Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Bentornato Ivan!


30 maggio 2010 ore 19:18   di alga  
Categoria Sport e Tempo Libero  -  Letto da 289 persone  -  Visualizzazioni: 557

Oggi a Verona il tempo ha ripreso a scorrere, dopo lunghissimi anni in cui pareva essersi irrimediabilmente fermato. Eravamo rimasti a quel 30 giugno 2006 quando, alla vigilia di un Tour che doveva forzatamente tingersi d’azzurro, il mondo del ciclismo fu travolto dall’Operacion Puerto, l’ennesima triste pagina di una vicenda chiamata doping e che aveva allontanato dai nostri sogni di gloria l’eroe più fulgido e credibile: Ivan Basso.

Quasi tre anni di squalifica, un periodo eterno nel quale abbiamo cercato di aggrapparci a nuove speranze subito disilluse (Riccò e Di Luca), nel vano tentativo di rinverdire la passione per uno sport straordinario come il ciclismo, l’unico, forse, che ha veramente provato a combattere la terribile piaga del doping.


Alti e bassi in questi anni, con un Ivan che, dopo la squalifica, pareva faticare nel ritrovare quella gamba che lo aveva reso l’unica, credibile alternativa allo strapotere di Armstrong, e con le nostre illusioni che, giorno dopo giorno, affievolivano travolte dalla certezza di averlo definitivamente perso nella lotta al vertice.

Una serie di piazzamenti tra Vuelta e Giri che, seppur prestigiosi, non sembravano in grado di restituircelo in tutta la sua grandezza, quella grandezza offuscata da un doping mai concretamente dimostrato. E anche in quest’ultima rosea kermesse, il ciclista di Gallarate navigava ai margini dei pronostici di vittoria che decantavano le gesta di altri presunti eroi, ma non le sue.

Bentornato Ivan!

Poi, sul Monte Zoncolan, il miracolo: Ivan tornava improvvisamente terribile, era nuovamente quel campione che rispondeva con un sorriso alle dilanianti fatiche di ostiche montagne che solo i grandi campioni sapevano affrontare con il giusto cipiglio.

La consacrazione giungeva lassù, su quel Mortirolo che aveva scritto indelebili pagine nella storia e tragedia del mai dimenticato Pirata Pantani, e su quelle rampe potevamo finalmente tornare ad urlare la nostra gioia per aver ritrovato il campione perduto, il faro di uno sport che, malgrado il doping ed i suoi tanti controsensi, continua ad appassionare e ad essere amato da milioni di Italiani.

E proprio mentre altre nuvole si addensano sulla sua recente storia (le accuse di Landis nei confronti di Armstrong rischiano di aprire altre pagine amare), ci ritroviamo a celebrare con gioia il ritorno ai meritati fasti dello straordinario campione che sembra prendersi beffa, col suo sorriso, delle faticose rampe che hanno reso immortali gli eroi più fulgidi di un meraviglioso sport chiamato ciclismo: ben ritrovato grande Ivan.

Articolo scritto da alga - Vota questo autore su Facebook:
alga, autore dell'articolo Bentornato Ivan!
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Sport e Tempo Libero
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Sport e Tempo Libero
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione