Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Google Adsense E I Dubbi Fiscali: Tasse, Partita Iva, Dichiarazione Dei Guadagni


15 giugno 2011 ore 10:13   di DannyJoyd  
Categoria Informatica e Internet  -  Letto da 866 persone  -  Visualizzazioni: 1642

Anche voi forse siete tormentati ripetutatemente da domande quali “Ma quello che guadagno con Adsense, anche se è pochissimo, devo dichiararlo da qualche parte?”, oppure “Ma non è che devo aprire una partita IVA?” o ancora “Non ci sono tasse sui miei guadagni?”, ma non riuscite a darvi una risposta sicura o non sapete di chi fidarvi. Il web è tutto meno che un paradiso fiscale, e il Fisco non chiude certo un occhio su chi guadagna (magari anche molto) in Internet, evadendo qualunque imposta.

Certo, è difficile che si abbia accesso ai vostri dati bancari se non in rarissime occasioni, ma questo non è un motivo per diventare a tutti gli effetti degli evasori fiscali, danneggiando l'Italia intera. Ora, tutti i “dubbi fiscali” sui vostri guadagni legati al programma del motore di ricerca californiano possono cominciare se si legge la pagina “Devo pagare imposte sulle mie entrate AdSense?” nella guida di Google Adsense, in cui si legge chiaramente: “È possibile che tu debba pagare imposte sulle entrate AdSense. È tua responsabilità conoscere e uniformarti alla legislazione fiscale vigente. Google non è in grado di fornirti consulenza in materia fiscale.”.


Detto questo, se si controlla anche (parlo di un account Adsense italiano, ovviamente) la scheda “Dati fiscali” all'interno della pagina “Account Personale”, si legge inoltre che “Google non richiede dati fiscali per questo account AdSense. I publisher AdSense sono responsabili della conformità alle normative fiscali locali in vigore nei rispettivi Paesi.”. Un po' come dire che Google se ne lava le mani, e non ha responsabilità se tu sei un potenziale evasore o no.

Google Adsense E I Dubbi Fiscali: Tasse, Partita Iva, Dichiarazione Dei Guadagni

Ecco quindi che è necessario cominciare a farsi qualche dubbio, e ad informarsi sulle leggi italiane in continuo cambiamento e sulla materia fiscale. Io, che non ho particolari conoscenze né in ambito fiscale, né in ambito legislativo, ho deciso di utilizzare il web per “raccogliere le idee”, leggendo veramente molto di ciò che è stato scrtto da chi se ne intende davvero riguardo questo argomento. Nessuno, comunque, sembra avere le idee così chiare da poter offrire certezze e non consigli, e infatti le opinioni sono spezzate tra questi due filoni di pensiero, sintetizzando al massimo:

1 – La mia affiliazione a Google Adsense è a tutti gli effetti un'attività d'impresa o comunque attività di guadagno continuativa, e in quanto tale devo OBBLIGATORIAMENTE aprire una partita IVA, anche se guadagno 5 euro al mese.

2 – La mia affiliazione a Google Adsense può essere considerata un'attività di guadagno temporanea o collaborativa e quindi, se si tratta di guadagni sotto una certa soglia (c'è chi dice 5000 euro l'anno, chi dice 3000 euro l'anno, chi cita altre cifre), posso NON dichiarare nulla e continuare SENZA partita IVA.

Google Adsense E I Dubbi Fiscali: Tasse, Partita Iva, Dichiarazione Dei Guadagni

Non se ne esce, vero? Quello che sembra chiaro, invece, è come non esista una regolamentazione chiara e sicura, ma dipende da come la nostra attività viene interpretata da chi controlla. Alcuni commercialisti od esperti di finanza, ad esempio, consigliano di dichiarare i propri guadagni portati a casa con Google Adsense nel modello 730, precisamente tra gli “altri guadagni”, occasionali e temporanei. Altri, però, dicono che ciò non basta, e che a scanso di quivoci è sempre consigliabile aprire una partita IVA.

Se i vostri guadagni non bastano nemmeno a coprire le spese, la cosa da fare a questo punto sarebbe sospendere i pagamenti fino a che non si raggiunge la somma desiderata, per poi andare avanti di questo passo, in piena legalità. Il dubbio dilaga, quindi, e nessuno sembra dare una risposta certa, motivata e facilmente praticabile. Nel frattempo, come abbiamo visto, Google se ne lava le mani, giustamente, e sta a noi prendere una decisione che si rispetti il più possibile le leggi in vigore. Buona fortuna!

Consigli di lettura, discussioni nel web:

Adsense e tasse - HTML.it

Adsense e Fisco?? - Google groups

Ora è sicuro: gli Introiti di Google Adsense sono davvero tassabili - Google groups

Fisco e dichiarazione guadagni AdSense e altri programmi di affiliazione - Generazione Internet

Articolo scritto da DannyJoyd - Vota questo autore su Facebook:
DannyJoyd, autore dell'articolo Google Adsense E I Dubbi Fiscali: Tasse, Partita Iva, Dichiarazione Dei Guadagni
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!


Commenti

 
  • Sandro kensan
    #1 Sandro kensan

Articolo molto interessante, mi chiedo solo come mai lo Stato non pensi di tassare in modo equo i piccoli guadagni AdSense, chiede di aprire partita IVA per i guadagni modesti o piccoli è inverosimile, le spese supererebbero i guadagni. Manca l'attenzione verso Internet.

Inserito 16 giugno 2011 ore 12:29
 

Purtroppo è vero, manca l'attenzione verso Internet e non ci sono leggi adeguate per questi utilizzi della Rete. E' tutto un gioco di interpretazione e rischio riguardo leggi non scritte certo pensando a guadagni di Adsense o cose di questo tipo. Un vero peccato.. e un problema,sicuramente. Grazie mille, comunque!

Inserito 16 giugno 2011 ore 13:29
 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Informatica e Internet
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Informatica e Internet
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione