Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Lippi, L'ultimo Degli Esseni


28 giugno 2010 ore 13:37   di Spike  
Categoria Sport e Tempo Libero  -  Letto da 229 persone  -  Visualizzazioni: 508

Marcello Lippi vittima della fortuna?
Detto così parrebbe un controsenso, ma non lo è; Lippi è vittima (oggi) della fortuna (di ieri).
Sia ben chiaro; in una vittoria, di fortuna c'è n'è sempre stata in abbondanza, un ingrediente irrinunciabile, quasi un passepartout che il fato assegna per aiutare a scrivere, ciò che è stato scritto. Ma fortuna, non è solo ciò che si vede.

Quella squadra, vittima dell'italianità che tutto decide prima che accada, non aveva forse i numeri per arrivare dov'è poi arrivata. C'era Del Piero (determinante solo in partite a bassa tensione), Totti (infortunato), molti senior all'ultimo guizzo, con giusto l'aggiunta di qualche remota scommessa.


Tuttavia pur con poco estro e molto entusiasmo, i risultati iniziali (ad esclusione del pari con gli U.S.A.) ci conducono agli ottavi; ma la stampa non arride agli azzurri. E' questa la chiave di volta.
Soli contro tutti, ma consapevoli che nell'aria la fortuna aveva diffuso il suo aroma, hanno saputo tradurre in pieno, ciò che agli altri appariva "vuoto". Hanno smesso di precorrere i fatti, li hanno aspettati ed affrontati al presente, hanno scoperto che il "fare", molto meglio del "pensare". Arrivare ai quarti con un rigore a pochi secondi dalla fine, è stato anch'esso un segno che ha trasformato i limiti, in pregi. Ecco il gran Mondiale di Pirlo e Cannavaro, della prestazione di Grosso, ma dello stesso Buffon, Materazzi, Totti e tutti gli altri. Ad ogni passaggio, tiro, rimpallo, quell'aroma di fortuna si è fatto sempre più persistente, sino al successo finale. Un evento talmente folle ed inaspettato, che la fortuna, poverina, è stata relegata ad un piccolo e scomodo cantuccio, trasformata in misero interruttore, della cui proprietà Lippi non aveva dubbi.
Tutti acclamano la sfortuna nelle sconfitte, salvo poi rinnegare la più ricca sorella, nelle vittorie.

Probabilmente qualche dubbio lo ha avuto, da uomo intelligente qual'è, sapeva di dover espiare quel debito di riconoscenza, infatti ha investito in qualche anno di "riposo", evitando di tirare la corda ma stando in assoluta pole position, senza rischiare nulla. Ha lasciato fare ad altri, nella convinzione che altri pagassero per lui quel debito. E tante erano le attese, che è bastato un Europeo perso ai rigori, per condannare Donadoni e riaccogliere, festanti, chi invece sa come vincere un mondiale.
E Marcello ce l'ha messa tutta. Infatti ha cercato in giro i pochi reduci disponibili; altri che, per cattiva sorte, avevano disputato un pessimo campionato; persino qualche nuova scommessa.
Una procedura molto simile alla storia degli Esseni, i quali avevano ben pensato che, mettendo in piedi una scenografia con le profezie del Vecchio Testamento, Dio sarebbe tornato sulla terra.
Non è dato sapere se agli attori, pardon, ai giocatori, Lippi abbia consegnato o meno questo copione, di fatto pare che comunque questi l'abbiano rispettato sino in fondo. Non si spiega infatti come mai, dopo due sofferti pareggi nelle qualificazioni agli ottavi, e nessuna vittoria nell'anno solare, un uomo di calcio come Cannavaro, comunichi al mondo - con volto illuminato - "Il bello viene adesso..." Salvo rubare a Lippi l'ultima scena, quando, ormai in croce, è quest'ultimo a rivolgersi a Dio chiedendo perchè l'avesse abbandonato.

Ecco, Lippi ha creduto nelle sue scritture, ne ha fatto partecipi i giocatori, ai quali - stavolta - la fede ha fatto malissimo, perchè è stata anteposta al loro ruolo in campo. Gli "apostoli" si guardavano invece sgomenti, domandandosi l'un l'altro: Ma quando viene?
La storia non si ripete, mai, e la fortuna non appartiene a nessuno. Se forse ci fossero state queste premesse, di "atei" come Quagliarella, in campo ce ne sarebbero stati molti di più.

Articolo scritto da Spike - Vota questo autore su Facebook:
Spike, autore dell'articolo Lippi, L'ultimo Degli Esseni
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Sport e Tempo Libero
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Sport e Tempo Libero
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione