Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Lucy, Più Essere Umano Che Scimmia: Ora Si Sa Che Camminava Eretta


12 febbraio 2011 ore 09:55   di KungFuGirl  
Categoria Tecnologia e Scienze  -  Letto da 1889 persone  -  Visualizzazioni: 3669

Lucy è una giovane donna di circa 25 anni, piccolina di statura (era alta solo un metro e sette centimetri) e decisamente bruttina per i canoni estetici ai quali siamo abituati noi, eppure Lucy ha fatto la storia. Letteralmente. Lucy infatti è un esemplare di Australopithecus afarensis, un ominide ormai estinto che ci ha preceduti nell'evoluzione, ed i suoi resti furono trovati nel 1973 in Etiopia, ma lei era vissuta lì almeno tre milioni e duecento mila anni prima.

Il suo scheletro, rinvenuto dagli archeologi là dove un tempo c'era una palude, non era completo: le ossa ritrovate hanno permesso di ricostruire circa il 40% del totale e, in particolare, l'osso pelvico, il femore e la tibia avevano fatto supporre che Lucy camminasse già eretta e non più a quattro zampe, come fanno ancora oggi babbuini e scimpanzè.


Ora un'importante conferma scientifica a questa supposizione arriva da nuovi ritrovamenti fossili: le ossa del piede di questa specie sono infatti tornate alla luce nel sito archeologico di Hadar, sempre in Etiopia, ed un gruppo di ricercatori della Missoury Univeristy e dell'Università di Stato dell'Arizona hanno scoperto che in questo nostro antenato era già presente l'arco plantare.

"Gli archi plantari sono un elemento chiave della camminata come quella dell'uomo, dato che assorbono gli shock e forniscono una salda piattaforma per spingere il piede in avanti - ha spiegato Carol Ward, alla testa degli studiosi che hanno esaminato i resti - Oggi sappiamo che chi ha i "piedi piatti", con uno scarso sviluppo dell'arco plantare, risente di problemi che si ripercuotono su tutto lo scheletro. Lo sviluppo degli archi è stato un cambiamento fondamentale verso la condizione umana, dato che significa l'abbandono dell'alluce prensile, prima indispensabile per afferrare i rami, e indica che i nostri antenati avevano finalmente abbandonato la vita fra gli alberi in favore di quella sul terreno".
Lucy, Più Essere Umano Che Scimmia: Ora Si Sa Che Camminava Eretta Lucy, Più Essere Umano Che Scimmia: Ora Si Sa Che Camminava Eretta Uno scimpanzè ed un gruppo di babbuini.

Questo ha consentito loro di allontanarsi dalla foresta nei periodi di carestia per poter andare a cercare il cibo altrove, nella savana, garantendo così maggiori possibilità di sopravvivenza anche in momenti particolarmente duri.
Lucy, Più Essere Umano Che Scimmia: Ora Si Sa Che Camminava Eretta Lucy, Più Essere Umano Che Scimmia: Ora Si Sa Che Camminava Eretta Una ricostruzione del viso di Lucy e le sue ossa, conservate al museo di Addis Abeba.

Articolo scritto da KungFuGirl - Vota questo autore su Facebook:
KungFuGirl, autore dell'articolo Lucy, Più Essere Umano Che Scimmia: Ora Si Sa Che Camminava Eretta
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Tecnologia e Scienze
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Tecnologia e Scienze
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione