Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Mark Zuckerberg: Ecco Come Cambia Facebook


6 dicembre 2010 ore 11:25   di Frald  
Categoria Informatica e Internet  -  Letto da 422 persone  -  Visualizzazioni: 632

Più chance di arricchire i profili, dando più spazio alle foto (appaiono in maggiore rilievo le più recenti), ai video, e più possibilità agli utenti di descriversi. Sono alcuni dei cambiamenti per Facebook che ha annunciato il creatore del social network, Mark Zuckerberg, 26 anni, nell'intervista in uno dei programmi giornalistici più seguiti della tv americana, 60 Minutes.

Il nuovo layout inoltre darà la possibilità di fare una lista delle persone importanti nella propria vita e di aggiungere dettagli sui rapporti con gli amici. Zuckerberg ha precisato che Facebook non vende informazioni sugli utenti (oltre 500 milioni) anche se l'intervistatrice Lesley Stahl ha sottolineato che compagnie esterne lo fanno, e che Facebook sta diventando “un inventario sempre crescente dei propri interessi e di ciò che ci piace”.


Uno degli obiettivi del social network è dare agli utenti 'consigli' più focalizzati sugli acquisti. “Quando puoi usare dei prodotti insieme agli amici, alla famiglia, e alle persone a cui tieni diventa un'esperienza più coinvolgente - ha detto Zuckerberg, che è apparso più rilassato ed autoironico rispetto ad altre interviste recenti – I prodotti assumeranno una nuova veste per essere più 'social'”.

Si è anche studiato un nuovo software per permettere un accesso più facile e completo dai telefonini. Il maggiore spazio per le foto viene invece dalla grandissima popolarità del servizio: infatti gli utenti postano sul social network oltre 100 milioni di foto ogni giorno.

Alcuni esempi del nuovo layout usati dal social network:
Mark Zuckerberg: Ecco Come Cambia Facebook

Mark Zuckerberg: Ecco Come Cambia Facebook

Mark Zuckerberg: Ecco Come Cambia Facebook

Zuckerberg ha anche rivelato di aver portato tutti i suoi impiegati a a guardare The social network, il film di david Fincher sulla nascita di facebook, da cui emerge un suo ritratto controverso. Il 26 enne Mark ha detto di non aver odiato il film e ha scherzato dicendo che almeno hanno azzeccato tutte le sue t-shirts: ''Sono certo di avere veramente alcune di quelle magliette, e hanno azzeccato anche i sandali”.

Anche se il film “ha rappresentato nel modo sbagliato le mie ragioni per creare facebook e il mio scontro con Tyler and Cameron Winklevoss”, i gemelli che sono stati all'inizio partner di Zuckerberg e che ora lo accusano di avergli rubato l'idea del social network. I Winklevoss gli hanno fatto causa e hanno trovato un accordo al di fuori del tribunale (hanno ricevuto 65 milioni di dollari) ma poi hanno deciso di appellarsi. Per Zuckerberg lo scontro con loro “non è mai stato un fattore importante riguardo Facebook e la sua evoluzione”

Mark Zuckerberg: Ecco Come Cambia Facebook

I gemelli Winklevoss

Zuckerberg ha detto che un giorno facebook potrebbe diventare una società pubblica per azioni, ma non per adesso: “Molte persone – ha spiegato – che creano società o società che ne vendono altre, pensano che andare sul mercato, diventare “pubbliche” sia l'obiettivo ultimo sia la vera vittoria.... io non la penso così”.

L'intervista di Mark Zuckerberg a 60 minutes:

Articolo scritto da Frald - Vota questo autore su Facebook:
Frald, autore dell'articolo Mark Zuckerberg: Ecco Come Cambia Facebook
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Informatica e Internet
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Informatica e Internet
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione