Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Superbike A Monza: La Grande Rabbia Di Biaggi Nel Giorno Della Doppietta Di Laverty


9 maggio 2011 ore 10:10   di nicovale  
Categoria Sport e Tempo Libero  -  Letto da 317 persone  -  Visualizzazioni: 523

Finisce con grande rabbia e rammarico la quarta prova del Mondiale a Monza per il campione iridato in carica Max Biaggi, penalizzato con un ride-through per un rientro in pista irregolare dopo un salto di chicane mentre stava dominando in Gara 2. Così il talentuoso pilota britannico Eugene Laverty, già vice campione mondiale della Supersport nel 2009 e nel 2010 e al debutto quest'anno in superbike, centra il secondo successo, dopo che si era già imposto con la sua Yamaha in Gara 1.

Laverty in Gara 1, dopo un intenso duello iniziale proprio con l'Aprilia di Biaggi, ha preceduto sul traguardo nell'ordine il pilota romano e il britannico Leon Haslam sulla Bmw. Quarto posto per Marco Melandri con l'altra Yamaha davanti ad un ottimo Michel Fabrizio con la Suzuki. Leon Camier, con l'altra Aprilia, ha chiuso all'ottavo posto davanti al leader del Mondiale, lo spagnolo Carlos Checa con una Ducati poco competitiva sul circuito monzese.


In Gara 2 Biaggi partiva deciso e si lanciava in fuga accumulando un bel vantaggio sugli immediati inseguitori, capeggiati da Melandri. Quando il "corsaro" sembrava lanciato verso un meritato successo, al dodicesimo giro, arrivava l'errore che costava carissimo al campione del mondo: Biaggi andava "lungo" alla prima variante ma riprendeva la pista senza percorrere l'apposita corsia di rientro. Arrivava immediata la penalità e il ride-through che relegava il pilota romano nelle retrovie, all'undicesimo posto. Con una bella rimonta Biaggi riusciva, comunque, a conquistare l'ottavo posto finale proprio mentre Laverty centrava una strepitosa doppietta beffando sul traguardo il compagno di squadra Melandri. Eccellente podio per l'italiano Michel Fabrizio con la Suzuki che regolava sul traguardo l'Aprilia del giapponese Noriyuki Haga. Molto bene anche l'altro pilota italiano, Ayrton Badovini, sesto con la Bmw. Solo decimo il leader del Mondiale Carlos Checa con la Ducati.

Biaggi spreca, dunque, una grande occasione, viste le grandi difficoltà a Monza di Carlos Checa, che resta, comunque, in testa al Mondiale con 145 punti precedendo Marco Melandri, a quota 118 e lo stesso Max Biaggi con 117 punti. Il brittanico Jonathan Rea con la Honda è quarto a quota 89 punti davanti rispettivamente al mattatore di Monza Eugene Laverty, in sella alla Yamaha, con 85 punti e all'altro britannico Leon Haslam, con la Bmw, a quota 84 punti. Settimo Michel Fabrizio, in sella alla Suzuki, con 71 punti.

Prossimo appuntamento negli Stati Uniti (Miller Motorsports Park) il 30 maggio.

Articolo scritto da nicovale - Vota questo autore su Facebook:
nicovale, autore dell'articolo Superbike A Monza: La Grande Rabbia Di Biaggi Nel Giorno Della Doppietta Di Laverty
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Sport e Tempo Libero
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Sport e Tempo Libero
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione