Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Tour De France: Ivan Basso E L' Esempio Cadel Evans


25 luglio 2011 ore 13:20   di nicovale  
Categoria Sport e Tempo Libero  -  Letto da 412 persone  -  Visualizzazioni: 848

Cadel Evans, il coriaceo e indomito fuoriclasse australiano, ha conquistato il suo primo Tour de France al settimo tentativo, all'età di 34 anni, mettendosi nell'ordine alle spalle i fratelli lussemburghesi Andy e Frank Schleck al termine di tre settimane spettacolari, combattutte, incerte e ricche di colpi di scena. Detronizzato, dunque, il campione uscente, lo spagnolo Alberto Contador, che si è dovuto accontentare della quinta posizione alle spalle anche dell'eroico francese Thomas Voeckler che a lungo ha accarezzato il sogno in giallo.

L'Italbici, dal canto suo, ha perso per strada sulle Alpi l'atteso Ivan Basso, che sui Pirenei aveva illuso di poter lottare alla pari con i migliori e ha applaudito un sorprendente e strepitoso Damiano Cunego, partito con l'intenzione di vincere una o più tappe, e ritrovatosi alla fine in lotta per la classifica generale. Cunego ha chiuso al settimo posto, Basso è stato relegato in ottava posizione.


EVANS, UN "CANGURO" SUI CAMPI ELISI. Primo australiano a vestire la maglia gialla a Parigi, Cadel Evans è stato autore di una corsa straordinaria, dimostrando fin dall'inizio di avere le carte in regola per poter finalmente trionfare nella Grande Boucle e credendo fino alla fine di poter coronare il suo sogno, malgrado la grande concorrenza dei terribili fratelli Schleck che sulle Alpi hanno cercato di fare letteralmente saltare il banco ma che nella cronometro del penultimo giorno hanno dovuto inesorabilmente arrendersi.

Evans, campione del mondo su strada nel 2009, inseguiva dal 2005 l’anelato trionfo nella prestigiosa corsa a tappe francese che lo aveva visto più volte protagonista con due secondi (2007, 2008) e un quarto posto all’attivo (2006) ma con due prestazioni decisamente deludenti nelle ultime due edizioni. Il corridore australiano ha continuato a credere nei propri mezzi e all’età di 34 anni e mezzo, al termine di una corsa fantastica, ha raggiunto meritatamente il suo sogno in giallo domando la resistenza di avversari di grandissimo valore.

BASSO E L’ESEMPIO DEL CAMPIONE AUSTRALIANO. Ivan Basso, partito con grandi ambizioni e con il sogno, alla stregua di Evans, di poter finalmente vincere il suo primo Tour de France, non è stato all’altezza della situazione proprio nelle tappe alpine decisive, vanificando quanto di buono fatto vedere sui Pirenei. Il campione della Liquigas, ha nove mesi in meno del campione australiano, e da diversi anni, come Cadel, è grande protagonista nella Grande Boucle, dove è già salito due volte sul podio (terzo nel 2004, secondo nel 2005). Il nuovo vincitore del Tour de France deve essere l’esempio da seguire per il nostro campione che deve nei prossimi anni credere ancora fermamente nei propri mezzi e continuare ad inseguire, senza assolutamente trascurare il Giro d’Italia, il suo sogno in giallo, che potrebbe ancora essere realizzabile, proprio seguendo le orme dello straordinario Evans.

Articolo scritto da nicovale - Vota questo autore su Facebook:
nicovale, autore dell'articolo Tour De France: Ivan Basso E L' Esempio Cadel Evans
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Sport e Tempo Libero
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Sport e Tempo Libero
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione