Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Allergia Al Nichel, Dieta E Cura


27 settembre 2011 ore 23:00   di articuloco  
Categoria Moda Salute e Bellezza  -  Letto da 562 persone  -  Visualizzazioni: 1143

L'allergia al nichel è una delle allergie più diffuse anche se alle volte sottovalutata. Ne soffrono moltissime persone in Italia ma nella maggior parte dei casi si tratta più che altro di una forma di eritema da contatto, che si manifesta con rossori, irritazioni e vescicole al contatto con oggetti che lo contengono.

Gli oggetti incriminati sono di uso comune e quotidiano e spesso è difficile farne a meno. Chi soffre di questa patologia deve avere l'accortezza di sostituire gli oggetti metallici con quelli in plastica o legno. Ci sono infatti ottimi anelli e monili di bigiotteria realizzati in legno che non fanno assolutamente rimpiangere quelli in ferraglia.
Stesso discorso vale per gli orologi. La moda degli ultimi anni ha tirato fuori moltissimi modelli in plastica, che possono trovare posto tra gli accessori. La parte incriminata e' la fibbia di metallo. Se proprio non si riesce a fare a meno di questo oggetto ci si deve ricordare di passare due o tre mani di smalto trasparente sulle parti metalliche facendole asciugare bene. Questo è solo un pagliativo, infatti a contatto con l'acidità del sudore lo smalto si deteriora, esponendo la pelle al contatto con il nichel. Infine è bene fare attenzione a tutte le decorazioni metalliche che adornano magliette e pantaloni.


Comunque il mercato propone sempre più oggetti privi di nichel che annullano quasi completamente le intolleranze. C'è ancora un nemico nascosto che insidia la nostra salute. E' il bottone dei jeans, che nella parte interna entra in contatto con la pelle. Sempre meglio mettere una magliettina leggera nel pantalone, oppure coprire la parte interna con un pezzetto di cerotto di carta.
La sintomatologia regredisce non appena si smette di usare l'oggetto metallico incriminato, e può essere trattata farmacologicamente con una pomata o unguento al cortisone.

Il nichel è un elemento chimico, il suo mumero è 28, e si trova in molte sostanze di uso comune, compresi moltissimi alimenti.
Lo stress che ogni giorno viviamo fa si che alcuni soggetti affetti da allergia da contatto al nichel con il tempo possano sviluppare anche intolleranza ai cibi che lo contengono.
In questo caso il soggetto inizia a manifestare sintomi più seri che riguardano vari organi.

I rossori e i gonfiori si accompagnano a manifestazioni eritematose anche senza entrare in contatto direttamente con superfici metalliche, non solo si localizzano agli arti e al volto. Inoltre si accusano frequenti mal di testa, tensione addominale e stanchezza immotivata.

Ovviamente la sintomatologia varia in base alla serietà della forma allergica. Per prima cosa occorre contattare il dermatologo o l'allergologo che ci darà una dieta specifica.
Ci sono alimenti da eliminare completamente dalla dieta per almeno 6 mesi.

Gli alimenti incriminati sono anche quelli meno sospettati. Abolita cioccolata e cacao in generale, ma non solo. Occorre rinunciare al lievito chimico, questo significa che biscotti e merendine devono uscire dalla dieta senza appello. Anche le verdure vanno eliminate, soprattutto quelle in scatola e i legumi. Banditi anche l'insalata e gli spinaci. Vanno eliminati tutti i cibi in scatola, come tonno, mais, e pomodori. Quest'ultimi anche freschi.

Questi però sono solo quelli che contengono una quantità eccessiva di nichel, ma a questa lista il medico aggiungerà sicuramente altro, in base anche ai risultati dei test di intolleranza che vi farà fare.
Via libera invece a carne alla piastra, pesce (esclusi crostacei e molluschi), latte e derivati, uova e patate.

La cura di questa forma di allergia è costituita, oltre che dalla dieta ferrea, dall'assunzione di antistamici o farmaci steroidei.
Nei casi più importanti, che alterano la buona qualità di vita, sarà opportuno parlare con il proprio allergologo per capire se è necessario fare una desensibilizzazione verso il nichel.
E' una pratica che viene effettuata introducendo ogni volta una piccola quantità di allergene. Insomma una specie di vaccino che dura 8 mesi.

Articolo scritto da articuloco - Vota questo autore su Facebook:
articuloco, autore dell'articolo Allergia Al Nichel, Dieta E Cura
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Moda Salute e Bellezza
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Moda Salute e Bellezza
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione