Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Apple Testimonia Sulla Privacy Mobile E Cache Crittografata Della Localizzazione Su Ios


11 maggio 2011 ore 16:06   di BaudelaireInBraille  
Categoria Informatica e Internet  -  Letto da 326 persone  -  Visualizzazioni: 764

Il vice presidente di Apple, Bud Tribble ha oggi partecipato ad una discussione del Senato Statunitense sulla Privacy Mobile, particolarmente incentrata sui salvataggi delle localizzazioni. L'apparizione di Tribble è avvenuta insieme ad Alan Davidson di Google e altri esperti insieme ad esperti avvocati in campo di privacy.

Durante la sua testimonianza, Tribble ha voluto specificare che la localizzazione in iOS non ha tracciato la posizione dei dispositivi direttamente ma ha mantenuto del suo database le informazioni sui ripetitori telefonici e gli access point per aiutare il device nel determinare velocemente la sua locazione per i servizi che utilizzavano queste informazioni.
La Apple ha però ammesso che i bug presenti nel sistema operativo mobile hanno permesso alla cache di diventare di dimensioni abbastanza grandi di quello che si pensava, e l'iOS non consentiva di cancellare questa cache quando i servizi di localizzazione era disabilitati. Questi bug sono stati però prontamente sistemati con l'ultima release di iOS 4.3.3.


I piani di Apple stanno apparentemente andando oltre, specificando che verrà comunque criptata la ridimensionata la cache locale nella prossima "major release" di iOS. Apple ha già smesso di salvare tramite la sincronizzazione e il backup di iTunes, la cache degli access point nel computer.

La cache locale è protetta tramite le caratteristiche di sicurezza in iOS, ma non è criptata. A partire dalla prossima major release (iOS 5), il sistema operativo mobile cripterà ogni cache locale di localizzazione degli hotspot Wi-Fi e ripetitori cellulari.

Prima dell'update con iOS 4.3.3, iTunes salvava la cache locale, situata in consolidated.db come parte del backup normale che veniva eseguito tramite la sincronizzazione con iTunes. Il backup di iTunes includeva anche consolidated.db molto probabilmente non veniva criptato, se non si spuntava l'opzione in preferenze. Dopo l'update software, iTunes non potrà salvare la cache locale che da ora in poi si troverà in cache.db.

Apple Testimonia Sulla Privacy Mobile E Cache Crittografata Della Localizzazione Su Ios

I senatori hanno pressato Apple, Google e altre applicazioni di terze parti, su come queste aziende collezionano ed utilizzano i dati e gli usi da applicazioni di terze parti che offrono software per iOS o Android, ed ha pressato anche queste applicazioni di terze parti che dovrebbe pubblicare esplicitamente le policy che riguardano i dati degli utenti.

In risposta, Tribble ha brevemente spiegato come funziona l'App Store di Apple, ed ha sottolineato che la compagnia di Cupertino crede che le policy degli sviluppatori non dovrebbero andare oltre che informare gli utenti e condividere informazioni sulle decisioni di Apple di includere indicatori visivi di come queste informazioni sono state visionate dalle applicazioni ma solo sulle operazioni effettuate nelle ultime 24 ore.

Articolo scritto da BaudelaireInBraille - Vota questo autore su Facebook:
BaudelaireInBraille, autore dell'articolo Apple Testimonia Sulla Privacy Mobile E Cache Crittografata Della Localizzazione Su Ios
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Informatica e Internet
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Informatica e Internet
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione