Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Farmville E Il Successo Dei Social Games Di Facebook


18 giugno 2010 ore 10:38   di blackstar  
Categoria Informatica e Internet  -  Letto da 1018 persone  -  Visualizzazioni: 1655

Chi è impegolato con Facebook, di sicuro avrà modo di misurarsi quotidianamente con i suoi numerosi “social game”, uno per tutti, il multicliccato FarmVille, clone più appetibile del pioniere Farm Town, del 2009; per i pochi internauti che ancora lo ignorano si tratta, in definitiva, di un browser game on-line busy, disponibile su Facebook e sviluppato dalla software-house californiana Zynga.

A fine 2009 vantava oltre 13 milioni di utilizzatori giornalieri e un totale di circa 83 milioni di fruitori attivi al mese, e 22.5 milioni di aficionados a febbraio 2010, meritando la palma di applicazione Facebook più diffusa. Anche se non lo giocate in prima persona è molto probabile che la vostra pagina di Facebook sia continuamente invasa da “agro contenuti” quali mucche smarrite, “mistery eggs”, piante carnivore e tutta la relativa e fantasmagorica mercanzia “farmvillana”; chi di voi cittadini di Facebook ne è scampato alzi il mouse.


Mia moglie è una farmdipendente, e con occhio preoccupato la guardo rimbalzare per ore dal suo al mio (!) account, tutta intenta a scambiarsi regali per aumentare di livello nel diabolico “agrogiochino”.

Farmville E Il Successo Dei Social Games Di Facebook

Confesso di essere un “hardgamer”, in quanto appassionato videogiocatore, ma di titoli da consolle quali ad esempio Killzone, God of War, Fifa/Pes, Modern Warfare ecc., e non riesco a comprendere quale attrattiva inchioda mia moglie e altri svariati milioni di utilizzatori alle loro stalle e fattorie, “cosa ti piace e ti coinvolge tanto” chiesi un giorno alla mia metà. La sua risposta mi colpì: “in effetti non te lo so spiegare, è carino…. mi piace!” – Allora decisi di provare, e nel giro di un paio di giorni entrai nel perverso sistema del bastone/carota, il micidiale meccanismo che ti spinge a elemosinare, presso amici e pseudo conoscenti, pregandoli di diventare propri vicini di fattoria, con la possibilità di ricevere e fare regali, sbloccare upgrade e “mungere” dai contatti nuovi bonus. Praticamente un passatempo dove vincono tutti, soprattutto gli ideatori, visto che il meccanismo è studiato per aumentare la massa, da “mungere” aumentando lo spazio visibile sfruttato dai vari annunci pubblicitari che spingono i giocatori a scambiare denaro sonante con conio virtuale, necessario in FarmVille per aumentare di livello, vero ed unico obiettivo del gioco.

“Solo un altro raccolto e poi basta”, mi dicevo, ma non riuscivo a smettere, anche perché i realizzatori di FarmVille sembrano essere i migliori imbonitori sul mercato, adescandoti in modo subdolo; prima arrivano le coccarde e decorazioni varie, poi l’albero di natale, addirittura la mongolfiera, ma la più perversa di tutti è ‘La Stalla’: chi è nel furore contadino come tanti sa perfettamente di cosa parlo, soprattutto se non l’ha ancora finita di costruire!!! La mia fortuna è che alla lunga è tornato a pulsare in me un richiamo forte, il mio senso del dovere mi ha convinto ad imbracciare di nuovo il fido STA 11 Submachine Gun, e a tornare sul pianeta Helghan, a caccia di Visari!

In conclusione, per me permane il mistero, solo la psicologia può spiegare il successo perentorio di tali social games, ed oggettivamente bisogna riconoscere agli sviluppatori di FarmVille et similia grandi meriti e capacità. Un avvertimento, statene lontani, se davvero amate il vostro tempo libero!

Articolo scritto da blackstar - Vota questo autore su Facebook:
blackstar, autore dell'articolo Farmville E Il Successo Dei Social Games Di Facebook
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!


Commenti

 

potevi evitare di scrivere un articolo simile al mio!

Inserito 18 giugno 2010 ore 15:49
 

Cara Michelina, quando ho visto il tuo articolo pubblicato ieri sera mi e' venuto un mezzo infarto, il mio era quasi pronto, cosa avresti fatto al posto mio? Ti chiedo scusa, ma non trattandosi di argomenti di "nicchia" ho scelto di inviarlo lo stesso, un pomeriggio di lavoro non si butta via, no? Prometto che non succedera' piu', ti saluto e auguro il meglio ;)

Inserito 18 giugno 2010 ore 16:36
 

dai ok stavolta sei perdonato ;) solo questa volta però eh! :) ;) un bacioneeeeee

Inserito 19 giugno 2010 ore 12:50
 

Mi sento sollevato, per sdebitarmi prometto di leggere tutti i tuoi articoli! :D

Inserito 19 giugno 2010 ore 14:18
 

ahahahahahah tranquillo :) :) :)

Inserito 19 giugno 2010 ore 21:34
 

Ottimo articolo! Io faccio parte della piccolissima percentuale di frequentatori di facebook che non ha considerato il giochino più gettonato del mondo, quindi alzo con orgoglio il mio mouse e ti saluto!

Inserito 20 giugno 2010 ore 23:27
 

Hehehe grande Fixer! Avverti quando ci sarà da lustrasi gli occhi sui tuoi articoli! ;D un abbraccio!

Inserito 20 giugno 2010 ore 23:41
 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Informatica e Internet
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Informatica e Internet
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione