Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Chelsea A Sorpresa In Finale Di Champions, Solo Rimpianti Per Guardiola


24 aprile 2012 ore 23:18   di pierluigicrivelli  
Categoria Sport e Tempo Libero  -  Letto da 356 persone  -  Visualizzazioni: 540

Questa sera, più che mai, il calcio ha confermato di essere veramente lo sport più bello del mondo e ci ha rammentato, inoltre, anche un'altra crudele verità : non sempre la squadra più forte è quella che, alla fine, si porta a casa la vittoria.

L'epilogo della prima semifinale di Champions League che vedeva opposti il Barcellona e il Chelsea , consegna sorprendentemente alla squadra londinese l'accesso alla finale di Monaco, regalando una profonda delusione al team, ormai si può dire, Campione del Mondo uscente.


La partita è stata, senza dubbio, una delle più belle degli ultimi anni : vibrante, ricca di colpi di scena, come in un thriller in cui fino alla fine si rimane con il fiato sospeso. Il Barcellona partiva dallo svantaggio subito all'andata e si gettava sin dalle prime battute nella metacampo avversaria alla ricerca del gol : la squadra di Guardiola giocava con la solita meticolosità, a tratti quasi indisponente, come ci eravamo abituati a vederla nei quarti contro il Milan.

Il Chelsea cercava di difendersi ordinatamente, non rinunciando a punzecchiare la retroguardia avversaria che, per necessità, doveva giocare alta e concedere qualche spazio di troppo : dopo alcune clamorose palle gol mancate dalla squadra spagnola, grazie anche ad un superbo Cech, i padroni di casa finalmente passano in vantaggio al 35esimo con Sergio Busquets, pronto a deviare nella porta sguarnita un pallone vacante.

Il Barca si esalta e sull'euforia del vantaggio pressa gli avversari : John Terry, capitano degli inglesi, perde la testa e scalcia Alexis Sanchez, l'arbitro non può fare a meno di cacciarlo, estraendo il rosso.

Chelsea A Sorpresa In Finale Di Champions, Solo Rimpianti Per Guardiola

La partita sembra mettersi decisamente sui binari giusti per la squadra catalana e ad un minuto dalla fine del tempo, Iniesta, su assist di Messi, infila per la seconda volta Cech : il Nou Camp è in delirio, il Barcellona è in finale e, per giunta, in superiorità numerica.

Pronti,via, prima che finisca il tempo, la svolta dell'incontro. Ramires viene pescato in velocità, si lancia verso la rete e fa fuori Victor Valdes con un millimetrico pallonetto : 2-1 e tutto da rifare, inglesi che riacciuffano la finale.

Il secondo tempo inizia con gli spagnoli riversati costantemente nella metacampo inglese : il Chelsea è roccioso, completamente diverso da quello abulico e insignificante targato Villas Boas; si capisce che Di Matteo aveva preparato la partita "all'italiana", come direbbero gli inglesi, catenaccio e contropiede.

Dopo 4 minuti, l'ennesimo colpo di scena : per fallo di drogba in area, l'arbitro concede il penalty agli spagnoli : Leo Messi si incarica, come al solito, della battuta e clamorosamente manda sulla traversa. Come diceva una vecchia canzone di Francesco De Gregori, si potrebbe dire : Leo...."non aver paura di tirare un calcio di rigore, non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore..."

Messi accusa però il colpo e tutto il Barcellona comincia a rendersi conto che la serata è storta : usando una metafora cara agli spagnoli, la squadra di Guardiola sembra un toro ferito dalla lancia che si butta a capofitto verso il torero per cercare in tutti i modi di incornarlo : ci prova in tutte le maniere, a destra, a sinistra, al centro, poi ancora un palo di Messi e i miracoli di Cech.

Il "torero" inglese fa ondeggiare il drappo rosso davanti ai catalani incapaci di trovare il varco giusto per sferrare l'attacco e così, mentre tutto il Barcellona al 90esimo, è scoperto in avanti, Fernando Torres, proprio lui, El Nino, che aveva rilevato poco prima Drogba, si invola da solo verso la porta catalana, battendo Valdes. E' il definitivo 2-2, che fa ancora più male, visto che è proprio uno spagnolo a dover impugnare la lancia per trafiggere definitivamente il toro sconfitto.

Il Chelsea "italiano" di Di Matteo è in finale, sul volto di Guardiola è dipinta la delusione per aver detto addio in soli 3 giorni, prima alla Liga e poi alla Champions : Pep, pazienza, non sempre si può vincere...l'avventura ricomincerà il prossimo anno e chissà, magari questa volta in Italia con la maglia rossonera....

Articolo scritto da pierluigicrivelli - Vota questo autore su Facebook:
pierluigicrivelli, autore dell'articolo Chelsea A Sorpresa In Finale Di Champions, Solo Rimpianti Per Guardiola
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Sport e Tempo Libero
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Sport e Tempo Libero
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione