Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

File Hosting Premium Con Google


10 aprile 2012 ore 17:07   di C_F_Rizzo  
Categoria Informatica e Internet  -  Letto da 685 persone  -  Visualizzazioni: 1460

In seguito alla chiusura di Megaupload, imposta dal Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti, si è scatenato un terrore generale che ha coinvolto le aziende titolari di servizi analoghi. Così file hosting come FileServe, FileSonic o FileJungle, anch’essi utilizzati per condividere film, musica, serie tv e quant’altro, si sono defilati prima che l’FBI bussasse alla loro porta e si sono trasformati in semplici servizi di cloud storage che non consentono alcun tipo di condivisione. Tuttavia, il file hosting inteso come sinonimo di file sharing cova ancora sotto le ceneri di Megaupload & Co.

Approfittando di questa situazione, molteplici altri servizi di file hosting fanno a gara per accaparrarsi i tanti utenti orfani di Megaupload. Oltre a quelli che già esistevano, nelle ultime settimane sono nati decine di altri servizi che mettono i loro server a disposizione degli utenti che vogliono condividere i propri file. L’offerta consiste in due tipologie di piani: Free e Pro. Nel primo caso gli utenti non pagano nulla ma devono sottostare ai limiti imposti sulla dimensione massima dei file, niente download simultanei, estenuanti tempi di attesa e inserimento di un codice Captcha prima di procedere al download. Gli account pro, invece, a fronte di un abbonamento giornaliero, settimanale, mensile o annuo, non hanno di queste limitazioni e possono contare su tempi di download nettamente inferiori grazie alla banda ad essi dedicata.


Poiché i limiti non piacciono a nessuno, ma non tutti vogliono pagare per l’acquisto di un abbonamento premium, gli utenti si sono organizzati dando vita ad una nuova pratica, quella della condivisione degli account Pro. Le norme dei servizi di file hosting non vietano l’utilizzo condiviso degli account, e ciò vuol dire che un solo account a pagamento può tranquillamente essere utilizzato da più utenti. Ciò può avvenire in privato, ad esempio più amici acquistano un abbonamento premium condividendone spese e vantaggi, o in pubblico, proprio come accade su decine di blog e forum. Basta una semplice ricerca su Google per riuscire a reperire una marea di risultati che puntano a pagine Web in cui vengono pubblicati i dati di accesso per gli account premium registrati su noti servizi di file hosting. Celata da generosità, in effetti, si tratta di una strategia adottata dagli stessi gestori di blog e forum. Il richiamo di account premium a costo zero attira migliaia di utenti che assicurano cospicui ricavi all’amministratore del sito, guadagni scaturiti dalle pubblicità presenti nelle pagine e soprattutto dai servizi di redirecting, fastidiosi strumenti di advertising che costringono l’utente alla visualizzazione di un annuncio pubblicitario fino al termine di un conto alla rovescia.

Anche se gli account premium condivisi sono numerosi e appartenenti a diversi servizi di file hosting, non è affatto scontato riuscire a trovarne uno che garantisca l’accesso. La validità dell’account è limitata a pochi fortunati, ma più che la dea bendata, è la velocità degli utenti a stabilire chi potrà approfittare dei dati per scaricare file senza alcun vincolo. Ecco perché è necessario arrivare prima degli altri e farlo è difficile se non ci si serve di strumenti adatti.
Nulla di complicato, è sufficiente utilizzare le ricerche avanzate e gli Alert di Google, oltre che dotare il browser di un add-on che faccia guadagnare secondi preziosi bypassando i servizi di redirecting. Trovati i dati ancora validi per l’accesso a un account premium su uno dei tanti servizi di file hosting, l’utente potrà sfruttarlo per condividere file a tutta birra, ovviamente, sempre facendo attenzione al materiale che condivide/preleva dalla rete.

File Hosting Premium Con Google

Articolo scritto da C_F_Rizzo - Vota questo autore su Facebook:
C_F_Rizzo, autore dell'articolo File Hosting Premium Con Google
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Informatica e Internet
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Informatica e Internet
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione