Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Tennis - Bilancio 2011: Djokovic Dominatore Nell' Anno Del Calo Di Nadal. Equilibrio Tra Le Donne


29 novembre 2011 ore 14:35   di nicovale  
Categoria Sport e Tempo Libero  -  Letto da 374 persone  -  Visualizzazioni: 663

Il sesto successo nel Masters (ATP World Tour Finals) da parte del fuoriclasse svizzero Roger Federer (record assoluto) sul cemento di Londra ha sancito la chiusura della stagione agonistica dei circuiti mondiali ATP e WTA, dominata in campo maschile dallo straordinario campione serbo Novak Djokovic che ha detronizzato il grande tennista spagnolo Rafael Nadal e caratterizzata, in campo femminile, dalla mancanza di una vera e propria regina.

IL DOMINIO INCONTRASTATO DI DJOKOVIC. Vincendo tre tornei del Grande Slam (su quattro) e cinque Masters 1000 (su nove), il fuoriclasse serbo Novak Djokovic ha dettato legge quasi per tutta la stagione e su tutte le superfici, perdendo qualche colpo solo nel finale. Le tre perle sono state senz’altre le tre prove del grande Slam: in ordine cronologico gli Australian Open (cemento), dove ha superato in finale il britannico Andy Murray e Wimbledon (erba) e gli Us Open (cemento), dove, in entrambe le occasioni, ha avuto la meglio sullo spagnolo Rafal Nadal. Proprio il campione iberico, sconfitto ripetutamente da Djokovic (sei volte in altrettante finali di grande prestigio, oltre al Rolland Garros e a Wimbledon, anche ai Masters 1000 di Indian Wells, Miami, Madrid e Roma), ha dovuto abdicare lasciando al campione serbo il numero uno della classifica mondiale ATP. Djokovic ha centrato 43 vittorie consecutive, prima di perdere in semifinale da Roger Federer al Roland Garros ed è stato inoltre il primo giocatore in assoluto a vincere 5 tornei ATP Masters 1000 (Montreal, oltre ai già citati Indian Wells, Miami, Madrid e Roma).


NADAL ANCORA RE SULLA TERRA MA IN CALO SULLE ALTRE SUPERFICI. Dopo un 2010 da incorniciare (vittorie al Roland Garros, Wimbledon e Us Open) Rafael Nadal era l’uomo da battere anche nella nuova stagione ma sulla sua strada ha trovato, come già detto, un Novak Djokovic fenomenale che gli ha tolto anche il numero uno della classifica ATP. Il campionissimo spagnolo è riuscito, comunque, a confermarsi il migliore sulla terra, vincendo il Roland Garros (battuto in finale l’avversario di sempre Roger Federer), oltre al settimo titolo consecutivo nel prestigioso Masters 1000 di Montecarlo. Nulla da fare sul cemento degli Australian Open (eliminato ai quarti di finale) e degli Us Open (battuto in finale da Djokovic) e sull’erba di Wimbledon (ancora sconfitto in finale dalla “bestia nera” Djokovic).

IL GRANDE FINALE DI STAGIONE DI FEDERER. MURRAY, IL QUARTO MOSCHETTIERE. Il fuoriclasse svizzero Roger Federer ha concluso alla grande una stagione di ottimo livello ma meno prolifica rispetto a quelle degli ultimi anni (dal 2003 al 2010 aveva sempre vinto almeno un torneo del Grande Slam, cosa che non gli è riuscita quest’anno) . Il tennista elvetico ha conquistato la finale del prestigioso Masters conclusivo di Londra, superando in finale il francese Jo-Wilfried Tsonga, già sconfitto nella finale del Masters 1000 di Parigi due settimane prima.

Federer è, così, riuscito, proprio in extremis a riagguantare la terza posizione della classifica ATP che aveva ceduto provvisoriamente al britannico Andy Murray, il quarto grande protagonista della stagione (finalista agli Australian Open, semifinalista nelle tre prove del Grande Slam e vincitore dei Masters 1000 di Cincinnati e Shanghai).

ANDREAS SEPPI CINQUE ANNI DOPO VOLANDRI. L’attuale numero uno del tennis italiano, Andreas Seppi, ha conquistato sulla prestigiosa erba britannica di Eastbourne il suo primo titolo ATP, sconfiggendo in finale il serbo Janko Tipsarevic. Era dal 2006 (vittoria di Filippo Volandri sulla terra di Palermo) che un tennista nostrano non si imponeva in un torneo del circuito mondiale ATP.

GRANDE EQUILIBRIO IN CAMPO FEMMINILE. Quattro vincitrici diverse e sei finaliste differenti nei quattro tornei del Grande Slam hanno sancito una situazione di maggior equilibrio rispetto ai maschi in un 2011 con molte pretendenti al trono ma senza una vera regina. La campionessa danese Caroline Wozniacki, ancora clamorosamente a secco di vittorie nei tornei del Grande Slam, è riuscita per il rotto della cuffia a conservare la prima posizione nella classifica mondiale WTA davanti alla fuoriclasse ceca Petra Kvitova (vincitrice sull’erba di Wimbledon nei confronti della russa Maria Sharapova e della finale dei Masters a Istanbul con la bielorussa Victoria Azarenka). Sul cemento degli Australian Open è stata l’esperta belga Kim Clijsters ad imporsi sulla cinese Na Li che ha poi battuto in finale sulla terra del Roland Garros la nostra Francesca Schiavone. Sul cemento degli Us Open il successo è, invece, andato all’australiana Samantha Stosur nei confronti della fuoriclasse statunitense Serena Williams.

SCHIAVONE DI NUOVO FINALISTA AL ROLAND GARROS. PENNETTA E VINCI HANNO DIFESO L’ONORE. La”leonessa” Francesca Schiavone, campionessa uscente al Roland garros, è riuscita nella grande impresa di bissare la finale dello scorso anno ma si è dovuta arrendere, come già detto, alla cinese Na Li. Nel resto della stagione ha ottenuto come risultato più prestigioso l’accesso ai quarti di finale agli Australian Open, mentre a Wimbledon e agli Us Open si è dovuta inesorabilmente arrendere rispettivamente al terzo e al quarto turno. Nessun torneo vinto, a livello individuale, neanche per Flavia Pennetta che, però, ha conquistato il prestigioso successo nel doppio, con l’argentina Gisela Dulko, agli Australian Open, dove è giunta agli ottavi nel singolare. Da registrare, sempre nel singolare, l’accesso ai quarti di finale agli Us Open.

Pur non riuscendo ad andare al di là dei sedicesimi nei tornei del Grande Slam, Roberta Vinci ha dimostrato di essere in grande ascesa riuscendo ad imporsi in ben tre tornei del circuito WTA, categoria International, sulla terra di Barcellona e Budapest e sull’erba olandese di ‘S Hertogenbosh.

Articolo scritto da nicovale - Vota questo autore su Facebook:
nicovale, autore dell'articolo Tennis - Bilancio 2011: Djokovic Dominatore Nell' Anno Del Calo Di Nadal. Equilibrio Tra Le Donne
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Sport e Tempo Libero
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Sport e Tempo Libero
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione