Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

4° Giornata Serie A 2010: Vincono Inter Catania Chievo E Bologna Pari Per Samp E Milan Perde La Roma


23 settembre 2010 ore 00:46   di LucaFon  
Categoria Sport e Tempo Libero  -  Letto da 486 persone  -  Visualizzazioni: 858

Iniziano le partite della 4 giornata di serie A, tutte in contemporanea, con l’unica eccezione della Juventus che ospiterà il Palermo. 4 giornata aperta con l’aquila laziale che scende in campo e si va ad appollaiare sullo scudetto bianco-celeste, per celebrare lo straordinario stato di forma della Lazio.

Queste le partite: Genoa-Fiorentina 1-1, Inter-Bari 4-0, Lazio-Milan 1-1, Catania-Cesena 2-0, Lecce-Parma 1-1, Juventus-Palermo, Napoli-Chievo 1-3, Bologna-Udinese 2-1, Cagliari-Sampdoria 0-0, Brescia-Roma 2-1.


Il Catania inizia subito bene, contro un bruttissimo Cesena, il più brutto mai visto in questo campionato. Padroni di casa che fanno la partita, e che allungano subito con Silvestre che segna l’1-0. Partita non bellissima per il resto del primo tempo. Squadre a riposo con i siciliani in vantaggio. Al rientro in campo passano pochi minuti e subito il Catania raddoppia con Maxi Lopez, che si sblocca spiazzando il portiere avversario dopo un’azione confusa. Catania avanti 2-0, e Cesena che non riesce a reagire.

4° Giornata Serie A 2010: Vincono Inter Catania Chievo E Bologna Pari Per Samp E Milan Perde La Roma

Bari subito avanti, con un scatto repentino dopo soli 25” Almiron colpisce il palo alla destra di Julio Cesar, brivido per i nerazzurri, ma niente di fatto. La partita non emozione tantissimo il pubblico, e i primi 26 minuti di gioco sono prive di occasioni da gol, da una parte e dall’altra. Ma al 27esimo, dopo un’azione completamente costruita da Eto’o, l’uomo più in forma della squadra nerazzurra, è il Principe Milito, che si sblocca e segna il suo primo gol in serie A. Inter avanti, con un Bari che non fa nulla per pareggiare. Squadre che tornano in campo esattamente come lo avevano lasciato: Inter avanti e Bari che subisce. Dopo solo un paio di minuti fallo di mano di Rossi, che concede il calcio di rigore ai padroni di casa. Eto’o batte dagli 11 metri e Gillet non può nulla contro la bordata del camerunense. Inter sul 2-0, e risultato parzialmente messo in cassaforte. Ma non è finita: passano solo alcuni minuti e ai nerazzurri viene concesso un altro calcio di rigore, per un fallo commesso su Lucio dalla difesa barese. Ancora Eto’o dagli 11 metri, e ancora palla in rete. 3-0 per l’Inter al 24esimo. L’Inter non si accontenta, e men che meno Milito, che appena ritrovato il gol vuole prendere caparbiamente tutto ciò che riesce: doppietta del Principe, e nerazzurri che si portano sul 4-0.

A Bologna dieci minuti privi di emozioni, ma è subito la squadra ospite a farsi avanti, con Floro Flores che porta avanti la palla, e sforna un assist perfetto per Di Natale, che dalla destra non sbaglia. Udinese sullo 0-1. È un risultato importante per i tifosi bianconeri, che però non riescono a mantenere il predominio, e dopo poco si fanno rimontare dai bolognesi: cross di Di Vaio e Gimenez che di testa spiazza Handanovic. Uidinese che fa la partita per il resto del primo tempo e al rientro sono sempre i bianconeri che giocano la palla. Al termine dei minuti regolamentari il risultato è sempre di 1-1, ma gli ospiti si fanno beffare nei minuti di recupero da un calcio d’angolo dei bolognesi: difesa spiazzata e Di Vaio che corregge a rete. 2-1 per il Bologna.

Anche a Genova i primi 8 minuti sono poco emozionanti, e il risultato sembra non riuscire ad essere sbloccato, ma sono i viola che pungono per primi, con Gilardino, che corregge in rete un assist di Vargas partito dalla sinistra. Ma il vantaggio fiorentino dura poco, infatti dopo una manciata di minuti è Mesto che pareggia i conti dopo un 1-2 con Veloso. 1-1 e parità anche sul campo. Secondo tempo privo di emozioni, e 1-1 più che meritato per entrambe le squadre.

A Napoli il Chievo si fa poco sentire, e sono i padroni che dominano la partita. E sono infatti i napoletani ad andare in vantaggio, con Paolo Cannavaro, che segna il suo secondo gol in quattro partite. Assist di Lavezzi e palla in rete. Il Chievo però reagisce al gol subito, e al 24esimo Pellissier segna il gol del pari. Il Napoli cerca di fare la partita, ma va a riposo sul pari. Al rientro in campo, è subito il Chievo che si fa vedere in avanti, ed appunto Fenrdandes segna il 2-1 su assist di Pellissier. Il Napoli subisce il colpo, e non riesce più ad entrare in partita, tanto che successivamente Cannavaro si distrae in difesa e serve ad un ottimo Pellissier un retropassaggio che chiede solo di essere battuto a rete. 3-1 per gli ospiti e Napoli che cede completamente.

La Roma deve vincere questa partita, per trovare almeno una parvenza di sicurezza, ma anche per dare sicurezza alla panchina di Ranieri, che dopo gli ultimi insuccessi inizia a traballare. Ma la tensione si fa sentire, e a Brescia la partita diventa subito dura: ammoniti Cassetti, Mexes e Rosi per gioco pericoloso nei primi 20 minuti. I padroni di casa fanno la partita, e non si fanno intimidire dalle sporadiche azioni offensive romane. Ma è Hetemaj che sblocca il risultato, e la Roma va ancora in svantaggio. Squadre che lasciano il campo con il parziale di1-0 per i bresciani. Al rientro la Roma cerca di fare la partita, ma al 20esimo Mexes effettua un intervento troppo azzardato, e dopo una serie di probabili fuorigioco regala al Brescia l’occasione del 2-0. Espulso il difensore francese e Caracciolo che regala il raddoppio ai suoi tifosi. I romani, nonostante il doppio svantaggio e l’uomo in meno non si arrendono, tanto che al 38esimo, dopo un’azione molto confusa nell’area bresciana, Borriello segna il suo secondo gol in maglia giallorossa, ed accorcia le distanze. Brescia sul 2-1 e si chiude in difesa per mantenere il risultato.

Dopo quasi un tempo di gioco, le azioni pericolose si contano sulle dita di una mano. È solo al 31esimo che il risultato viene sbloccato: fallo su Piatti al limite dell’area di rigore, e punizione dagli 11 metri per i padroni di casa. È Jeda che segna dal dischetto: Lecce avanti 1-0, e reazione del Parma che si fa attendere. Al rientro in campo, il Parma si fa più vivo, e con l’azione di Crespo riesce ad agguantare il pari. Risultato meritato per tutte e due le contendenti, delle quali nessuna meritava la vittoria.

Si fa ancora attendere la prestazione di Ibrahimovic, e del Milan in generale, che gioca il primo tempo al limite. Le occasioni da gol sono poche, anche per la Lazio, che cerca di fare la partita, ma poche volte sfiora la rete. Squadre che vanno negli spogliatoi sullo 0-0, e pareggio meritato per entrambe. Al rientro, sembra che non ci sia stata interruzione: squadre che cercano il vantaggio ma non lo trovano. Ma al 27” è proprio il neo rossonero, Zlatan Ibrahimovic che dopo aver scartato Muslera, allunga il piede e riesce a far rotolare la palla in rete. Festeggiano i tifosi mlanisti, sia per il vantaggio, che per l’effettiva entrata dello svedese nella serie A. Ma al 34esimo, un Milan troppo rilassato si fa trapassare dal “profeta” Hernanes, che taglia tutta la difesa rossonera e serve un ottimo assist per Floccari. 1-1 a Roma, e Milan che torna con i piedi per terra. Solo pari per il Milan, ma risultato positivo che va bene ala Lazio.

Cagliari che gioca una brutta partita in casa contro la Sampdoria: squadre che non meritano la vittoria. Poche le azioni e comunque poco pericolose. Pazzini l’unico grande attaccante che ancora non si è sbloccato. Samp che si accontenta del punto parità, dopo la sconfitta in casa contro il Napoli. 0-0 alla fine dei 90 minuti.

Articolo scritto da LucaFon - Vota questo autore su Facebook:
LucaFon, autore dell'articolo 4° Giornata Serie A 2010: Vincono Inter Catania Chievo E Bologna Pari Per Samp E Milan Perde La Roma
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Sport e Tempo Libero
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Sport e Tempo Libero
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione