Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Planetari: Una Curata Miniatura Della Volta Celeste


18 gennaio 2012 ore 13:27   di stefanos93  
Categoria Tecnologia e Scienze  -  Letto da 469 persone  -  Visualizzazioni: 1165

Ogni sera, al calar del Sole, miliardi e miliardi di stelle compaiono illuminando la grande volta che ricopre il nostro pianeta. E già i primi ominidi, non appena conquistata la posizione eretta, hanno iniziato ad osservare incuriositi e stupiti tutte quei puntini brillanti nel nero della notte. Sono moltissime le leggende, i miti e le favole nate per descrivere il firmamento, per dare un significato all’esistenza e alla posizione delle stelle. Oggi l’uomo ha già messo piede sulla Luna, e sa con certezza che quelli che brillano nel cielo non sono che enormi ammassi di gas brucianti a miliardi di chilometri da noi.

Nonostante ciò, continua ad usare i nomi derivanti da quegli antichi miti, raggruppando serie di stelle realmente lontanissime tra loro e locate su piani differenti sotto il nome di costellazioni. In queste fredde sere, mentre l’inverno si avvicina e la Terra è prossima all’equinozio, possiamo facilmente osservare Orione, con la sua cintura luminosa, Cassiopea, i Gemelli Castore e Polluce, Andromeda e Perseo, il gruppo delle Pleiadi, naturalmente la stella Polare nei pressi dell’Orsa Maggiore, e molte altre costellazioni.


Tuttavia, una criticità collegata all’eccessiva civilizzazione è sicuramente l’inquinamento, in particolare nel nostro caso l’inquinamento luminoso: è ormai diventato difficile osservare il cielo sopra le grandi città, dove le luci dei lampioni e delle case abbagliano e offuscano la vista. Un’ottima soluzione a questo problema è rappresentata dai planetari. Grazie ad uno strumento ottico-meccanico simile ad un proiettore a 360°, prodotto per la prima volta dall’azienda famosa nel campo dell’ottica Carl Zeiss, è possibile riprodurre realisticamente la volta celeste all’interno di una struttura a cupola.

In questo modo diviene osservabile, in qualsiasi ora del giorno e comodamente seduti all’interno di un planetario, il cielo notturno con tutti i corpi che lo popolano. Tutto ciò senza dover soffrire il freddo o la stanchezza che ci assalirebbero durante una notte passata all’aperto. L’effetto che si ottiene è veramente spettacolare: con la sala completamente immersa nel buio sembra veramente di essere seduti, magari in montagna lontano da centri abitati, guardando il cielo. È così inoltre possibile osservare dalla stessa posizione la volta che apparirebbe in un punto geografico qualsiasi della terra o in un tempo lontano, sia passato sia futuro.
Uno dei più importanti planetari del territorio italiano, vicino a noi, ha sede a Milano. Situato nei giardini di Porta Venezia, esso fu progettato dall’architetto Piero Portaluppi e inaugurato nel lontano 1930. La pianta è di forma ottagonale e le dimensioni della sala, di 20 metri di diametro per una capienza di 300 posti, rendono la struttura molto importante anche a livello mondiale.

Articolo scritto da stefanos93 - Vota questo autore su Facebook:
stefanos93, autore dell'articolo Planetari: Una Curata Miniatura Della Volta Celeste
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Tecnologia e Scienze
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Tecnologia e Scienze
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione