Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Quanto Veramente L' Artemisia Può Combattere Il Tumore?


18 febbraio 2014 ore 11:12   di paolosoma  
Categoria Tecnologia e Scienze  -  Letto da 54493 persone  -  Visualizzazioni: 60573

Si tratta di una di quelle notizie da prendere doverosamente "con le pinze", per non generare false speranze in chi soffre.
I precedenti del "metodo Di Bella" e, recentemente, del caso "Stamina", sono lì a ricordarci come sia facile passare da entusiasmi fulminei ad imbarazzanti silenzi tombali, seguiti - molto spesso - da strascichi legali.
Quindi, sulla notizia che esisterebbe una pianta in grado, addirittura, di curare il tumore, ci andremo con i piedi di piombo.

Secondo alcune ricerche condotte dall'Università della California, l'Artemisia Annua, un vegetale utilizzato, nel passato, per la cura delle dermatiti e più recentemente contro la malaria, avrebbe la capacità di distruggere le cellule cancerogene.Scorrendo le varie interpretazioni che si danno in rete in merito alla ricerca, abbiamo notato che collegata all'affermazione precedente se ne legge un'altra, secondo la quale, l'Artemisia ridurrebbe, in combinazione con il ferro, le cellule tumorali del polmone del 28%.
Il ferro, stando ai commentatori, servirebbe ad accentuare la selettività della cura, permettendo al principio attivo dell'artemisia (l'Artemisinina) di distinguere le cellule malate da quelle sane, scartando queste ultime per bloccare le prime.
Altro dato presente in articoli giornalistici sul Web, indica che in 16 ore, il 98% delle cellule cancerogene verrebbe distrutto.


Andando alle fonti della notizia, tuttavia, si scopre che è necessario effettuare dei "distinguo" per dettagliare meglio quello che è stato scoperto sino ad ora, da ciò che, invece, è solo frutto delle interpretazioni più o meno elastiche di articoli o servizi giornalistici che, sovente tendono al sensazionalismo per garantirsi l'attenzione dei lettori.

Quanto Veramente L' Artemisia Può Combattere Il Tumore?

Da blog, articoli e servizi giornalistici si legge:

- "Gli studiosi americani hanno dichiarato che l'Artemisinina ferma il fattore di trascrizione 'E2F1' e interviene nella distruzione delle cellule tumorali del polmone, il che significa che controlla la crescita e la riproduzione delle cellule del cancro".
- "Utilizzando una varietà resistente alle radiazioni delle cellule del cancro al seno (che ha anche una elevata propensione per l'accumulo di ferro), l'Artemisinina si è dimostrata avere un tasso di distruzione delle cellule cancerose del 75% dopo appena 8 ore, e uno del quasi 100% dopo appena 24 ore".

Dal sito PubMed.gov del US National Library of Medicine National Institutes of Health si legge invece:

- "Si rilevano effetti antiproliferativi dell'Artemisinina sulle cellule del carcinoma mammario umano..."
- "L'artemisia annua, è un composto antimalarico potente, con proprietà antitumorali promettenti, sebbene il meccanismo della sua segnalazione antitumorale non sia ben compreso..."
- "L'Artemisinina ha inibito la proliferazione del ciclo cellulare delle cellule MCF7 coltivate, una linea di cellule umane di cancro al seno che rappresenta un tumore fenotipo in fase iniziale..."
"- L' Artemisinina ha anche indotto un arresto della crescita di linee cellulari tumorali umane di cancro al seno con fenotipi tumorali, ma non è riuscita ad arrestare la crescita di una linea cellulare mammaria umana non carcinogenica".

Quanto Veramente L' Artemisia Può Combattere Il Tumore?

Tirando le somme: è appurato che, effettivamente, vi sia da parte di studiosi statunitensi, una ricerca in corso sulle proprietà antitumorali dell'artemisia.
Ugualmente vero che la sperimentazione abbia riguardato il carcinoma mammario, confermando effetti "antiproliferativi" dell'Artemisisina.
Vero anche che l'Artemisinina sembri disporre di "marcatori" capaci di distruggere almeno prevalentemente le cellule tumorali.
Si noti tuttavia, almeno sino al 2013, che gli esperimenti sono stati eseguiti in vitro o su cellule di topi, non su soggetti umani e che gli studiosi ammettono, senza giri di parole, "che il meccanismo della segnalazione antitumorale dell'Artemisinina non sia ben compreso".

Dai documenti ufficiali che abbiamo consultato in lingua originale, tuttavia, non si parla affatto delle miracolose percentuali di cui ai blog e giornali on line (75% di distruzione di cellule tumorali al seno dopo 8 ore), né tanto meno si fa cenno alcuno alla capacità di distruggere le cellule cancerose del polmone (28%). Quanto a quel dato delle 16 ore, in cui il 98% delle cellule cancerogene verrebbe distrutto, non siamo riusciti a comprendere da dove sia stato ricavato e secondo quali calcoli.

Naturalmente ci auguriamo che le ricerche possano proseguire e che l'Artemisia si riveli effettivamente curativa anche per gli esseri umani, ma crediamo che sia ancora troppo presto per poter affermare di aver trovato la cura definitiva per il tumore.

Quanto Veramente L' Artemisia Può Combattere Il Tumore?

Articolo scritto da paolosoma - Vota questo autore su Facebook:
paolosoma, autore dell'articolo Quanto Veramente L' Artemisia Può Combattere Il Tumore?
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!


Commenti

 
  • Massimo Gomez
    #1 Massimo Gomez

Però cìè chi giura di essere guarito. Perchè mettere in dubbio una testimonianza che tra l'altro sembra attendibile?

Inserito 9 agosto 2014 ore 21:25
 

L'articolo è stato scritto parecchio tempo prima delle recenti notizie positive sull'artemisia risolutiva in alcuni casi di tumori. L'augurio resta identico, ossia che risulti veramente curativa. Il dubbio permane per quanto riguarda le tipologie tumorali e le percentuali di guarigione.

Inserito 10 agosto 2014 ore 00:14
 
  • efisio portas
    #3 efisio portas

Io sono stato operato sei volte per tumori vari,anche effettuando le relative terapie,sia chimiche che radio.Se davvero questa medicina funziona davvero,dovrebbe essere diffusa un po' di piu'.Miauguro ed auguro a tutti coloro che soffrono che non sia soltanto qualche sparata di qualcuno.

Inserito 10 agosto 2014 ore 18:06
 
  • alberto
    #4 alberto

ba se dice che guarisce in 1 giorno io la proverei tanto cosa ci potrei perdere? voi cosa ne pensate?

Inserito 16 agosto 2014 ore 12:29
 
  • Luca
    #5 Luca

Dove si può trovare ?

Inserito 29 agosto 2014 ore 17:09
 

in rete, su VitalAbo.it si trovano capsule di artemisina (piuttosto costose), ma anche in erboristeria e in farmacia. Che mi risulti, esistono alcune controindicazioni che vanno comunque valutate con un farmacista o medico.

Inserito 29 agosto 2014 ore 17:16
 
  • ana giallongo
    #7 ana giallongo

ho una mia cara amica che è stata in cura dal professore DI BELLA è GUARITA ....................nessuno ci credeva eppure ancora conserva i documenti .................

Inserito 30 agosto 2014 ore 10:12
 
  • Moreno
    #8 Moreno

Salve. Qui si parla di efficacia dell'artemisia contro i tumori, in particolare ai polmoni... Può essere una soluzione anche per i malati di linfangioleiomiomatosi (LAM)? Grazie.

Inserito 31 agosto 2014 ore 22:08
 

Se gli effetti "antiproliferativi" dell'Artemisisina sono confermati sperimentalmente per quanto riguarda il carcinoma mammario, per estensione potrebbero avere efficacia (ma il condizionale è assolutamente d'obbligo) per altre tipologie tumorali, quindi anche per il tumore benigno al rene (angiomiolipoma) che si genera nel 50% dei casi in soggetti che hanno sviluppato la LAM. Si tratta di una conseguenza della LAM, non della LAM stessa, per la quale, attualmente, non esiste una cura sebbene siano in fase di sperimentazione alcuni inibitori delle mTor (sirolimus, everolimus). Si veda anche (INGL): http://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJ Moa1100391

Inserito 31 agosto 2014 ore 22:53
 
  • mariolina 06
    #10 mariolina 06

E sul mieloma multiplo potrebbe avere il potere di distruzione delle plasmacellule malate ?

Inserito 1 settembre 2014 ore 00:02
 

Sull'argomento artemisia - tipologie tumorali curabili in via sperimentale è utile scorrere una serie di link. Ne segnalo alcuni, in lingua inglese: http://www.mdpi.com/1420-3049/15/5/3135/pdf http://ar.iiarjournals.org/content/27/6B/3891.short http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0944711311001930 http://informahealthcare.com/doi/abs/10.3109/13880209.2011.559251

Inserito 1 settembre 2014 ore 07:29
 
  • Tiziana
    #12 Tiziana

Non diciamo cavolate, sono morti di tumore miliardari! Non avevano secondo voi la possibilita di sapere l' esistenza di piante " miracolose"? Su, dai.

Inserito 5 settembre 2014 ore 09:59
 
  • Benny
    #13 Benny

Mio padre ha un adenocarcinoma gastrico sotto cardiale di tipo intestinale con metastasi al fegato e linfonodi sta facendo la chemioterapia con risultati negativi potrebbe provare ad utilizzare l'artemisina??? La ringrazio anticipatamente.

Inserito 7 settembre 2014 ore 17:02
 

Onestamente, non posso suggerire alcunché. Si tratta di una decisione che Lei deve prendere in piena autonomia. Non credo, tuttavia, che l'artemisina possa peggiorare una situazione del genere. Relativamente alla questione cancro-cure alternative (ma non specificatamente sull'artemisia) consiglio la visione di "Cancro le cure proibite" di Massimo Mazzucco, rintracciabile su http://www.luogocomune.net

Inserito 10 settembre 2014 ore 10:01
 
  • ARMANDO
    #15 ARMANDO

MA COME SI PRENDE IL FERRO?

Inserito 27 settembre 2014 ore 14:15
 

In una delle testimonianze di chi si è curato con l'artemisina si parla di artemisia disciolta in soluzione alcoolica (tipo fernet). Premesso che il ferro trivalente (da fonti vegetali) è assorbibile dal nostro intestino solo tra il 2 e il 10%, quello bivalente (da fonti animali) tra il 10 e il 35%, una buona dose di ferro si ottiene dal consumo di fagioli, ceci, cioccolato, lenticchie ed arachidi. Così facendo però i dosaggi sono laboriosi (escluderei un'insalata di artemisia con contorno di lenticchie), mentre - navigando in alcuni siti e blog - ho trovato queste indicazioni che vi giro "pari pari": - Infusa nel vermouth; - Distilleria di collepardo fr SARANDREA MARCO 0775 47012.FAX 0775 47351. Info @ sarandrea.it; - Distributore del nord VIPROF di Vicenza. Chiedete in farmacia. Soluzione alcolica. Una piccole dose su un bicchierino per liquori mattina e sera.

Inserito 27 settembre 2014 ore 18:41
 
  • david be
    #17 david be

ma un doppio cieco e' stato fatto?

Inserito 28 settembre 2014 ore 18:31
 
  • disoccupato cron..
    #18 disoccupato cron..

stanno tentando di metterla in cattiva lucecome fecero con la cura di bella , che funzionava davvero .........le case farmaceutiche perderebbero il loro businnes miliardario se ammettessero che funziona

Inserito 4 ottobre 2014 ore 07:26
 
  • Demone
    #19 Demone

Ma si potrebbe trovare anche in erboristeria?

Inserito 15 ottobre 2014 ore 19:15
 
  • kking
    #20 kking

puo aiutare anche chi e affetto dalla VHL?

Inserito 23 ottobre 2014 ore 02:12
 

Se per VHL s'intende la sindrome di Von Hippel-Lindau, rara ed ereditaria, non mi risulta che esistano citazioni in merito nei report dell'Medicine National Institutes of Health e che dunque l'artemisia venga in qualche modo rapportata con la VHL, né che mai siano state effettuate ricerche in questo senso.

Inserito 23 ottobre 2014 ore 08:35
 
  • anfidromico
    #22 anfidromico

Il metodo di bella funziona, è rimasto indietro chi ha redatto l articolo.

Inserito 23 ottobre 2014 ore 10:55
 

Mi auguro vivamente di essere "rimasto indietro". Se questo bastasse a curare efficacemente i tumori mi legherei al piede un incudine da 10 tonnellate per rimanere indietro ad oltranza e venire superato non solo dalla tartaruga ma anche da Achille. Tuttavia il fatto che il figlio di Di Bella abbia ripreso a somministrare il cocktail farmacologico del padre non significa automaticamente che la cura funzioni in assoluto.

Inserito 23 ottobre 2014 ore 11:27
 
  • corsetti lino
    #24 corsetti lino

Mi chiedo, considerando tutte quelle medicine che propinano ai malati, e che fanno male ad altri organi, Questa artemisia provoca danni all'organismo? se no! perche non assumerla???.

Inserito 23 ottobre 2014 ore 17:27
 

Rispetto agli effetti collaterali di alcuni farmaci industriali ed a quelli di certe cure, anche antitumorali, l'artemisia non ha controindicazioni devastanti. Tuttavia può generare (m'immagino anche in base al dosaggio) vomito, diarrea e crampi addominali nonché nausea. Da evitare assolutamente in gravidanza per la potenziale abortività ed in soggetti con gastrite, ulcera peptica, epilessia.

Inserito 23 ottobre 2014 ore 19:34
 
  • cesare
    #26 cesare

può essere presa anche per prevenzione al tumore?

Inserito 26 ottobre 2014 ore 21:52
 

Mi piacerebbe pensarlo, ma che io sappia, non esistono studi in materia di prevenzione.

Inserito 26 ottobre 2014 ore 22:49
 
  • Luca
    #28 Luca

ho letto: ... in realtà l?erba in questione (artemisia)da sola sconfigge il 28% delle cellule cancerogene,è la sua combinazione con il ferro che porta alla totale distruzione del tumore.

Inserito 28 ottobre 2014 ore 14:24
 

Come da articolo: "Il ferro, stando ai commentatori, servirebbe ad accentuare la selettività della cura, permettendo al principio attivo dell'artemisia (l'Artemisinina) di distinguere le cellule malate da quelle sane, scartando queste ultime per bloccare le prime".

Inserito 28 ottobre 2014 ore 16:51
 
  • foia
    #30 foia

scusate ...ma il ferro si può assumere anke come integratore,o come un bel piatto di carciofi a pinzimonio,presi insieme all'artemisinina sempre come integratore dell'erboristeria??

Inserito 2 marzo 2015 ore 17:07
 
  • stormy
    #31 stormy

Non c'è alcuna valenza minimamente scientifica in questi articoli che girano in rete. Nessun dosaggio consigliato, nessuna ricerca pubblicata con dati significativi. Capisco bene il desiderio di provare qualsiasi cosa pur di guarire o aiutare a guarire. Capisco la disperazione... Attenzione a non cadere preda di speculazioni, però. Da quando girano queste fandonie nella rete l'artemisia in pillole o soluzione (altamente) alcolica ha prezzi ingiustificati, soprattutto per i risultati insignificanti che offre.

Inserito 24 marzo 2015 ore 22:46
 

E' evidente che chi ha redatto il commento precedente non si è preso la briga di leggere l'articolo in questione. Se lo avesse fatto avrebbe evitato di appioppare aggettivi a casaccio e per il puro gusto di farlo.

Inserito 25 marzo 2015 ore 12:01
 
  • Ivano
    #33 Ivano

Non esiste un medico che può dare un dosaggio esatto di Artemisia e ferro? Se esiste mi potete dare un numero telefonico? Io ho un amico farmacista che ha l'artemisia in soluzione liquida ma nn sa darmi i dosaggi e la percentuale di ferro da immettere. Attendo una Vs risposta. Grazie

Inserito 25 marzo 2015 ore 15:08
 
  • enzo
    #34 enzo

Ho letto con molta attenzione e sono sicuro che qualcuno per via di quest'erba magica ha avuto problemi seri da parte dei colossi farmaceutici si legge tra le righe che avete paura.

Inserito 7 gennaio 2016 ore 03:14
 
  • enzo
    #35 enzo

Ho letto con molta attenzione e sono sicuro che qualcuno per via di quest'erba magica ha avuto problemi seri da parte dei colossi farmaceutici si legge tra le righe che avete paura.

Inserito 7 gennaio 2016 ore 03:15
 

Paura no, ma, in questi casi, la prudenza è necessaria, se non altro perché, come scritto, i test per ora non sono effettuati che sui topi. L'augurio (ben evidente nelle conclusioni)è che la Scienza possa confermare appieno quello che per ora è soltanto un'ipotesi, seppur comprovata da qualche risultato "in vitro".

Inserito 9 gennaio 2016 ore 06:54
 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Tecnologia e Scienze
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Tecnologia e Scienze
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione