Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Le Chat, Gli Sms E I Social Network Allontanano Gli Studenti Dalla Lingua Italiana


23 febbraio 2012 ore 19:20   di spaziovendita  
Categoria Informatica e Internet  -  Letto da 438 persone  -  Visualizzazioni: 1197

Tanti anni fa la preoccupazione più grande era preservare la lingua italiana dalle parole straniere, in particolare dall’inglese, che attualmente oltre ad essere la lingua più parlata del mondo, è la più utile per tutti coloro che sono alla ricerca di un lavoro in qualsiasi ambito. Attualmente invece la lingua italiana, non subisce minacce da lingue estere, dato che la loro presenza è ormai consolidata da anni. A dar filo da torcere alla lingua italiana, sono le nuove generazioni, che con l’utilizzo delle nuove tecnologie, come chat, sms e social network non fanno altro che sminuire la bellezza e la particolarità della nostra lingua.

L’uso spasmodico di abbreviazioni, di parole scritte in modo errato, sta facendo perdere l’abitudine di utilizzare al meglio l’italiano. In particolar modo i ragazzi che scrivono sms per essere brevi e concisi scrivono le parole sottoforma di codice fiscale, abolendo, nella maggior parte dei casi, le vocali. Per non parlare della lettera K che ha sostituito il CH, e infatti, sono molti gli insegnanti che si lamentano dei loro studenti e delle loro cattive abitudini grammaticali.


I nostri antenati, e soprattutto i poeti e i letterati che hanno fatto la storia della nostra letteratura, di certo rimarrebbero sbalorditi di fronte a questi cambiamenti sintattici, che non fanno bene al nostro sistema linguistico. I ragazzi tendono, poi, ad utilizzare sempre le stesse parole, non riescono ad aumentare il proprio bagaglio lessicale, a causa dell’esagerato uso di queste tecnologie. È sempre più difficile, anzi quasi raro, vedere i nostri ragazzi leggere dei libri che di certo potrebbero arricchire non solo le loro conoscenze grammaticali e lessicali, ma anche quelle culturali.

Le Chat, Gli Sms E I Social Network Allontanano Gli Studenti Dalla Lingua Italiana

Vedere la lingua di Dante ridotta ai minimi termini non è assolutamente comprensibile : “cmq” al posto di “comunque”, “tt” al posto di “tutto” o “x” al posto di “per”, sono solo dei piccoli esempi, che permettono di capire come è cambiata la nostra lingua. È vero che in questo modo si risparmia tempo e anche denaro, ma ciò non può essere giustificato, dato che la vita non si riduce ad un sms. I ragazzi spesso non sanno trovare le parole giuste perchè non vengono mai sollecitati in quel senso, e spesso utilizzano un registro linguistico inadeguato quando si trovano in contesti diversi come una conversazione con gli insegnanti o durante le interrogazioni.

Il fenomeno è dilagante. All’inizio anche gli esperti di linguistica, forse, non immaginavano che la sintassi e la grammatica italiana avrebbero subito questo tipo di mutamenti. Dato che la lingua è un sistema dinamico, sappiamo bene che col passare del tempo certe trasformazioni possono entrare a far parte ufficialmente di un determinato sistema linguistico. Ovviamente, in questo caso, si spera che ciò non avvenga in futuro.

Articolo scritto da spaziovendita - Vota questo autore su Facebook:
spaziovendita, autore dell'articolo Le Chat, Gli Sms E I Social Network Allontanano Gli Studenti Dalla Lingua Italiana
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!


Commenti

 

Finalmente qualcuno se n'è reso conto e ha il coraggio di dire ciò che io stesso penso ormai da anni. I nostri ragazzi, oltre alla sana abitudine alla lettura, hanno perso anche la capacità di scrivere correttamente, e non vorrei proprio essere nei panni dei loro insegnanti. Complimenti per l'acutezza. Una sola, anche se un po' pedante, precisazione: anche se solo per una questione di numeri, la lingua più parlata al mondo è il Cinese.

Inserito 23 febbraio 2012 ore 23:01
 

Grazie del commento e per la precisazione!

Inserito 23 febbraio 2012 ore 23:23
 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Informatica e Internet
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Informatica e Internet
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione