Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Morti Nello Sport, Sempre Più Atleti Muoiono Sul Campo!


10 settembre 2010 ore 18:26   di montecristo  
Categoria Sport e Tempo Libero  -  Letto da 595 persone  -  Visualizzazioni: 1320

Sono molti i campioni dello sport morti sul campo di gioco, è una cosa che non dovrebbe accadere mai, ma troppi sport sono davvero pericolosi e gli sportivi troppo appassionati, sono disposti a sfidare la morte.

Lo sport fra tutti che ha mietuto più vittime rimane il pugilato, uno sport troppo violento che danneggia gravemente la salute dei lottatori, in alcuni casi in maniera irreversibile procurando gravi danni cerebraldomo gli incontri.


I casi di morte nello sport del pugiliato sono altissimi, ben 500 decessi sul ring in 100 anni!!! Una cifra spaventosa. La lista di tutti i pugili deceduti la potrete trovare a questo link. Altri sport mortali davvero pericolosi sono la Parigi Dakar che ha registrato 24 decessi per una gara che si svolge sulle dune del deserto. Non è da meno il Rugby che registra circa 3 morti all'anno sui campi da gioco.

Morti Nello Sport, Sempre Più Atleti Muoiono Sul Campo!

Le corse automobilistiche e motociclistiche sono molto a rischio e se pur non hanno registrato la terrificante lista di morti che il pugilato a stillato, purtroppo vanta le morti piu terribili! Giusto per citarne qualcuna la morte del campione "Gilles Villeneuve", uscendo da una curva la sua macchina prende il volo disintegrandosi e facendo finire il povero pilota fuori dall'abitacolo! L'urto fù cosi tremendo che il casco gli volò via e lui si schiantò rompendosi collo e schiena contro la recinsione. Il video della tragica morte potrete vederlo su youtube.
Come dimenticare il grande Ayrton Senna anchesso deceduto dopo un terribile schianto a 300 KM orari contro un muro durante una corsa di Formula 1!

Tantissime le morti nelle corse, ma anche in altri sport come quelli estremi l'avvenuta morte ci ha privato di grandi fenomeni come Patrick De Gayardon, il più grande paracadutista della storia schiantatosi da mille metri per un malfunzionamento del suo paracadute, o la campionessa di Apnea Audrey Mestre Ferreras, morta mentre scendeva negli abissi proprio per battere il record del marito Pipin.

Troppe le morti durante una competizione sportiva, resta da chiedersi se vale davvero la pena morire lasciando sole persone che ci amano e che il più delle volte hanno bisogno di noi per vivere.
La soluzione sarebbe mettere regolamenti più rigidi nello sport che garantirebbero una maggiore sicurezza e tutela degli atleti!
Da parte degli atleti bisognerebbe avere un po più di buon senso e fermarsi poco prima del rischio, in quanto non vuol dire essere codardi, ma accettare di avere dei limiti che con il tempo si possono sempre superare!

Articolo scritto da montecristo - Vota questo autore su Facebook:
montecristo, autore dell'articolo Morti Nello Sport, Sempre Più Atleti Muoiono Sul Campo!
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Sport e Tempo Libero
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Sport e Tempo Libero
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione