Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Il Mit Crea Nuova Fonte Di Energia Pulita E Rinnovabile Ma Qualcosa Non Torna


25 aprile 2011 ore 15:43   di chucara2000  
Categoria Tecnologia e Scienze  -  Letto da 812 persone  -  Visualizzazioni: 1636

Sembra che i ricercatori del Massachusetts Institute of Technology, MIT, una delle più prestigiose scuole di scienza dell’ingegneria statunitense, già nel 2009 abbia creato una nuova fonte di energia, pulita e rinnovabile. La cosa strana è che l'unico modo è possibile vedere questa fonte di energia è con un microscopio molto potente, perché è creata utilizzando la nanotecnologia.

Da anni ormai la nanotecnologia sembra aver aperto nuovi scenari alla scienza e tutti applicabili sia in campo scientifico che per usi privati. Ora sembra che il MIT impiegando la nanotecnologia in un modo non ben specificato riesca a produrre enormi quantità di energia elettrica. Inutile sottolineare che questa nuova scoperta potrebbe rivoluzionare il nostro modo di vivere grazie all’impiego di batterie dalla durata elevatissima e con consumi minimi.


Quello che sappiamo è che in pratica gli ingegneri del MIT hanno costruito una serie di piccoli fili di nanotubi in carbonio, rivestendoli con piccole quantità di combustibile. Il risultato è stato una grandissima quantità di energia prodotta rispetto al carburante impiegato ed alla grandezza dei nanotubi. Se vera è una scoperta eccezionale ed applicabile in ogni oggetto che per funzionare abbia bisogno di energia: Automobili; aerei; treni, ma anche le semplici batterie per i pc portatili, i telefonini ecc.

Il Mit Crea Nuova Fonte Di Energia Pulita E Rinnovabile Ma Qualcosa Non Torna

Tra l’altro, rispetto alle batterie oggi in commercio, che anche se non utilizzate perdono potenza fino a scaricarsi del tutto, questo non accade in questo nuovo processo. Se non viene utilizzato semplicemente non effettua “scambi” e non consuma. Poi il processo non inquina, mentre sappiamo che i carburanti e gli elementi presenti nelle batterie (nichel, cadmio, ed altro) sono altamente inquinanti.

Una cosa non ci è chiara, come mai dal 2009 ad oggi non si sono visti progressi su questa nuova scoperta? Noi un’idea ce la siamo fatta e non ci sembra così peregrina come si possa pensare, anche perché vediamo una campagna denigratoria da chi spinge per il fotovoltaico adducendo ai nanotubi “proprietà inquinanti”. E’ chiaro l’interesse, per chi si occupa di fotovoltaico, di affossare e denigrare questo nuovo tipo di soluzione che spazzerebbe via tutte le altre, fotovoltaico compreso, ma è chiaro anche il fatto che in ambiente militare non stanno tanto a guardare all’inquinamento (qualora ci fosse) e l’idea di un aereo che non ha bisogno di rifornire in volo e può partire da qualunque parte del globo per arrivare alla destinazione assegnata non sarà certo presa sotto gamba.

Articolo scritto da chucara2000 - Vota questo autore su Facebook:
chucara2000, autore dell'articolo Il Mit Crea Nuova Fonte Di Energia Pulita E Rinnovabile Ma Qualcosa Non Torna
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!


Commenti

 
  • davide
    #1 davide

prendersela con il fotovoltaico è demenziale

Inserito 27 aprile 2011 ore 17:11
 

Dipende, se leggo in un sito web dedicato al fotovoltaico che i nanotubi inquinano (a mo di campagna contro i nanotubi, direttamente concorrenti) voglio capire chi è più "demenzialmente" in malafede!

Inserito 28 aprile 2011 ore 14:46
 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Tecnologia e Scienze
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Tecnologia e Scienze
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione