Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Libro O Ebook, Falso Problema Al Salone Del Libro


12 maggio 2010 ore 09:16   di clac  
Categoria Tecnologia e Scienze  -  Letto da 304 persone  -  Visualizzazioni: 520

Al Salone del Libro uno dei temi ricorrenti è il futuro dell’editoria soprattutto nel confronto rispetto al formato: oggetto “Classico” o elettronico? Si tratta, a ben guardare, di un falso problema per una serie di motivazioni che si cercherà di argomentare ma va detto subito che il modello sul quale ragionevolmente prevedere uno sviluppo è quello dell’ibrido.

Innanzi tutto l’attuale libro è già in parte un libro elettronico; il materiale cartaceo è assai meno vegetale di quanto generalmente crediamo – è stato Umberto Eco a parlare di aspetto vegetale (la carta) differenziato da quello minerale (il silicio dei computer).


Non è solo questione di supporto, il nostro testo è ormai un prodotto assai digitale, elettronico, quindi vicino all’e-book, anche perché è pensato concepito impaginato e stampato al computer. Spesso i contenuti sono proposti a meta-libro: grafica, immagini, colonne parallele, sono affermati soprattutto nella realizzazione delle riviste e dei giornali, che sono autentiche pagine a modello Internet, ma il passo definitivo verso questa architettura applicata al libro è graduale ed incessante. Non è tutto: i nostri libri sono sempre più mentalmente affiliati al ragionamento computerizzato; sono zeppi di link, di riferimenti elettronici e di indirizzi mail, a cominciare dai contatti dell’editore passando per i cataloghi online ed includendo i blog ed i forum verso i quali ci si indirizza.

Libro O Ebook, Falso Problema Al Salone Del Libro

Un connubio, testo e computer, che è già inscindibile, pensiamo ad un certo volume e subito ne rintracciamo notizie, distribuzione, recensioni e discussioni in Rete. I nostri giornali e le nostre riviste, poi, sono sempre più digitalizzati anche con la struttura colorata a banner, specchietti e strisce. Per l’altro verso poi, le edizioni online di quotidiani periodici ed anche libri hanno una grafica che con il click e sfoglia ci ricorda il girare delle pagine, cosa che fa pensare a come non soltanto i prodotti editoriali sono di fatto elettronici ma che viceversa i prodotti dell’editoria elettronica si curano di mantenere una veste tradizionale.

I salti tecnologici e le cosiddette invenzioni hanno generalmente percorsi particolari; fatto salvo il fatto che è l’utenza, il pubblico, a deciderne il successo in modo talora imprevedibile, le innovazioni tendono sempre a mantenere al massimo una veste abituale. La lampadina s’ispira alla candela, la motocicletta al cavallo, l’automobile al carro e chi guidava un’auto trenta anni fa non percepisce la differenza da oggi anche se l’elettronica l’ha rivoluzionata. I compact disc somigliano ai padri in vinile mentre radio e televisione digitale hanno un’anima totalmente differente rispetto all’analogica eppure ne mantengono sostanzialmente l’estetica. Ovviamente chi produceva o vendeva cera per candele all’avvento della luce elettrica ha dovuto riconvertirsi o dedicarsi ad un mercato di nicchia, ma questo è un altro discorso ed è, tuttavia, storia economica ed è sociale del progresso umano (nei cambiamenti abbiamo sempre avuto paure e nostalgie ed è lecito, giusto ed inevitabile riflettere sui nuovi scenari).

Concludiamo però questa analisi, non senza aver detto che si attende approfondimento da chi legge. Stando al presente, nel futuro prossimo avremo non libri o giornali compressi in un chip ma oggetti simili o lentamente evoluti rispetto a quella cosa che abbiamo nelle attuali librerie o in tasca ed in borsa e, appena abbiamo modo, li leggiamo ricevendone piacere e arricchimento. Altro fatto è invece il contenuto di libri e periodici, questa è la vera variabile degna di attenzione ed in fondo di preoccupazione in quanto fondo mentale e sostanziale di ogni nostra epoca.

In arte, psicologia, filosofia e comunicazione tantissimo è stato (guarda caso) scritto sul nesso tra contenitore e contenuto: bene, nell’editoria è decisamente più importante il secondo aspetto. Poco conta se avremo libri esili, plastificati, zippati e luminosi e sfoglieremo virtualmente pagine elettriche rispetto a quello che c’è scritto dentro, perciò in realtà è un falso problema.  Calatonaca Clac.

Articolo scritto da clac - Vota questo autore su Facebook:
clac, autore dell'articolo Libro O Ebook, Falso Problema Al Salone Del Libro
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!


Commenti

 
  • martino
    #1 martino

"Ovviamente chi produceva o vendeva cera per candele all?avvento della luce elettrica ha dovuto riconvertirsi o dedicarsi ad un mercato di nicchia, ma questo è un altro discorso [...]" Caro Clac sta proprio nel fattore economico invece la questione principale: economico è stato il motivo per cui è nata la scrittura in Mesopotamia, economico il fine di Gutemberg...e sarà il fattore economico che determinerà questo epocale cambiamento del passaggio dalla carta al digitale. Non credo proprio sia un falso problema e se osservi le guerre in atto tra le grandi istituzioni librarie, i grandi editori, Google Books, Apple, Amazon, ecc te ne potrai rendere conto...Inoltre, per concludere, oggi si scrive ancora, fondamentalmente con una mente cartacea...ma quando nascerà una generazione di scrittori (veramente) digitali...quel giorno sarà la fine definitiva della carta saluti martino

Inserito 13 maggio 2010 ore 10:44
 

Infatti Martino, anche io volevo dire che è un fatto economico, esso modifica le tecniche ed i processi produttivi(ed un po tutto il resto), nulla di scandaloso, in fondo inseguiamo sempre criteri di miglioria oppure di profitto. Altra cosa è il contenuto, gli editori saranno preoccupati x motivi di aggiornamento, io invece voglio spostare il focus sui contenuti. Papriro tavoletta foglio... il libro ha un quid ove il contenuto DEVE superare il contenitore sennò è ninnolo,orpello, souvenir (io te e chi legge qua seguiamo contenuti - idee - eppure non usiamo carta; se in futuro sarà l'addio alla carta... mbè, saranno felici gli alberi. Clac

Inserito 13 maggio 2010 ore 22:15
 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Tecnologia e Scienze
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Tecnologia e Scienze
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione