Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Piccoli Consigli Per Curarsi Dall' Ansia


1 luglio 2011 ore 15:15   di bennie  
Categoria Moda Salute e Bellezza  -  Letto da 501 persone  -  Visualizzazioni: 1069

E' perfettamente normale entrare in ansia qualche volta, ma l'ansia continua, che può turbare la vita di chi ne soffre, deve essere curata. Per quanto possa sembrare difficile, quando siete nelle strette dell'ansia esistono ancuni atti che potete compiere da soli, idonei a controllare i sintomi che vi affliggono.

- Il primo (e il più importante) punto è quello di rendersi conto e di accettare di essere sotto stress. Lo stato di ansia non è affatto vergognoso ed è perciò sia inutile negare di potere essere vittima degli stessi stress che colpiscono gli altri sia di stabilire aprioristicamente che gli altri sono bravissimi nel combattere lo stress, mentre voi, al contrario, siete un fascio di nervi. I disturbi legati all'ansia sono difatti tra i più comuni e una buona parte delle persone che incontrate soffre probabilmente per qualche disturbo che ha la stessa origine di quelli per cui soffrite voi.


- cercate di riconoscere i sintomi per ciò che essi sono, in modo da ridurne la carica emotiva. Evitate di entrare in ansia per le vertigini, il senso di costrizione al torace o il nodo alla gola o per qualunque disturbo che può innescare una spirale di panico impedendovi di affrontarlo. In ciò fatevi anche aiutare dal vostro medico.

- cercate di capire da dove originano le vostre ansie. Di cosa avete paura? Siete in qualche situazione conflittuale? Se la vostra ansia è legata semplicemente al vostro modo di vivere, sarebbe bene che analizzaste profondamente i vostri interessi e in cosa o perché potete esserne disturbati.

- molte donne diventano ansiose in concomitanza con il ciclo mestruale perchè gli squilibri ormonali disturbano la loro emotività. Queste donne, oltre a segnare sull'agenda i giorni in cui avranno le mestruazioni, dovrebbero segnare anche i giorni in cui saranno emotivamente instabili. Fatto questo, dovrebbero analizzare queste annotazioni per vedere se se ne può ricavare un ritmo. Se si verifica proprio questo, è probabile che la loro fragilità nei confronti degli impegni coincida con il periodo mestruale e dunque potranno tenerne conto nel pianificare la loro vita. Potrebbero, cioè, impegnarsi a fondo nei giorni buoni e usare i meno buoni per rilassarsi.

- se la vostra ansia vi mette nell'impossibilità di compiere anche i lavori meno vincolanti, provate a suddividerli in piccole tappe intermedie e ponetevi degli obiettivi molto modesti, impegnandovi di più non appena avrete riacquistato fiducia in voi stessi. Non eliminate, però, i lavori fastidiosi o quelli che vi mettono in pensiero.

- siate comunque attivi. Anche se vi sentite distrutti, non arrendetevi, non mettetevi a letto né accasciatevi davanti alla televisione. Al contrario, sceglietevi un hobby che vi assorba completamente o qualunque altra cosa che vi possa distrarre evitando di continuare a rimuginare su voi stessi. Tutto ciò allevierà la vostra mentre più di una nervosa inattività (a meno che il vostro perfezionismo non trasformi l'hobby in un'altra fonte di ansia).

- sforzatevi di avere abitudini regolari. Una routine ben stabilizzata vi darà dei solidi punti di riferimento anche quando il resto della vostra giornata vi sembrerà caotico. Nutritevi in modo equilibrato, coricatevi a ore ragionevoli (anche se vi riesce difficile addormentarvi) e al mattino alzatevi e vestitevi anche se non dovete uscire. Curate il vostro aspetto.

- evitate più che potete caffè e sigarette che sostanzialmente aumentano lo stress. Non è necessario dilungarsi sui pericoli dell'alcol consumato per diminuire l'ansia: è un pericolo enorme, specie insieme con qualche sedativo prescrittovi dal medico.

- pianificate le vostre giornate in modo da stabilire un sensato alternarsi di impegno e di relax. Le tecniche di rilassamento quali lo yoga e gli esercizi respiratori (espressi nel mio articolo precedente) possono aiutarvi molto a calmarvi e a superare la fatica causata dalla tensione muscolare. Ricordatevi che gli esercizi troppo vigorosi, come uno sport pesante o il salire le scale di corsa, possono bruciare le energie che il corpo impiega per fronteggiare lo stress. Se non potete rilassarvi per interrompere un momento particolarmente impegnato, usate la tecnica dello "stop d'emergenza". Comandate un brusco "stop" alla vostra mente e inspirate profondamente: mentre espirate rilasciate dolcemente mani e braccia. Subito dopo reinspirate profondamente e, mentre espirare, rilassate le mascelle (probabilmente le troverete serrate strettamente). Lasciate cadere completamente la mandibola e respirate in modo calmo e profondo ancora un paio di volte. A questo punto tornate a ciò che stavate facendo, ma con un ritmo meno serrato.

- non tenetevi dentro le emozioni anche se, dovendo scaricare un malumore, è meglio evitare di farlo mentre siete, magari, in casa di amici. Eventualmente provate a prendere a calci un cuscino finché siete esausti.

Articolo scritto da bennie - Vota questo autore su Facebook:
bennie, autore dell'articolo Piccoli Consigli Per Curarsi Dall' Ansia
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Moda Salute e Bellezza
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Moda Salute e Bellezza
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione