Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Miopia E Prevenzione: Ecco Come Tutelare I Nostri Occhi


18 novembre 2011 ore 22:23   di spaziovendita  
Categoria Moda Salute e Bellezza  -  Letto da 442 persone  -  Visualizzazioni: 1034

Nei Paesi avanzati si soffre sempre di più la miopia, il disturbo agli occhi che colpisce attualmente un miliardo e mezzo di persone nel mondo. E’ quanto emerso dallo studio effettuato da due ricercatori di Cambridge e riportato dal sito web repubblica.it qualche settimana fa.

La colpa della miopia così diffusa, non sarebbe però solo dei televisori e dei computer, ma legata soprattutto al fatto che passiamo troppo poco tempo all’aria aperta. Siamo infatti abituati a mettere a fuoco monitor e fogli di carta, televisioni e ipad, senza osservare paesaggi e panorami, persino lo stesso orizzonte che ci circonda. Quello che ne deriva è che la miopia, è diventata il disturbo visivo più comune e negli ultimi anni è aumentato notevolmente. Solo in Italia, una persona su quattro soffre di questo disturbo.


La causa principale di una miopia così diffusa è appunto legata al troppo poco tempo trascorso all’aria aperta, per svariati motivi, dalla pigrizia, ai lavori sempre più d’ufficio. Uno studio presentato all’American Academy of Ophthalmology ha confermato che per i bambini ed adolescenti ogni ora in più durante la settimana, trascorsa all’aria aperta, diminuisce del 2% la probabilità di diventare miopi.
Il perché è al quanto evidente; da un lato la luce naturale è più brillante della lampadine, protegge la forma del bulbo oculare stimolando quindi nella retina la produzione di dopamina, un neurotrasmettitore che svolge l’importante funzione di limitare la crescita del bulbo oculare. E poi, quando ci troviamo all’aperto, i nostri occhi tendono a mettere a fuoco oggetti più lontani, o addirittura, l’orizzonte. Da questa ricerca effettuata dal’università inglese, è emerso che non c’è alcun nesso tra miopia e ore passate davanti al computer o sui libri. Chi guarda molta tv o passa molte ore davanti ad un pc, ma compensa con le ore passate all’aria aperta, non è più soggetto a miopia di chi disdegna il telecomando o la tastiera. In parole povere, per tenere in forma i nostri occhi, bisogna allenarli e lo si può fare solo trascorrendo qualche ora all’aria aperta, osservando paesaggi e tutto ciò che si trova lontano da noi.

Non a caso, i bambini con “l’occhio d’aquila” sono quelli studiati in Australia, Paese dagli orizzonti vasti e dalla luce chiara, dove le ore che trascorrono all’aperto sono circa 14 a settimana, molte più rispetto ai bambini italiani, sempre meno predisposti ai giochi all’aria aperta, preferendo pc, play station e palestre al chiuso.

Miopia E Prevenzione: Ecco Come Tutelare I Nostri Occhi

Articolo scritto da spaziovendita - Vota questo autore su Facebook:
spaziovendita, autore dell'articolo Miopia E Prevenzione: Ecco Come Tutelare I Nostri Occhi
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Moda Salute e Bellezza
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Moda Salute e Bellezza
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione