Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Calcio, Lega Pro: Il Glorioso Savona Verso Il Fallimento


1 marzo 2012 ore 23:34   di grey_bellamy  
Categoria Sport e Tempo Libero  -  Letto da 333 persone  -  Visualizzazioni: 628

Anno bisesto, anno funesto: per il Savona è vero. Si sta infatti chiudendo in un modo particolarmente triste la storia della realtà calcistica ligure, destinata al fallimento dopo che l'asta del 29 febbraio si è rivelata un buco nell'acqua. Già di rado fortunata sul campo, la società ha visto svanire in poche ore tutte le belle speranze nate negli ultimi anni, anche se la città non si è rassegnata, e qualcuno nutre ancora speranze di un accordo tardivo.

All'ambizioso progetto di Andrea Pesce, che nel 2009 aveva acquisito la società allora impelagata in Serie D, e che l'aveva ricondotta in Seconda Divisione, hanno fatto seguito problemi economici che hanno travolto la realtà biancoblù. Eppure, la confortante condotta della squadra sotto la guida del capace allenatore Ninni Corda e le indiscrezioni che volevano interessata alla società la famiglia Spinelli avevano fatto sperare in un avvenire più sereno.


Invece gli avvenimenti di mercoledì hanno vanificato tutto, complice l'allontanamento della coppia di imprenditori Barbano-Delle Piane, uomini considerati vicini al patròn del Livorno: al momento decisivo per l'acquisizione della società, nessuno si è sentito però di accollarsi i debiti pregressi. È alta, a questo punto, la probabilità che la squadra neppure parta per la trasferta di Rimini di domenica, e che la Lega Pro la escluda dal torneo.

Calcisiticamente, quella di Savona è una realtà che conobbe i primi fasti negli anni '20, col buon sesto posto conquistato nel 1922 durante le eliminatorie del campionato CCI (quello che raggruppava le squadre più titolate). In quegli anni, nelle giovanili del club biancoblù, militò il Campione del Mondo Luigi Bertolini. Dopo un decennio in C, nel 1940, il Savona del leggendario "sfondareti" Felice Levratto raggiunse una sospirata promozione in B, esito di un lungo duello con la Sestrese nelle eliminatorie e di un testa a testa con i corregionali dello Spezia nel girone finale risolto solo grazie alla regola del quoziente-reti.

I successivi tre anni in Serie B furono tra i più felici della storia del Savona, che sfiorò la promozione in A nel 1941, mantenendo la vetta fino a poche giornate dal termine, quando mollò la presa, forse per inesperienza, forse per rinuncia data l'impossibilità di gestire i costi di una Serie A. Furono valorizzati elementi come Adriano Gè, il duo Piana-Traversa, che andò a fare la fortuna del Livorno secondo nel 1943, ed il grande portiere Valerio Bacigalupo, baluardo del Grande Torino. Tra gli elementi più esperti di quella squadra, guidata dall'allenatore ungherese Orth, Riccardi e Tomasi. Nel 1943 la squadra retrocesse, anche per le difficoltà oggettive che la città di Savona, porto strategico, incontrò durante la guerra. Ripescata nella Serie B "allargata" del 1946-47, cadde subito in C.

Poche le gioie per gli "striscioni" negli anni a venire: crollò nei campionati regionali, rimanendovi per circa vent'anni, fino a quando, nel 1966, la squadra non fece ritorno in Serie B. Fu una festa segnata dal lutto, poiché durante la partita decisiva, a Valdagno, morì l'artefice dell'impresa, il presidente Fausto Gadolla. Sportivamente, il campionato tra i cadetti terminò in modo funesto; secondo miglior attacco del campionato, con in squadra elementi di spicco come Giuseppe Furino e Pierino Prati, il Savona fece immediatamente ritorno in C, complici una sfortunata coincidenza di risultati e il rocambolesco ko di Catania dell'ultima giornata.

Da allora, poche soddisfazioni per la squadra: qualche giovane di passaggio destinato ai palcoscenici della A (Enrico Cucchi, Walter Zenga) e qualche promozione in quarta serie che non ha fatto altro che accrescere le speranze dei tifosi in una risalita mai avvenuta. Ora, la crisi, e la squadra ligure potrebbe essere solo la prima vittima di un terremoto destinato a propagarsi nei prossimi mesi; c'è infatti chi immagina che, per l'alto numero di fallimenti previsto prima dell'inizio dei campionati 2012-13, la Lega Pro potrebbe addirittura anticipare di un anno la prevista fusione di Prima e Seconda Divisione in un unico campionato, con sole 60 squadre partecipanti (attualmente sono 78) divise in tre gironi.

Articolo scritto da grey_bellamy - Vota questo autore su Facebook:
grey_bellamy, autore dell'articolo Calcio, Lega Pro: Il Glorioso Savona Verso Il Fallimento
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Sport e Tempo Libero
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Sport e Tempo Libero
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione