Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Il Principe E L' Imperatore


24 maggio 2010 ore 14:35   di alga  
Categoria Sport e Tempo Libero  -  Letto da 297 persone  -  Visualizzazioni: 529

Da sabato sera, finalmente, Massimo Moratti non è più soltanto il figlio del pluridecorato Angelo ma, bontà sua, il condottiero primo di un’Inter formato leggenda. 15 anni per raggiungere un sogno, 15 anni in cui è passato da vittima sacrificale sull’altare del potere della Cupola al ruolo di Imperatore del calcio italiano, dominatore in ogni campo ed in ogni competizione, eccezion fatta per quella Coppa Intercontinentale che sarà il prossimo inscindibile oggetto del desiderio del patron nerazzurro.

Certo, i suoi detrattori avranno di che obiettare sui tanti “petrol Euro” investiti e sul fatto che siano servite le picconate all’apparenza unilaterali di Guido Rossi (presente in tribuna vip sabato scorso) a dar coscienza alla squadra della propria forza, riducendo l’impatto agonistico del campionato italiano e dandogli così la possibilità di programmare con più serenità l’avventura europea. Per dovere di cronaca, dovremo infinitamente ringraziare chi ha cercato di ripulire l’Italia pallonara da griglie precostituite e schede telefoniche, anche se un dubbio continua a scavare la roccia come una stilla d’acqua: perché investire con tanto ardore in un calcio che si sapeva malato e corrotto?


Al di là di dubbi che solo il proseguio della triste vicenda di Calciopoli 2 potrà fugare, l’Inter sale meritatamente sul trono d’Europa perché ha saputo sconfiggere tutte le più accreditate rivali, non ultimo quel Bayern infinitamente teutonico nella perseveranza e nella mestizia tecnica, fatta eccezione per un Robben stranamente scaricato in Baviera dal calcio che conta. E se l’italico ranocchio si è improvvisamente trasformato in principe azzurro, questo lo si deve a due assoluti protagonisti della cavalcata nerazzurra: un principe, appunto, di nome Milito ed un imperatore, odioso e odiato come tutti i despoti, di nome Mourinho.

Il Principe E L' Imperatore

Dell’argentino si fatica a comprendere come sia assurto ai grandi palcoscenici in così tarda età: classe cristallina, senso del sacrificio e devozione al tatticismo, ne fanno un campione indiscusso del calcio nostrano (su tutte le finta che ha mandato in tribuna mezza difesa del Bayern sul secondo goal) e un protagonista, Maradona permettendo, della prossima kermesse mondiale. Il portoghese, invece, rappresenta l’allenatore ideale e vincente che tutte le squadre vorrebbero avere: duro, ostinato, capace di creare gruppo estirpando i rami che potrebbero infettare l’albero maestro (Ibrahimovic) e di gestire quella che è sempre apparsa come un’armata Branca…leone brava a dilapidare un capitale tecnico di indubbio valore.

La leggenda, senza dubbio, l’ha scritta lui: in portoghese e forse in spagnolo, vista la predominanza brasiliano-argentina della corazzata nerazzurra, ma non certo in italiano, lingua che ha deciso di abbandonare richiamato dalle sirene madri liste.

E di italico, purtroppo, l’Inter l’altra sera aveva ben poco: solo un piccolo minuto per Materazzi, il tempo necessario per dare alla bandiera la giusta gioia e alla bandiera di esibire la solita immancabile T-shirt di un’esilarante quanto deprecabile collezione: ma di Marco sappiamo tutto, anche il fatto che la sua testa sia più nota per l’involucro che per il contenuto.

Articolo scritto da alga - Vota questo autore su Facebook:
alga, autore dell'articolo Il Principe E L' Imperatore
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Sport e Tempo Libero
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Sport e Tempo Libero
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione