Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Questa Pazza Pazza Inter


16 marzo 2011 ore 10:42   di alga  
Categoria Sport e Tempo Libero  -  Letto da 273 persone  -  Visualizzazioni: 555

Pazza, come il cielo di questo marzo costantemente in bilico tra sole e pioggia. Emozionante, come un capolavoro noir del quale non ti aspetti un finale così travolgente. Bella, come lo furono il Milan del trio olandese o la Juventus di Zidane, capace di incollarti al piccolo schermo e di volare sopra alle divisioni di quartiere e ai rancori di chi le tifa contro.

Questa è l’Inter, l’Inter costruita da Mourinho nell’animo e nel cuore e portata avanti dal gentil sorriso di Leonardo che impazza di gioia ai confini di un campo dove sa che sta scrivendo una pagina storica del nostro calcio.


Contro tutto e contro tutti, l’Inter ribalta l’ingiusta sconfitta patita a Milano ed ancora una volta sono i tedeschi a piangere, come piansero nella storica finale di Madrid. Dalla polvere all’altare, dalle papere di Julio Cesar ai suoi miracolosi interventi in una continua altalena di emozioni e palle goal. Bravo anche il Bayern, squadra tosta come solo le teutoniche truppe sanno essere, impreziosita delle geniali accelerazioni di un Robben e dalle stoccate di un Gomes che solo il calcio italiano sa ripudiare.
L’Inter ci salva; la derelitta flotta italica mantiene in carreggiata la sua Ammiraglia, forse l’unica che può ambire al tanto sospirato porto del trionfo. E lo fa in una cornice fantastica, rimontando uno svantaggio che avrebbe annichilito navi anche più strutturate della sua, almeno dal punto di vista caratteriale.

Questa Pazza Pazza Inter

Eto’o è un furetto imprendibile; Snejider la luce che irrora le offensive nerazzurre di estro e fantasia; Pandev, l’inutile Pandev sino al novantesimo, il signore della stoccata decisiva, quella che fa volare l’Inter oltre le proprie paure e i propri limiti difensivi.

Certo, senza l’allegria di due difese non apparse irreprensibili, forse, non avremo mai potuto assistere a così tanta grazia calcistica e se Van Gaal non avesse escluso dalla tenzone l’eroico Robben (che sia stato colpito dalla sindrome di del Neri?) probabilmente saremo qui a celebrare il Bayern e leccarci le ferite di un’indiscutibile debacle.

La storia, però, non la scrivono i se ed i ma: la storia la scrivono gli eroi, i lottatori che non demordono mai, gli interpreti di un gioco che, dopo aver spento le luci dell’Allianz Arena, entrano di diritto nei nostri cuori e nelle nostre fantasie.

Grazie Inter, grazie per aver salvato la faccia all’italico volgo e averci regalato, per una sera ancora, uno spettacolo indimenticabile.

Articolo scritto da alga - Vota questo autore su Facebook:
alga, autore dell'articolo Questa Pazza Pazza Inter
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Sport e Tempo Libero
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Sport e Tempo Libero
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione