Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Telegram Vs Whatsapp: Perchè Farsi Ingannare?


19 novembre 2015 ore 01:00   di fantasista95  
Categoria Informatica e Internet  -  Letto da 535 persone  -  Visualizzazioni: 735

Parlando dei moderni servizi di messaggistica instantanea, che stanno mano a mano andando a sostituire i tradizionali sms, sentiamo ogni giorno, da parte di molte persone, le solite frasi : "WhatsApp è il più diffuso,quindi è il migliore!". Ma è davvero così? Avete mai davvero provato ad utilizzare altre app? In questo articolo vi riveleremo perchè Telegram,un'app che si sta facendo strada in questo settore, ma ancora oggi sconosciuta a molte persone, è migliore del famosissimo WhatsApp.

Dimensioni. Innanzitutto,possiamo partire da quelle che sono le dimensioni del download delle due app dal Play Store e dalla conseguente memoria che occuperanno nel nostro device. Sono all'incirca 19 i megabyte che occupa l'icona verde di WhatsApp nel nostro smartphone,mentre sono 15 quelli occupati da Telegram. "Che differenza!", può sarcasticamente pensare qualcuno. In effetti per quanto riguarda questo aspetto le due app di equivalgono,anche se Telegram è leggermente in vantaggio. Quest'ultima però straccia completamente il suo più famoso avversario per quanto riguarda la memoria RAM occupata,il che è da non sottovalutare nel caso si possegga un device un pò datato. Sono più di 30 i mega occupati da WhatsApp e soltanto SEI,quelli occupati da Telegram. "1-0,palla al centro!" ,direbbe uno sportivo. Telegram stravince su questo campo,ma è solo l'inizio.


Registrazione. WhatsApp ha conquistato gran parte della sua fama grazie ad una mossa a dir poco geniale: per registrarsi basta inserire il vostro numero telefonico e si inizia subito ad usare il servizio. No e-mail,no password. Questo ha portato tre vantaggi quasi rivoluzionari, il primo è l’estrema semplicità di registrazione e di accesso, il secondo è il fatto di non aver bisogno di cercare le persone con cui messaggiare, perchè la rubrica telefonica viene integrata nell'app,il terzo infine è la possibilità di rimanere sempre connessi,senza perdersi nemmeno una notifica. Telegram fa lo stesso, anzi meglio. Oltre a queste opzioni,ci da la possibilità di aggiungere un nickname per essere visibili in una ricerca globale.

Condivisione. Con WhatsApp è possibile inviare foto, video, file audio fino ad un massimo di 16 MB.
Con Telegram è possibile inviare QUALSIASI TIPO DI FILE,entro 1GB. Inoltre,quest ultimo non comprime i file a differenza di WhatsApp che comprimendoli,ne riduce la qualità. Anche in questo campo,è palese che Telegram sia il vincitore della sfida.

Sicurezza. Spesso,si tende a sottovalutare questo discorso. Telegram punta tantissimo sulla sicurezza e fornisce ai propri utenti un sistema dove sicurezza e privacy dei nostri dati sono tutelati al massimo. Il confronto con il suo avversario è quasi umiliante.
WhatsApp desta continue preoccupazioni per quanto riguarda la sicurezza. Basti pensare che ci sono servizi che permettono di ricevere il contenuto di messaggi di utenti connessi alla nostra stessa rete Wi-Fi.

Costo. WhatsApp regala un anno di utilizzo gratis ai propri clienti,mentre dopo si è costretti a pagare questa "tassa" di 89 centesimo l'anno per continuare ad utilizzarlo. Telegram invece offre tutte (e altre) le funzionalità citate in precedenza GRATUITAMENTE. Non ci sono costi e pubblicità,ne prima,ne dopo,ne mai.

Bisogna precisare che però WhatsApp ha aggiunto alle proprie funzionalità anche la possibilità di chiamare,anche se il servizio ha destato molte perplessità tra gli esperti,dato che funziona in maniera precaria. Siamo pronti a scommettere che questa funzionalità,sarà presto presente anche nello strabiliante Telegram.

Ricapitolando,Telegram batte WhatsApp in ogni campo: dimensione,registrazione,condivisione di file,sicurezza e costo. L'unico punto a favore della nuvoletta verde è quello della possibilità di effettuare le chiamate,ancora non disponibile in Telegram. Potete passare a Telegram ed avere un servizio decisamente migliore e più sicuro GRATUITAMENTE. Siamo sicuri che dopo aver letto questo articolo anche tu deciderai almeno di provare Telegram e perchè no anche altri servizi di messaggistica. Cosa aspetti a farlo conoscere anche ai tuoi amici? Non seguire sempre la moda del momento,iniziate a rendervi conto di chi vi offre il servizio migliore al prezzo migliore e magari spendete quel 1 euro di abbonamento all'anno per sostenere un gioco o un'applicazione di uno sviluppatore che davvero lo merita.

Articolo scritto da fantasista95 - Vota questo autore su Facebook:
fantasista95, autore dell'articolo Telegram Vs Whatsapp: Perchè Farsi Ingannare?
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!


Commenti

 

Bell'articolo, curato nei minimi dettagli e ben esposto! Chiunque, ormai (comprese le persone anziane ) , usa WhatsApp e difficilmente credo che in futuro Telegram si possa sostituire radicalmente alla nuvoletta verde.

Inserito 19 novembre 2015 ore 12:40
 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Informatica e Internet
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Informatica e Internet
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione