Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

In Italia Cala Del 20% Il Consumo Di Frutta E Verdura. La Colpa? Questa Volta è Del Batterio Killer


8 giugno 2011 ore 22:39   di onotocc  
Categoria Moda Salute e Bellezza  -  Letto da 346 persone  -  Visualizzazioni: 659

Il batterio killer, meglio identificato come Escherichia Coli, sta ancora facendo parlare di sè procurando danni inestimabili agli agricoltori di mezza Europa.Si è diffuso un clima di panico generale, che sta portando la gente a rinunciare al consumo dei prodotti ortofrutticoli.

L’intero settore produttivo ha subito un arresto evidente e per questo la Confederazione Italiana Agricoltorioccorre ha chiesto di aiutare gli agricoltori attraverso degli specifici piani d’intervento stabiliti a livello comunitario.


La psicosi e la paura, diffusa a macchia d’olio, ha spinto i consumatori a rinunciare ai prodotti ortofrutticoli, contaminati dal batterio dell’Escherichia coli, nonostante sulla vicenda permangono ancora molti dubbi, perché, nonostante tutti gli sforzi non si è ancora riusciti a fare totale chiarezza.

In Italia Cala Del 20% Il Consumo Di Frutta E Verdura. La Colpa? Questa Volta è Del Batterio Killer

Nel giro di pochissimi giorni, il consumo di frutta e verdura è sceso di circa il 20% e nel caso dei cetrioli si è registrata una perdita di ben il 70% delle vendite. In un primo tempo si era data la colpa del contagio ai cetrioli, ma dopo i primi accertamenti la notizia è stata smentita. Dopo qualche giorno si sono avuti forti sospetti sui germogli di soia, ma anche in questo caso, dopo una seria di controlli, il prodotto è stato "scagionato".

In tutto questo si denota la mancata adeguatezza dei provvedimenti adottati dall’Unione Europea, gli agricoltori italiani lamentano la scarsa incisività delle azioni dell’Unione Europea e si spingeranno a richiedere risarcimenti per il danno subito.

In Italia Cala Del 20% Il Consumo Di Frutta E Verdura. La Colpa? Questa Volta è Del Batterio Killer

In attesa di scoprire il reale motivo di questa contaminazione il consiglio è di seguire alcune semplici regole per evitare brutte sorprese:
1) Innanzitutto cerchiamo di consumare ortaggi e frutta di origine italiana, visto che è praticamente sparita la tanta reclamata etichetta che dovrebbe indicare, tra l'altro, l'origine di produzione del prodotto.
2) Lavare frutta e verdura fresca, come insalata o pomodori, con acqua e bicarbonato.
3) Sbucciare gli ortaggi che di solito mangiamo crudi, soprattutto se si tratta di cetrioli.
4) Lavarsi accuratamente le mani prima della preparazione dei cibi, prima di mettersi a tavola e dopo aver cucinato.
5) Preferire gli alimenti cotti, il trattamento termico, infatti, è l’unico modo per distruggere i batteri.

Articolo scritto da onotocc - Vota questo autore su Facebook:
onotocc, autore dell'articolo In Italia Cala Del 20% Il Consumo Di Frutta E Verdura. La Colpa? Questa Volta è Del Batterio Killer
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Moda Salute e Bellezza
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Moda Salute e Bellezza
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione