Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Nuovo Esperimento Per La Cura Del Tumore Al Cervello


2 novembre 2011 ore 00:42   di tessa  
Categoria Moda Salute e Bellezza  -  Letto da 728 persone  -  Visualizzazioni: 1433

L’idea di far brillare i tumori cerebrali per aiutare i chirurghi ad operare è in fase di sperimentazione nel Regno Unito. Ai pazienti verrà somministrato un farmaco, 5-amino-acido levulinico (5 ALA), che provoca un cumulo di sostanze chimiche fluorescenti nel tumore. In teoria il bagliore rosa segnerà in modo chiaro i contorni del tumore rendendone più facile l’esportazione.

Più di 60 pazienti affetti da glioblastoma prenderanno parte alla sperimentazione. Essi hanno le cancerose cellule gliali, che di norma mantengono le cellule del sistema nervoso e del cervello in sede. In media i pazienti dopo la diagnosi sopravvivono per circa 15 mesi.


Per alcuni tumori, come per esempio quello al colon, i tessuti circostanti possono essere rimossi così come può essere rimosso il tumore. Invece la rimozione del tumore al cervello necessità di molta precisione.

Nuovo Esperimento Per La Cura Del Tumore Al CervelloIl dottor Colins Watts, che sta guidando la sperimentazione presso l’Università di Cambridge, ha dichiarato alla BBC che i chirurghi “non vogliono asportare troppo tessuto funzionale”. Bisogna verificare se l’applicazione diretta di farmaci sul tumore migliora i tassi di sopravvivenza.

Nuovo Esperimento Per La Cura Del Tumore Al Cervello

Dopo che il tumore è stato rimosso ai raggi UV, un sottile wafer verrà posto nella sede del tumore asportato. Il wafer dovrebbe rilasciare lentamente i farmaci chemioterapici nelle seguenti quattro , sei settimane uccidendo tutte le cellule cancerose rimaste. Questo potrebbe vincere una delle sfide con la chemioterapia per i tumori cerebrali.

Il Dr. Watt ha dichiarato: “Uno dei problemi della chemioterapia è che non possiamo sapere quanto il farmaco penetrerà il tumore a causa della barriera emato-encefalica”.

Charles Meacock, 56 anni, da Norfolk, che si è sottoposto all’esperimento, dice: “ Se avrò dei miglioramenti, questo esperimento potrà anche aiutare tutte le persone nella mia situazione, in futuro. Sono passate quattro settimane dal mio intervento e il recupero sembra andare come dovrebbe. Adesso bisogna solo aspettare e vedere cosa succede”.

Lo studio è stato finanziato dal Brain Trust Tumori Samantha Dickson, e dal Cancer Research UK. Il fondatore del Brain Trust Tumori Samantha Dickson, Neil Dickson, si è detto orgoglioso di essere il finanziatore della sperimentazione.

Kate Law, direttore del Cancer Research UK, ha dichiarato: “Curare i tumori al cervello è una vera sfida per i medici ed abbiamo urgente bisogno di nuovi trattamenti per poter aiutare le persone a cui viene diagnosticata questa malattia”.

Articolo scritto da tessa - Vota questo autore su Facebook:
tessa, autore dell'articolo Nuovo Esperimento Per La Cura Del Tumore Al Cervello
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Moda Salute e Bellezza
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Moda Salute e Bellezza
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione