Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Il Problema Delle Donne E' Davvero Photoshop?


11 novembre 2013 ore 18:26   di eutichete  
Categoria Moda Salute e Bellezza  -  Letto da 936 persone  -  Visualizzazioni: 1373

Ultimamente si sollevano da piu' direzioni voci di accusa contro l'usanza del fotoritocco, ampiamente diffusa nel mondo della moda e della pubblicita', voci che sottolineano come questo incida sempre piu' negativamente sulla percezione che noi donne abbiamo del nostro corpo. Si accusano i professionisti di Photoshop addirittura di spingere giovani donne - e non piu' cosi' giovani- dritte nel baratro dei disturbi alimentari e dell' anoressia.

Di recente una ragazzina americana di 14 anni, Julia Bloom, dopo aver raccolto la bellezza di 85.000 firme, ha vinto una causa contro la rivista fashion "Seventeen" ottenendo dal magazine l'impegno a non pubblicare mai piu' foto di modelle ritoccate per evitare di dare un' immagine falsata del corpo femminile. Su internet imperversano articoli e video sul "prima e dopo" che mostrano come la maggior parte delle immagini di attrici e di modelle che compaiono sulle riviste patinate vengano in realta' abbondantemente ritoccate prima di arrivare alla pubblicazione.


Ha sollevato molto scalpore un servizio comparso sul web : http://www.youtube.com/watch?v=17j5QzF3kqE. Scopo di questo genere di servizi sembra essere quello di dimostrare che le modelle in realta' non hanno fisici scolpiti e perfetti , ma corpi comuni e pieni di difetti e che quindi noi donne " normali " possiamo tranquillizzarci una volta per tutte perche' non c'e' nessuna differenza tra noi e loro , e' solo una grossa truffa: La truffa di Photoshop.

Cio' che lascia perplessi e' che tutti noi abbiamo frequentato una spiaggia o una palestra almeno una volta nella vita potendo constatare con i nostri occhi che ragazze con sederi minuscoli e tonici, lunghe gambe affusolate e tette da urlo esistono davvero, e per quel che ci e' dato sapere, sempre esisteranno, con o senza lo zampino di Photoshop. Alcune forse hanno fatto ricorso alla chirurgia estetica , altre magari seguono diete ferree e vanno in palestra 5 ore al giorno, altre sono state semplicemente benedette da Madre Natura...ma viene da chiedersi come noi donne possiamo pensare di liquidare la questione cosi', scaricando la colpa su un programmino innocente. Suona tanto come un voler eludere il problema, e' come se ci dicessimo : - C'e' in giro gente che ha qualcosa che io vorrei e che non ho , qualcosa che molto probabilmente non avro' mai e questo e' inaccetabile, mi getta nella disperazione e nell' odio di me, forse mi ammalero' e smettero' di mangiare oppure mi gettero' in abbuffate compulsive perche' non posso accettarlo...oppure...trovato! Nego la realta'. Mi dico che queste donne in realta non esistono, fingo di non vederle in giro, e quando una rivista me le sbatte sotto gli occhi continuo a negare la loro esistenza scaricando tutta la responsabilita' su Photoshop - che poi tra l' altro , stando ai vari video e foto comparative che si trovano sul web, provvede nella maggior parte dei casi a ritocchi minimi.

Quanto e' difficile accettare la realta' e prendere la responsabilita' di noi stesse e della nostra autostima? Tanto, e' innegabile.

Moltissime donne pur non soffrendo di veri e propri disturbi alimentari sperimentano l' odio di se' e del proprio corpo , la non accettazione, la nausea di fronte a qualche ruga o a qualche cuscinetto di grasso sulle cosce che si, magari, altre non hanno. Molte di noi combattono con le diete e con le mangiate, tuttavia e' essenziale non cedere a facili scorciatoie puntando il dito contro le riviste di moda e il fotoritocco, perché se lo facessimo davvero non avremmo speranza. E qui non stiamo parlando - badate bene - della speranza di cambiare il nostro corpo, di perdere o acquistare centimetri, di diventare piu' simili a una di quelle donne ( poche o tante non importa) che incontriamo nella vita e di cui invidiamo il fisico pressoche' perfetto.Qui e' in ballo qualcosa di piu' : stiamo parlando della speranza di fare pace. Fare pace con noi stesse e col nostro aspetto smettendola di fare paragoni, semplicemente perche' non ha senso. Stiamo parlando della speranza di capire e di sentire costantemente - non solo occasionalmente - che siamo meravigliose e uniche cosi' , non meglio ne' peggio di qualunque altra proprio perche' siamo fatte di miliardi di componenti fisiche, mentali, emotive, spirituali di cui siamo consapevoli solo in un' infinitesima parte.

Questo e' il lavoro vero . Quello che evitiamo nascondendoci dietro l'alibi del fotoritocco e delle donne " finte" arrivando addirittura a raccogliere firme per una denuncia, come la giovane americana che citavamo all' inizio dell' articolo. E lo evitiamo anche cercando di trovare limiti di vario genere nelle altre donne attraverso l'utilizzo dei classici stereotipi tipo "bella e stupida" o "bella e superficiale" che siamo noi donne stesse ad aver creato. E' sempre il nostro senso di inferiorita' che ci mette i bastoni tra le ruote, e lavorarci su', cominciando dal riconoscerlo, e' l'unica strada possibile anche se la piu' lunga e la piu' dura, quella che accuratamente evitiamo perche' e' piu' facile dare la colpa a qualcuno o a qualcosa fuori di noi.

E allora, da domani, proviamo a fare una cosa : quando usciamo e ci troviamo di fronte al primo cartellone pubblicitario con la giovane modella "perfetta" e ci coglie il solito sbandamento di vibrante inferiorita', fermiamoci un attimo e facciamole un sorriso a quella ragazzina . Proviamo ad essere felici per lei e per la sua bellezza piuttosto che negarla e poi pensiamo a cio' che di noi ci rende felici. E ringraziamo , si , ringraziamo per quello che abbiamo e anche perche le donne "perfette" esistono, e non e' del tutto impossibile imparare a conviverci.

Articolo scritto da eutichete - Vota questo autore su Facebook:
eutichete, autore dell'articolo Il Problema Delle Donne E' Davvero Photoshop?
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Moda Salute e Bellezza
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Moda Salute e Bellezza
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione