Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Mma: Aldo E Belfort Di Nuovo Vittoriosi All' Ufc142


17 gennaio 2012 ore 13:53   di edoardo  
Categoria Sport e Tempo Libero  -  Letto da 436 persone  -  Visualizzazioni: 687

Jose Aldo e Vitor Belfort, due nomi “pesanti” per la MMA UFC Style, hanno dato spettacolo all’ultimo appuntamento, denominato UFC 142, che ha avuto luogo il 14 gennaio scorso in Brasile, presso la HSBC Arena di Rio de Janeiro.
Facciamo prima di tutto un breve riepilogo: MMA, o mixed martial arts, è uno sport che negli USA sta spopolando, e la sua eco sta raggiungendo anche il vecchio continente (che ha già avuto i suoi grandi campioni quali Emelianenko e CroCop, spettacolari nella defunta lega giapponese, denominata PRIDE)

Chi segue il MMA e in particolar modo gli spettacolari eventi denominati UFC ### conosce il potenziale di uno sport che può risultare contraddittorio, perché appare violento nei contatti e impietoso verso gli atleti sconfitti, ma in questi anni sono state varate regole che mirano a tutelare lo spettacolo e a limitare la pericolosità dei combattimenti, con la conseguenza che oggi MMA conta un 40% di infortuni in meno rispetto altri sport da combattimento.


Torniamo all’evento UFC142, e parliamo di Jose Aldo (21 vinte – 1 persa), straordinario combattente che ancora una volta ha saputo difendere la propria cintura di Campione, questa volta respingendo il tentativo dell'ottimo USA Chad Mendes, fino a quel momento imbattuto (11-0) e molto forte nel gioco a terra. Proprio in un tentativo di trasferire a terra il combattimento verso la fine del 1° round, Chad Mendes ha stretto Aldo alla rete, ma quest’ultimo si è liberato e, ruotando su sé stesso, è riuscito a mettere a segno una potente ginocchiata d’incontro, proprio mentre l’americano si lanciava verso l’asso brasiliano nel tentativo di riprovare il “takedown”.

Spettacolo nello spettacolo: ottenuta la vittoria Aldo non si limita a celebrare all’interno “dell’ Octagon”, dell’ottagono, ma esce e si butta in mezzo alla folla dei suoi conterranei brasiliani, che lo portano in trionfo, regalando emotività alla spettacolarità della serata. Da segnalare la grande sportività di Mendes, prima sconfitta per lui, che al microfono di Joe Rogan dichiara apertamente la superiorità dell’avversario, manifestata in occasione del suo momento di maggior forma fisica.

Parliamo ora di un altro Grande, Vitor Belfort, che dopo la sconfitta subita nel febbraio del 2011 da Anderson Silva, vero UFO della MMA, sta rilanciando sé stesso verso una possibile rivincita. Dopo aver sconfitto ad agosto Akiyama per KO, è arrivato il momento di affrontare il controverso Antony Johnson, alle prese con non pochi problemi di peso che gli sono costati il 20% degli incassi e il probabile depennamento dalla UFC, che non scherza con i propri atleti che non rispettano le regole.

Pungolato dalla possibilità di uscire dalla UFC (e di rinunciare quindi a notevoli introiti economici) Johnson è apparso da subito molto aggressivo, riuscendo più volte a portare a terra l’incontro e a mettere in difficoltà Belfort, il quale, forse aiutato un tantino dall’arbitro che ha riportato l’incontro “in piedi”, ha poi avuto la meglio proprio in un momento di lotta a terra quando, guadagnato la schiena dell’avversario, è riuscito a regolarlo con una “Rear-Naked-Choke”, (ovvero uno strangolamento operato da dietro la schiena dell’atleta avversario).

Nei sotto-match da segnalare la sconfitta per squalifica di Erik Silva, che aveva regolato in soli 29 secondi Carlos Prater, per un errore di valutazione dell’arbitro che ha considerato alla nuca (vietatissimo nella MMA!) alcuni Hammer-Fists che il Replay ha poi mostrato essere diretti alla parte laterale della testa. L’arbitro, signor Yamasaki, si è poi scusato, spiegando che doveva decidere al momento. Dal canto suo la UFC ha comunque pagato il bonus per la vittoria a Silva, riproponendosi di ricorrere in appello per variare il risultato del combattimento.

Da segnalare infine il k.o. inflitto da Edson Barbosa (10-0) al “tosto” inglese Etim, con uno dei colpi più spettacolari della storia della UFC: uno spinning heel kick che ha congelato il rivale e infiammato il pubblico presente.
La UFC continua incessante il suo percorso ascendente e ci propone, venerdì prossimo, il match tra Miller e Guillard, incluso nell’evento denominato "UFC on FX".

Articolo scritto da edoardo - Vota questo autore su Facebook:
edoardo, autore dell'articolo Mma: Aldo E Belfort Di Nuovo Vittoriosi All' Ufc142
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Sport e Tempo Libero
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Sport e Tempo Libero
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione