Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

'storia Dell'acqua In Bottiglia' Una Battaglia Contro Un Nemico Comune


19 febbraio 2011 ore 18:04   di GiulioBrunetti  
Categoria Tecnologia e Scienze  -  Letto da 292 persone  -  Visualizzazioni: 548

“Questa è la storia di un mondo ossessionato dai beni materiali, è la storia di un sistema in crisi. Stiamo distruggendo il pianeta, ci stiamo distruggendo a vicenda, e non ci stiamo neanche divertendo.” Esordisce cosi Annie Leonard nel filmato riportato in coda a questo articolo, che vuole essere di denuncia verso un sistema non idoneo alle esigenze del nostro pianeta, che dovrebbero combaciare perfettamente con le nostre.

Cosa rispondereste se qualcuno volesse vendervi l’aria? Ecco, tutto gira intorno ad un concetto semplice come questo, ovvero, se si vuole vendere qualcosa, si “costruisce la domanda”, e questo è stato fatto proprio questo negli ultimi 50 anni con l’acqua in bottiglia.


Si crea un immagine fantasiosa del prodotto e si fanno sentire impauriti ed in difficoltà quei possibili acquirenti qualora non abbiano i prodotti che ‘in primis’ sembravano inutili, perché nessuno “fa la fila per scambiare i loro soldi duramente guadagnati, con prodotti inutili”. L’azienda dell’acqua in bottiglia attua cosi il primo passo del marketing, pubblicizza negativamente l’acqua del rubinetto spaventando la gente che la beveva. Un avversario troppo forte sul mercato, va indebolito.

'storia Dell'acqua In Bottiglia' Una Battaglia Contro Un Nemico Comune

Come espone benissimo il video, bisogna sedurre l’acquirente con immagini di nature incontaminate, come se davvero stessimo bevendo acqua appena sgorgata da chissà quale sperduta fonte naturale. Acqua purissima, se non fosse che nella maggior parte dei casi proprio quell’acqua altro non è se non semplice acqua del rubinetto, filtrata.

'storia Dell'acqua In Bottiglia' Una Battaglia Contro Un Nemico Comune

Il passo successivo del filmato è disarmante. Si racconta del viaggio della protagonista in India, è sembra di vedere davanti a se lo spettacolo che gli si è parato davanti al suo arrivo sul posto. Montagne di bottiglie di plastica. Montagne provenienti da altre parte del mondo, come se fossero state portate li per “ essere scaricate nel giardino di qualcun altro”.

'storia Dell'acqua In Bottiglia' Una Battaglia Contro Un Nemico Comune

“Il nemico più grande è l’acqua del rubinetto”, mai detta cosa più errata, visto che proprio le aziende dell’acqua in bottiglia gongolano potendo offrirci la loro soluzione di fronte ad un acqua naturale “sporca”, e in molti casi proprio l’industria dell’imbottigliamento è una delle cause di questo inquinamento. Un inquinamento che colpisce il “nostro diritto umano fondamentale, bere acqua naturale e sicura”.

Articolo scritto da GiulioBrunetti - Vota questo autore su Facebook:
GiulioBrunetti, autore dell'articolo 'storia Dell'acqua In Bottiglia' Una Battaglia Contro Un Nemico Comune
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Tecnologia e Scienze
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Tecnologia e Scienze
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione