Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Pavegen, La Piastrella Che Produce Energia Elettrica


22 ottobre 2011 ore 20:04   di ascii124  
Categoria Tecnologia e Scienze  -  Letto da 1005 persone  -  Visualizzazioni: 1907

Nel 2009, poco prima di completare gli studi, Laurence Kemball-Cook, un ingegnere inglese ha avuto un’ idea tanto semplice quanto geniale: perché non sviluppare una piastrella che trasforma l'energia dei passi in energia elettrica? Si è subito messo al lavoro ed ha prodotto un prototipo e lo ha chiamato Pavegen. Quando un passante camminando appoggia il proprio peso sulla piastrella, questa si comprime di circa 5 millimetri e immagazzina l’energia cinetica e la converte in energia elettrica, dirottata poi in una batteria al litio.

Al fine di comprendere quanta energia si potesse produrre l’ingegnere ha sottoposto la sua idea ad un semplice esperimento. Durante una grande festa all’aperto una piastrella Pavegen è stata posizionata in un punto di passaggio, scelto appositamente per massimizzare le prestazioni: 250.000 passi hanno prodotto l’energia che sarebbe necessaria per ricaricare circa 10.000 cellulari. La portata di questo risultato è immensa. Pensate di installare queste piastrelle sulle scalinate degli accessi alle metropolitane, oppure in corrispondenza dell’ingresso di uno stadio, o di una scuola. L’energia prodotta potrebbe alimentare, in maniera totalmente ecosostenibile, l’illuminazione delle strade senza avere alcuno impatto ambientale negativo.


Dopo aver fatto incetta di premi quali il “Big Idea Ethical Business Awards” e il “Shell LiveWire Grand Idea Award” sono arrivati anche i primi ordini commerciali. Il comune di Londra ha acquistato 20 piastrelle che saranno poste lungo l'attraversamento centrale tra lo stadio Olimpico di Londra e il centro commerciale Westfield Stratford City. Si stima che il centro commerciale, nel suo primo anno di apertura e con l’inizio delle prossime Olimpiadi, avrà circa 30 milioni di clienti. L’energia prodotta sarà sufficiente per garantire il funzionamento di gran parte dell’illuminazione esterna.

Pavegen, La Piastrella Che Produce Energia Elettrica

L’interesse di molti investitori e la semplice genialità dell’idea lasciano ipotizzare che questo brillante prodotto possa trovare una diffusione molto rapida in tutto il mondo. La tecnologia Pavegen inoltre dimostra che la scelta di generare energia pulita ed ecosostenibile può essere abbinata ad interessanti prospettive economiche. Un ulteriore stimolo per abbandonare le dissennate politiche energetiche che hanno contraddistinto il recente passato e condizionano il nostro presente con i problemi dell’ inquinamento, del riscaldamento globale e l’impiego di fonti di energia non ecosostenibili.

Pavegen, La Piastrella Che Produce Energia Elettrica

Articolo scritto da ascii124 - Vota questo autore su Facebook:
ascii124, autore dell'articolo Pavegen, La Piastrella Che Produce Energia Elettrica
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Tecnologia e Scienze
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Tecnologia e Scienze
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione