando le diverse caselle. Per farsi un'idea in modo più semplice di quanti Gb o Mb rappresentino le cifre in Kb si può usare un convertitore online. Riguardo la dicitura Compressione file Obsoleti la cifra indicata rappresenta lo spazio che è possibile liberare comprimendo quei file che vengono aperti solo raramente.
Eseguendo anche questa modalità di pulizia, detti file saranno riconoscibili perché al termine dell'operazione il nome di ciascuno sarà in caratteri blu anziché neri.
Se dovessero venire compressi anche file di Sistema, ciò potrebbe causare dei problemi, comunque risolvibili: nel caso appaia una finestra di errore durante un qualche procedimento e, se mostrato, prendere nota del nome del file problematico, in modo tale da individuarlo, anche servendosi dello strumento Cerca. Una volta trovato, se è stato compresso (quindi col nome in caratteri blu), cliccarvi sopra col pulsante destro, scegliere Proprietà, Avanzate, e togliere il segno di spunta alla voce Comprimi Contenuto. Ripetendo l'operazione che si stava eseguendo, quel file che ora è stato decompresso non potrà più creare problemi.

Windows Lento? Ecco Come Migliorarne Le Prestazioni In Pochi Passi

Oltre alla normale pulizia del Disco, sempre per ottimizzare le prestazioni del Sistema, è preferibile anche eseguire una Deframmentazione periodica: con questa procedura verranno raggruppati quei file che appartengono ad uno stesso programma, velocizzando così il Sistema operativo ed i programmi stessi.
Sempre dalla finestra Proprietà si dovrà selezionare la scheda Strumenti e cliccare su Esegui Defrag. Si aprirà un'applicazione, nella quale, premendo sul bottone Analizza, dopo qualche istante (a seconda della capacità del proprio Disco fisso) apparirà una finestra in cui sarà scritto se è consigliabile deframmentare o se invece non è necessario. Nel caso lo fosse, prima di premere su Deframmenta, si tenga presente che questo processo a volte richiede anche più di un'ora, a ogni modo è consigliabile non usare il pc durante la deframmentazione per non rischiare di interferire con essa.
Durante la Deframmentazione si noteranno dei cambiamenti nel secondo diagramma rispetto a quello sovrastante: i file frammentati (barrette rosse) vengono raggruppati, un po' per volta, formando delle barrette più larghe, rappresentate in blu. Più saranno ampie le fasce in blu, e più il Sistema ne gioverà.

Windows Lento? Ecco Come Migliorarne Le Prestazioni In Pochi Passi

A questo punto Windows dovrebbe essere diventato più veloce e rispondere in tempi minori ai comandi. Ad ogni modo, se si vuole alleggerire ulteriormente il Sistema, si può eseguire anche la pulizia del Registro, tramite gli appositi programmi esterni di cui si parlava nell'introduzione, ma se ne sconsiglia l'uso ai principianti poiché tali programmi a volte necessitano di impostazioni particolari e di scelte nell'eliminazione di alcuni file, che potrebbero causare problemi se effettuate senza le dovute conoscenze.

Windows Lento? Ecco Come Migliorarne Le Prestazioni In Pochi Passi

In ogni caso, per far durare più a lungo possibile l'efficienza del Sistema, è consigliato svuotare spesso il Cestino di Windows, cancellare la Cronologia ed i File Temporanei di internet e disinstallare quei programmi che non vengono più usati. Per fare ciò basterà andare in Pannello di Controllo ed aprire Installazione Applicazioni: dopo qualche istante verrà creata una lista di tutti i programmi presenti in Windows e cliccando su ognuno di essi, apparirà sulla destra il bottone Rimuovi. Si consiglia di rimuovere solamente le applicazioni di cui si conosce il nome, senza toccare quelle ignote, altrimenti si rischia di compromettere il corretto funzionamento del Sistema o di alcune applicazioni.

Articolo scritto da mara82 - Vota questo autore su Facebook:
mara82, autore dell'articolo Windows Lento? Ecco Come Migliorarne Le Prestazioni In Pochi Passi
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Guide Manuali e How To
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Guide Manuali e How To
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione