Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

E - Cat, Aspettando La Fusione Fredda


26 settembre 2011 ore 21:44   di ania66  
Categoria Tecnologia e Scienze  -  Letto da 3141 persone  -  Visualizzazioni: 4218

Andrea Rossi non è un personaggio nuovo ai media, con un passato controverso per la vicenda Petroldragon, segnato da grandi annunci e cocenti delusioni. Così, all'avvento di quello che potrebbe essere una passaggio epocale per la nostra società non si può non guardare gli avvenimenti recenti con un minimo di cautela.

Perché il tema della fusione fredda rappresenta ai nostri giorni l'equivalente della pietra filosofale per gli alchimisti del medioevo. E data la continua crescita dei prezzo delle materie energetiche non si tratta solo di una similitudine.


D'altronde, già nel 1989 il mondo ebbe un sussulto quando i due ricercatori Fleischmann e Pons annunciarono di aver realizzato quello che molti scienziati avevano provato a fare per lungo tempo: sfruttare l'enorme potenziale energetico della fusione tra nuclei di idrogeno, senza produrre i devastanti e tristemente noti effetti delle bombe H. Realizzare un sole in miniatura per produrre energia pulita, in abbondanza e senza scorie nocive per l'ambiente.

Dopo il clamore dell'annuncio, la difficoltà nel riprodurre i risultati presentati dai due chimici raffreddarono molto gli entusiasmi e l'interesse mediatico su tale argomento andò scemando. Ma la ricerca sulla fusione fredda (indicata anche come LENR - Low Energy Nuclear Reaction) non si è mai interrotta completamente, senza però dare fino ad oggi nessun risultato di rilievo.

Ma a 22 anni di distanza dal quel primo annuncio, nuovamente siamo a confrontarci con una notizia che davvero potrebbe cambiare molte cose della nostra società, mutando radicalmente equilibri mondiali in tema di energia. L'annuncio è avvenuto ad inizio 2011 ed ha avuto grande risonanza, attirando l'attenzione di giornali importanti come Repubblica e Focus e della televisione.

Fuori dai laboratori di ricerca tradizionali - più precisamente dentro un capannone nella periferia di Bologna – l'ingegnere Andrea Rossi ha messo a punto un apparecchio, denominato E-CAT, che promette di realizzare quel sogno a lungo cercato. A supporto della suo lavoro Rossi ha chiamato il fisico Sergio Focardi, professore emerito dell'Alma Mate. Per dare credibilità al lavoro, molte delle dimostrazioni sul funzionamento dell'apparecchio sono avvenute in presenza di osservatori esterni e di membri della comunità scientifica.

Ma in realtà, nonostante l'impatto mediatico e la ricerca di visibilità, molte cose restano poco chiare. A partire dal principio di funzionamento dell'intero apparato, non perfettamente chiaro neppure a Rossi e collaboratori, per finire al cuore reattore, l'unica parte – probabilmente la più importante – ancora coperta da segreto e nota solo a Rossi.

Questo aspetto risulta comprensibile, dato che è naturale cercare di proteggere il frutto del proprio lavoro e dei propri investimenti. Ma il passato insegna e gli scettici si attendono qualche prova in più: così Rossi annuncia che in Grecia e negli USA si stanno già producendo moduli industriali per la produzione di energia, basati sul suo sistema e con uscita prevista per l'autunno.

Il nome del partner greco è la Defkalion Green Technologies, sul cui sito web non compare alcuna notizia del rivoluzionario sistema. Ma cercando ancora, si approda sul sito “E-Cat world” (http://www.e-catworld.com/) il cui motto è “Getting Ready for The Rossi Energy Catalyzer”; sarò nel posto giusto per avere informazioni ?

Così si apprende che i rapporti con i greci si sono interrotti (sembra per inadempienza della Defkalion), che esiste un libro, tradotto anche in inglese, che si intitola “i segreti dell'E-CAT”, dove si descrive l'intero apparato (compreso il misterioso catalizzatore segreto?) in vendita a 7 euro, che il modulo industriale è apparso in un video per una rivista svedese e che sarà messo in funzione in ottobre per dei test presso l'università di Uppsala, che il fisico premio Nobel Brian Josephson si è interessato del sistema, pur non dando giudizi definitivi.

Ma la cosa che più stupisce è la quantità di informazioni presenti sul sito; praticamente ogni giorno viene pubblicata una notizia su E-CAT e dintorni. E' un buon segno? Non saprei: in campo scientifico, molto clamore serve spesso per buttare fumo negli occhi e nascondere la realtà.
La ricerca scientifica ha le sue regole, prima tra tutte la riproducibilità degli esperimenti – come ben sanno Fleischmann e Pons – e la divulgazione di tutti i dati scientifici necessari per poter ripetere l'esperimento.

Allora tutto male? Non voglio dire questo: alcune grandi scoperte hanno spesso avuto luogo in modo inatteso e magari sono state viste con sospetto od incredulità. E non è nello spirito della scienza rifiutare a priori alcuna possibilità, neppure quando essa viola quello a cui si è sempre creduto, come ad esempio l'inviolabilità della velocità della luce di cui alla recente notizia CERN di Ginevra.

Allora tanto vale aspettare gli eventi, riflettendo a quello che ha detto un premio Nobel sull'argomento “Se la fusione fredda funzionasse davvero, allora vorrebbe dire che Dio è stato molto, molto buono con noi”.

Articolo scritto da ania66 - Vota questo autore su Facebook:
ania66, autore dell'articolo E - Cat, Aspettando La Fusione Fredda
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!


Commenti

 
  • adrifrancavilla
    #1 adrifrancavilla

"La domanda è: di cosa dobbiamo preoccuparci? Se Rossi ha ragione abbiamo una nuova fonte energetica a basso costo. Se Rossi ha torto continuiamo tranquillamente a vivere in un mondo che sta raschiando il fondo del barile della sostenibilità ambientale e delle risorse fossili." Ing. Giacomo Guidi

Inserito 27 settembre 2011 ore 12:11
 
  • adrifrancavilla
    #2 adrifrancavilla

Ma il E-gatto è! Credeteci ! sta a noi poi non farlo finire in mano alle 7 sorello del petrolio. semnnò non cambia nulla

Inserito 27 settembre 2011 ore 12:14
 
  • Gabibbo
    #3 Gabibbo

Belin! mi sembra strano che non hanno ancora messo tutto a tacere,visto c'e' ancora un po di petrolio...

Inserito 27 settembre 2011 ore 14:53
 
  • Andrea
    #4 Andrea

Vorrei ringraziare questo sito per avere presentato la vicenda e-cat seppur con alcuneimprecisioni. La più grande è che alcune testate si sono interessate alla questione: è invece vero che la storia dell'e-cat è stata oscurata in un modo che ha pochi precedenti vista la rilevanza della tematica. Il fato che vi sia stato un passaggio in Rai ed un cenno su Repubblica non sono sufficienti a negare la mia tesi. Comunque, per fortuna, almeno per ora, esiste internet ed io invito a chi fosse interessato a conoscere la rivoluzione energetica in atto di consultare l'abbondante materiale su you tube, il sito di Rossi (al quale si possono porre domande dirette) www.journal-of-nuclear-physics.com ed il sito http://22passi.blogspot.com/ che è fra gli altri, il più aggiornato. Una raccomandazione: io non voglio sostenere una tesi o quella contraria, chiedo solo di informarvi senza pregiudizi e di approfondire la cosa prima di esprimere giudizi: io l'ho fatto e sono convinto di non avere perso tempo. Non vedo l'ora che venga l'8 ottobre (test su e-cat) e poi fine ottobre (test su centrale da 1 Mw). Ad un mondo nuovo, pulito, senza guerre per il petrolio, con territori aridi e deserti inondati da acqua dolce per fare posto a nuovi insediamenti e coltivazioni e foreste tropicali. Tutto questo grazie alla nuova energia. Pensateci. Ciao

Inserito 27 settembre 2011 ore 14:57
 
  • Andrea
    #5 Andrea

@gabibbo il petrolio servirà ancora per molto tempo per produrre materie plastiche, come propellente per aerei, auto e per molte altre applicazioni. Ciò che forse sarà meno interessante saranno i pannelli solari e le pale eoliche in quanto l'e-cat sarà in proporzione più economico come installazione e totalmente indipendente da temperatura e luce. Comunque credo che di energie alternative ce ne fossero nel cassetto da tempo e solo l'impossibilità di rinviare ulteriormente il grande salto sta permettendo a Rossi di emergere fra i tanti. Credo che anche i poteri forti si stiano rendendo conto che spingere l'umanità alla disperazione energetica ed all'inquinamento estremo li priverebbe del regno sul quale regnare e, per quanto sadici possano essere, non possono permetterselo neppure loro.

Inserito 27 settembre 2011 ore 15:02
 
  • Marta
    #6 Marta

A prescindere dal fatto che l'e-cat funzioni o meno (e comunque lo sapremo molto presto), il fatto che la Lenr (loe energy nuclear reaction) esista, è confermato da più laboratori e scienziati super qualificati. Però ci tengo a specificare che contrariamente a quanto scritto dal redattore, la LENR non è un sinonimo di FUSIONE FREDDA. Credo che il pericolo peggiore per il progetto Rossi sia l'informazione scorretta che da l'appiglio ai sabotatori per danneggiare quanto di buono e corretto si sta facendo. Su youtube ci sono abbondanti spiegazioni per quanto detto sopra. Informatevi per favore.

Inserito 27 settembre 2011 ore 15:25
 
  • beppe
    #7 beppe

ma perchè qui in italia,culla della fusione fredda, a livello politico,non si è ancora mosso nessuno? non ho ancora sentito alcun commento da parte di organi o istituzioni,cosa aspettiamo che il Rossi ce lo freghino come sempre gli stranieri,americani svedesi greci o dir si voglia,per quel ormai tutto italiano meccanismo noto come fuga di cervelli?

Inserito 28 settembre 2011 ore 08:11
 
  • Marco
    #8 Marco

@Beppe non ti sembra una domanda ingenua la tua? Ti sembra che con un ministro (e non importa a quale schieramento appartenga perchè hanno tutti lo stesso livello culturale e intellettivo, cioè quello delle scimmie) che si complimenta per il tunnel scavato da Ginevra al Gran Sasso per misurare la velocità della luce, abbia qualche chance di capire qualcosa di Lenr? Comunque la rivoluzione sarebbe di tale portata che anche se è al di fuori della portata dei nostri politici e dei loro padroni, l'Italia ne verrà investita indirettamente così come la Rivoluzione francese arrivò di riflesso in Italia pur essendo scoppiata in un altro stato.

Inserito 28 settembre 2011 ore 10:17
 
  • Luca
    #9 Luca

...spero che sia la volta buona per toglierci dalle scatole il petrolio...e se non fosse questa, tra "vernici fotovoltaiche" "foglie artificiali" "batterie al gel" "superconduttori ed eolico"(chi più ne ha più ne metta) e soprattutto internet: il mio consiglio ai petrolieri è investire su coltivazioni adatte a terreni aridi

Inserito 28 settembre 2011 ore 10:47
 
  • Simona
    #10 Simona

Ti sembrerà strano ma se l'e-cat funziona, gli unici a sopravvivere anche se con un portafoglio un pò ridotto, saranno i produttori-raffinatori-distributori di petrolio (e gas) perchè il petrolio ha un'infitità di applicazioni che l'e-cat non può soppiantare: produzione di materie plastiche, bitumi e, per molti anni, alimentazione di auto, aerei.... perchè non puoi cambiare il parco macchine in pochi mesi. Mentre chi fallirebbe in tempi piuttosto rapidi saranno probabilmente i produttori di energie alternative (eolico, pannelli solari..) perchè hanno un rapporto costo di investimento e produzione di energia troppo lontano da quello dell'e-cat, inoltre l'e-cat ha un grande vantaggio rispetto a questi: non dipende dal meteo (se è nuvoloso o no) nè dalla temperatura dell'ambiente.

Inserito 28 settembre 2011 ore 11:17
 
  • alfiero
    #11 alfiero

speriamo di cuore che tutto sia vero per il bene del mondo interoelxxt32

Inserito 29 settembre 2011 ore 19:36
 
  • giovanni degli a..
    #12 giovanni degli a..

a-Sui combusibili fossili. Ci danno da mangiare.Con il lavoro nostro. Grazie alla abbbondanza che la natura ha regalato ad alcuni. Quelli ne hanno enormi vantaggi. Costruiscono palazzi in credibili.Vasche da bagno con riubinetti d' oro. Guidano tutti gli equilibri fra richezza e povertà. Certo saranno loro a guidare la nuova era. -Ma non sarannpo più soli. Ma. il petroliolio cesserà. Non si potrà più fare neppure la plastica e molte altre sostanze (fra cui farmaci). E' un crimine isnsistere a bruciare petrolio nelle strade. -Nel frattempo inevitabilemente la presenza di CO2 ci obbligherò ad un controllo sulla foresta amazzonica tutta a danno di chi la abitava e con la contraddizione della esigenza di legno per scarsità di Petrolio (plastica). Il petrolio è un bene molto prezioso. L' umanità deve conservarlo: b-Sull' eolico. evviva!!Speriamo che arrivi! c-Sul solare: adagio .. ora importante. Ma L' energia necessaria per produrre impianti solari è superiore alla energia da loro prodotti durante la loro vita. d-Geotermico: il giappone lo adotterà.. e non solo e-Il nucleare. E' stato sviluppato in altre epoche. Chi lo ha deve continare. Sarebbe una follia smettere. Ma la conversione verso altro va pensata subito. Il materiale fissile disponibile non supera alcuni decenni di mantenimento degli attuali impianti. Il costo energetico dei reattori va commisurato al costo energetico di molto altro: miniere, trasporti, raffinazioni,impianti, scorie, eccetera) L' energia nucleare è ' stata fatta per produrre materiali fissili per armamenti. E i costi del nucleare vanno valutati tenendo conto anche del nucleare per il militare. E il nucleare è assai inquinante: Inutile paralre di ecologia.Che diventa solo l protezione di interessi paticolari (il mio giardino..) f- I vantaggi dell' ecatt. Si può usare in tutti gli ambienti. Costa poco. Non prooduce CO2. La produzione richiede materiali abbondanti. Fa da calmniere in tutte le proposte energetiche. Obbliga i signori del petrolio ad un ridimensionamemto dei loro obiettivi e quindi riduce la importanza del loro controlllo sui poveri (fra cui noi..), che ovviamente usiamo la nostra inettelligenza per loro. Il che e' bene. In fondo hanno solo il deserto.. Ma un altro equilibrio è necessario. g-Il mondo militare. Le guerre moderne fanno morti sono fra i civili. I militari sono solo un mezzo per alimentare la industria militare. E Basta. Presto o tardi la industria militare andrà in crisi (senza guerre artifciali..lo sarebbe già..). dobbiamo aiutare alla sopravvivenza di quei posti di lavoro (dei militari). Ovvero dobbiamo capire come convertire la industria militare in industria di pace. E la pace è possibile solo attraverso la riduzione della povertà. Il mondo militare potrebbe contribuire allo sviluppo delle infrastrutture energetiche dei paeesi poveri. Attenzione il supporto ai paesi poveri da parte della CINA è già in corso. E Ben venga. Ma non non possiamo rimanere inermi. Ed è privo di senso dare la caccia ad un petrolio di cui non abbiamo necessità(vedi LIBIA). E le guerre per l' acqua nel medio oriente potranno ben essere vinte con la desalinizzazione grazie ad energia a basso costo. -Un esempio. occorre qualche petroliere che decida di mostrare che può addirttura arrichirsi di più aiutando i poveri . Questa è la vera sfida!! f- La scienza. Il funzionamento della ECATT è difficile ca calcolare. Ma e' certamente un uovo di colombo. La s sienza deve sendere dalle posizioni di privilegio di una presnuta capacità teorica che è oggettivamente finita in moltoi settori anche vitali. E di fronte all' esperimento la scienza deve solo pensare, non negare Dal 1936 si conosceva iul fenomeno della produzione di energia da parte del NIKEL Ed IDROGENO!!). Senza contare che un esperiemnto imprevisto apre una infinitaà di strade. Esperimenti sulla eleltricità hanno fatto nascere TUTTo il mondo oggi. Esperiementi di tipo ECATT fanno nascere una immensa quantità di nuove ricchezze e di immense possibilitaà di ricerca e sviluupi tecnologici scientifci d applicativi e nuova economia pulita e sostenibile. g-La politica. ha una occasione per mostrae la sua utilità. Se perde questa occasione la politica prderà ruoli. h- La filosofia deve stare più addentro alle cose di oggi e non parlare solo un linguaggio inaccessibile. ma non tema non può far danni: I filosofi fanno solo festival per il culto della loro personalità: Non sono letti e rischiano la inutilità . La Filoofia della scienza nopn può tacere. In caso contrario i FAN della fusione freddda diventao i veri nUOVI FILOSOFI. i- infine ed in prima posizione:l' etica. Ha dei difensori. Non possono essere sololo dei filosofi o dei difensiori aocculti di interessi malvagi contro i poveri.E' un loro momento!! gianni degli antoni da WWW.COOBOK.org

Inserito 2 ottobre 2011 ore 16:24
 
  • luca
    #13 luca

domani 07 ottobre 2011 alle 12 il responso del test di 24 ore! spero sia una data ricordata nella storia

Inserito 6 ottobre 2011 ore 19:03
 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Tecnologia e Scienze
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Tecnologia e Scienze
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione