Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Mondiali 2010: L' Italia Torna A Casa. Esagerata La Rabbia Dei Tifosi


25 giugno 2010 ore 19:31   di gandalf  
Categoria Sport e Tempo Libero  -  Letto da 452 persone  -  Visualizzazioni: 1152

La Nazionale Italiana di calcio è fuori dal mondiale. Due pareggi ed una sconfitta fanno si che i nostri giocatori facciano le valigie per accomodarsi mestamente sull'aereo del ritorno a casa. Addio sogni di gloria, i campioni del mondo del 2006 sono ormai degli ex campioni sebbene il mondiale vada inesorabilmente avanti.

Domani mattina la nazionale azzurra atterrerà a Malpensa e chissà chi ci sarà ad attenderli. Forse una folla di tifosi infuriati o forse nessuno, quasi a prendere le distanza da una nazionale ormai definita "della vergogna".


La sconfitta con la Slovacchia e la conseguente eliminazione dal mondiale ha scatenato un incredibile sommossa di popolo. Dai giornalisti al semplice uomo comune tutti hanno voglia di esprimere la propria opinione. Accuse di tutti i generi fioccano sui giornali cartacei ma anche sui siti internet ed il motivetto è sempre lo stesso: la colpa è di Marcello Lippi!

Mondiali 2010: L' Italia Torna A Casa. Esagerata La Rabbia Dei Tifosi

Un allenatore definito incapace, che ha portato all'appuntamento più prestigioso una squadra di seconde scelte lasciando a casa autentici campioni. E via così, accuse su accuse, pollice verso e dito puntato, offese ed insulti al limite del sopportabile per sfogare la rabbia di aver perso un'opportunità.

Lippi è al centro della querelle, difeso dalla squadra ma martoriato dalle accuse più disparate; quel Marcello Lippi che solo quattro anni fa ci ha fatto salire sul tetto del mondo (calcistico!) osannato da folle in visibilio adesso giace nella polvere dei commenti di una nazione arrabbiata delusa ed indispettita.

La cosa che fa più riflettere in tutta questa triste vicenda è l'esagerata reazione di un popolo per qualcosa che così importante, in realtà, non è. Non dimentichiamo che il calcio è un gioco, solamente questo, e invece ricordiamoci che i problemi del nostro paese sono ben altri.

Se gli italiani avessero simili reazioni nei confronti delle cose che davvero non vanno forse potremmo risolvere qualche problema che ci affligge. Ma così non è... il pallone sopra tutto, quel pallone che spesso crea violenza dentro e fuori gli stadi. Una violenza immotivata, quasi bestiale, riservata a ciò che dovrebbe essere un momento di svago e divertimento.

Caro Lippi e cara Nazionale, forse non siete stati in grado di fare ciò che vi eravate prefissi ma non fa nulla! E' un gioco, vi rifarete e se non succederà fa lo stesso! Siete le vittime della nostra società, quella che ti sostiene quando vinci e che ti atterra se non soddisfi le sue aspettative, quella società dove sono tutti allenatori (da bar e circoli ricreativi!), quella società che mette la testa sottoterra di fronte ai problemi reali e scarica le proprie frustrazioni nei battibecchi calcistici, quella società che si ricorda dell'inno nazionale solo davanti ad una partita di calcio ma che poi fa della propria patria le quattro mura di casa sua. In sostanza siete il capro espiatorio di una nazione che non vuole aprire gli occhi collocando ogni cosa al posto giusto.

Un unico appunto per voi giocatori: vi siete fatti troppo invischiare nella logica degli interessi, avete stipendi da fior di milioni diventando in fondo vittime del sistema e spesso mettete innanzi il dio danaro al sano concetto di sport.

A Marcello Lippi invece l'augurio di venire sempre ricordato come il vincitore di un combattutissimo mondiale piuttosto che come un uomo confuso e mediocre.

Articolo scritto da gandalf - Vota questo autore su Facebook:
gandalf, autore dell'articolo Mondiali 2010: L' Italia Torna A Casa. Esagerata La Rabbia Dei Tifosi
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Sport e Tempo Libero
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Sport e Tempo Libero
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione