Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Il Declino Della Vecchia Signora


27 febbraio 2011 ore 12:15   di alga  
Categoria Sport e Tempo Libero  -  Letto da 239 persone  -  Visualizzazioni: 418

Un saggio tifoso juventino ieri sera, di fronte all’ennesimo scempio calcistico perpetrato ai danni dell’amata Vecchia Signora, potrebbe essere stato assalito da un dubbio atroce: possibile che tutta la storia della Juventus sia stata costruita su aiuti arbitrali e manfrine da corridoi di palazzo ? 27 (o 29 che dir si voglia) scudetti, epici duelli al vertice determinati solo da un rigore dubbio o da un’ammonizione mirata ?

A riguardare l’aureo albo della storia, non si spiega però come mai alla Juventus siano transitati tanti grandi giocatori che con i soli nomi giustificano i tanti successi conseguiti. Avevano bisogno di aiuti arbitrali Gentile e Cabrini, Zoff e Scirea, Tardelli e Benetti, Platini e Boniek ? E i Paolo Rossi, Baggio, Vialli, Zidane, Conte ?


Si ferma a questi la memoria del saggio tifoso, per non andar più indietro a sviscerare nomi che nella storia del calcio rappresentano un punto fermo, un planetario di campioni indiscussi ed indiscutibili. E se il viaggio del pensiero lì si ferma, è solo per non cadere nel vittimismo e nel ridicolo che è tipico di altre tifoserie e non di quella di una (ormai) ex grande squadra.

Il Declino Della Vecchia Signora

Certo, il confronto è impietoso: se guarda ai nomi che lo speaker ora snocciola all’Olimpico, c’è da rabbrividire confrontando il presente con il passato: avrebbero mai infatti trovato posto mediocri personaggi come Grygera, Martinez, Storari e Bonucci ? E un tempo Di Vaio, l’ex Di Vaio vituperato nel nome di un’incompatibilità tattica con altri giocatori bianconeri, avrebbe maramaldeggiato in area come lo Stenmark degli anni d’oro ?

La risposta, forse, è più semplice di quanto si creda: quest’ Armata Brancaleone non può essere spacciata per una squadra competitiva e vincente. Difensori che vagano al limite dell’area come le ballerine di Degas, centrocampisti che non sono in grado di infilare tre passaggi di seguito senza cedere la palla all’avversario, attaccanti che vedono la porta solo se col naso ci sbattono dentro cercando di raccogliere lanci alla “Viva il Parroco”: mio dio, che disastro.

Se poi ci mettiamo la totale insipienza di un Mister più adatto a squadre costrette sulla difensiva per strappare un risicato pareggio (uno straccio di gioco non si riesce nemmeno ad immaginarlo) e uno staff societario che investe quanto è il costo di un Ibrahimovic per comprare Felipe Melo e Martinez, allora lo scenario al vecchio e saggio tifoso juventino si apre come la tenda di un palco sul quale va in scena l’inattesa e lenta distruzione della squadra più amata e nel contempo odiata d’Italia: quella Vecchia Signora derisa settimanalmente da barbariche orde il cui solo pensiero d’affrontarla, un tempo, avrebbe fatto loro tremar gambe e idee.

Un tempo appunto, ma purtroppo ora non più.

Articolo scritto da alga - Vota questo autore su Facebook:
alga, autore dell'articolo Il Declino Della Vecchia Signora
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Sport e Tempo Libero
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Sport e Tempo Libero
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione