Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Linkstreaming.com Chiuso Dalla Guardia Di Finanza


21 aprile 2010 ore 21:09   di Laurissima  
Categoria Informatica e Internet  -  Letto da 1230 persone  -  Visualizzazioni: 2150

La Guardia di Finanza di Cagliari ha chiuso oggi linkstreaming.com, il sito che consentiva di scaricare e di vedere in streaming gratuitamente film e pellicole nuovissime, ancora in programmazione nelle sale cinematografiche, oltre a musica e puntate delle più famose serie televisive, il tutto ovviamente in violazione delle norme sul copyright.

Linkstreaming.com era il primo sito in Italia per dimensione con più di 600.000 contatti al giorno e proprio per i volumi raggiunti la sua chiusura rappresenta oggi un duro ed importante colpo inferto alla pirateria.
L’operazione condotta dalla Fiamme Gialle ha portato all’identificazione dei 6 amministratori, tutti italiani che, distribuiti tra Piemonte, Lazio e Campania, gestivano il server con sede in Svezia.


Gli amministratori avevano sviluppato un buon giro d’affari anche grazie ai click sugli annunci pubblicitari pubblicati sulle pagine del sito che aveva raggiunto la cinquantesima posizione nella classifica dei siti più cliccati.
Ora queste persone sono tutte indagate e rischiano sanzioni da 2.582 a 15.493 euro, oltre alla reclusione da uno fino a quattro anni di carcere.

Soddisfazione per il risultato raggiunto è stato espressa dalla Fapav (Federazione anti pirateria audiovisiva) e dalla Fpm (Federazione contro la pirateria musicale).

Linkstreaming.com Chiuso Dalla Guardia Di Finanza

Ma le indagini, iniziate nel mese di febbraio, non si sarebbero ancora concluse perché mirano a coinvolgere altri server collegati a Linkstreaming.com, tutti con sede all’estero.
La lotta alla pirateria insomma continua e i fun di linkstreaming.com dovranno farsene una ragione: andranno finalmente al cinema e a comprare i cd...o cercheranno un nuovo sito dove scaricare?

Articolo scritto da Laurissima - Vota questo autore su Facebook:
Laurissima, autore dell'articolo Linkstreaming.com Chiuso Dalla Guardia Di Finanza
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!


Commenti

 
  • james
    #1 james

2 cose intanto credo che la prateria non sia una cosa completamente sbagliata nel senso la pirateria tante volte interviene dove unaa persona media con uno stipendio medio non potrebbe arrrivare cioè se io devo spendere per esempio con un gruppo di amici di ad esempio 4 persone x andare a vedere un film di 2 ore io debba spendere 28 euro in totale non mi sembra per niente giusto perchè a questo punto i pirati diventano coloro che ti rubano cifre esagerate x un qualsiasi evento cinematografico

Inserito 22 aprile 2010 ore 03:45
 
  • Dario
    #2 Dario

Pirateria...chi ruba? chi mette su internet file, oppure chi si prende 10 euro di biglietto al cinema, chi fa pagare un DVD 30 euro o un Blu-Ray 40, e i cd musicali 20 Euro....quali sono i ladri? ma vergognatevi....

Inserito 22 aprile 2010 ore 08:59
 
  • Dany
    #3 Dany

Il copyright è una norma del 1930. Il mondo è cambiato, e questo è un fatto. Il problema è che non è internet che deve adeguarsi al copyright, ma è il copyright che deve adeguarsi ad internet, al nuovo mondo. Ma chi lo va a dire ai nostri politici? Sarebbe inutile: non capirebbero, il più giovane ha 90 anni.

Inserito 22 aprile 2010 ore 09:39
 
  • Dario
    #4 Dario

Vogliono combattere la pirateria? facciano si che ciò che compriamo, non si paghi a peso d'oro... sarebbe un buon inizio....

Inserito 22 aprile 2010 ore 09:45
 
  • Pulp
    #5 Pulp

Secondo voi è giusto e corretto che si metta in ginocchio l'intero settore del videonoleggio con il facile download e streaming da internet?

Inserito 2 maggio 2010 ore 18:10
 
  • walter
    #6 walter

spero che un giorno arrivi la guardia di finanza a casa vostra, magari proprio mentre state scaricando o visionando illegalmente un film....

Inserito 2 maggio 2010 ore 22:16
 
  • Pulp
    #7 Pulp

x James: io vorrei una mercedes nuova fiammante, il mio stipendio non me lo consente, quindi secondo la tua logica potrei rubarne una... giusto?

Inserito 4 maggio 2010 ore 12:06
 
  • Ph0n3
    #8 Ph0n3

@Pulp: il fenomeno del videonoleggio ormai è superato... è figlio di un vecchio mondo... un mondo senza web... l'evoluzione stessa in natura porta alla scomparsa di specie e razze intere... e l'evoluzione della civiltà porta immancabilmente alla scomparsa dei figli di quella vecchia... ti faccio un esempio: gli idrocarburi inquinano... tutto il sistema di locomozione mondiale è basato sugli idrocarburi... ora si incentivano le energie rinnovabili, come solare, eolico, geotermico ecc. ecc... Tra qualche decade probabilmente soppinateranno petrolio e derivati... stesso processo di evoluzione :D

Inserito 25 maggio 2010 ore 11:32
 
  • Pulp
    #9 Pulp

D'accordissimo sull'innovazione tecnologica, ma non sull'illegalità.... Mi spiego meglio: ok venire soppiantati da un qualcosa di più moderno ma non di un qualcosa di illegale. Anche io offro film in streaming, ovviamente nella piena legalità e a pagamento, ma il ritorno economico è deludente! Grazie a tutta la schifezza gratis che circola in rete!

Inserito 29 maggio 2010 ore 18:49
 
  • un videonoleggia..
    #10 un videonoleggia..

Spero che un giorno portino via il lavoro, illegalmente, a voi oppure ai vostri padri.... auguri!!!

Inserito 20 aprile 2011 ore 17:03
 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Informatica e Internet
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Informatica e Internet
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione