Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Formula 1: Non Solo Ferrari. I Grandi Piloti Italiani Della Storia


24 marzo 2011 ore 20:33   di nicovale  
Categoria Sport e Tempo Libero  -  Letto da 381 persone  -  Visualizzazioni: 632

Talentuosi, veloci, maestri della guida ma troppo spesso penalizzati da vetture poco competitive o, comunque, non di prima schiera e, dunque, sottovalutati. E' il destino della gran parte dei piloti italiani che in 61 anni di Formula 1 hanno gareggiato sulle piste di tutto il mondo ottenendo molto meno di quanto avrebbero meritato.

Eppure all'inizio non fu così, anzi. Furono proprio i piloti di casa nostra a farla da padrone nei primi anni del Campionato del Mondo e due di loro, Nino Farina e Alberto Ascari, riuscirono anche a conquistare il titolo iridato. Nino (5 Gran Premi vinti) si impose su Alfa Romeo nel 1950, il primo Mondiale della storia, Alberto (13 Gran Premi vinti) centrò una prodigiosa doppietta al volante della Ferrari nel 1952 e nel 1953. Da allora mai più nessun pilota italiano è riuscito a laurearsi campione del mondo magrado i tentativi di campioni dalla classe cristallina nel corso di 60 anni di corse iridate.


Non solo, ma per i piloti di casa nostra divenne difficile anche vincere i Gran Premi tanto che, dopo Farina e Ascari, solo in tredici ci riuscirono. Luigi Fagioli nel 1951 si impose nel Gran Premio di Francia e con i suoi 53 anni stabilì un record di età ancora imbattuto mentre Piero Taruffi vinse il Gran Premio di Svizzera nel 1952. Ci vollerò ben quattro anni per rivedere un nostro pilota sul più alto gradino del podio con Luigi Musso splendido vincitore nel 1956 del Gran Premio d'Argentina.

Poi ancora tanta attesa per i piloti italiani che torneranno a trionfare nel Gran Premio di Francia del 1961 con Giancarlo Baghetti, nel Gran Premio d'Austria del 1964 con Lorenzo Bandini e nel 1966 con Ludovico Scarfiotti che conquistò la vittoria a Monza. Dopo di lui nessun altro italiano è riuscito ad imporsi nel Gran Premio d'Italia. Un solo successo negli anni Settanta con Vittorio Brambilla nel 1975. Negli anni Ottanta per i piloti di casa nostra la situazione sembrò migliorare e Michele Alboreto su Ferrari e Riccardo Patrese su Williams e Brabham ebbero a disposizione mezzi competitivi. Il primo vinse 5 Gran Premi, il secondo conquistò il successo in 6 ma nessuno dei due arrivò all'agognato titolo mondiale. Con loro lo sfortunato e talentuoso Elio De Angelis (uno che tenne testa a Senna in Lotus) che, prima di morire in maniera tragica mentre stava effettuando dei testi in Francia, vinse due Gran Premi, tra cui uno memorabile per pochi millesimi in volata davanti a Keke Rosberg. Altrettanto sfortunato fu Alessandro Nannini, vincitore di un Gran Premio, ma che per un grave incidente in elicottero dovette concludere la carriera in netto anticipo. Infine i due piloti contemporanei: Giancarlo Fisichella, tre volte a segno con Jordan e Renault e Jarno Trulli vincitore su Renault del prestigioso Gran Premio di Montecarlo.

Articolo scritto da nicovale - Vota questo autore su Facebook:
nicovale, autore dell'articolo Formula 1: Non Solo Ferrari. I Grandi Piloti Italiani Della Storia
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Sport e Tempo Libero
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Sport e Tempo Libero
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione