Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Cosa Visitare A Siracusa


6 dicembre 2010 ore 11:44   di tatys  
Categoria Viaggi e Turismo  -  Letto da 426 persone  -  Visualizzazioni: 1180

Siracusa è una nota città storica greca, da sempre meta appetibile del turismo italiano e straniero. Per quanti ancora non abbiano avuto il piacere di visitarla, ecco una piccola guida su ciò che potete vedere e visitare in quest’antica città del mediterraneo, che nel 2005 è stata dichiarata patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.

Famosa sicuramente per il Teatro Greco, che tutti gli anni ospita compagnie teatrali che si esibiscono in opere del passato storico greco con tragedie e commedie che furono scritte dagli antichi e importanti scrittori del passato come Omero.


Si trova all’interno della città, facilmente raggiungibile dall’autostrada all’uscita sud di Siracusa, seguendo le indicazioni per la città a circa quindici minuti di strada circa, si arriva al teatro greco, proprio all’ingresso della città.

Cosa Visitare A Siracusa

La sua caratteristica forma a semicerchio rende una visione panoramica invidiabile, e lo studio degli antichi architetti che si sono susseguiti per completare la sua realizzazione sul colle Temenite, è stato ideato per rendere un’ottima acustica facilmente udibile per tutti gli spettatori situati nelle gradinate in pietra del teatro.

Dall’alto della sua posizione strategica, si può ammirare il Porto Grande di Siracusa e ammirare il famoso isolotto di Ortigia, cuore antico della città. Nello stesso parco del Teatro Greco, non si può non visitare il maestoso Orecchio Di Dionisio, o anche conosciuto anche come Orecchio Dionigi, dal nome del tiranno Dionigi che fece costruire questa grotta artificiale dove teneva racchiusi i prigionieri Secondo una vecchia tradizione, da una posizione strategica nell’alto della grotta, grazie all’acustica della grotta, era in grado di ascoltare i discorsi di coloro che vi erano imprigionati.

Questa grotta ha la caratteristica forma di orecchio d’asino, alta ventitré metri e larga dai cinque agli undici metri, si sviluppa per una profondità di sessantacinque metri con il caratteristico andamento ad esse. Queste due antichità sono immerse in una sorta di parco naturale caratterizzato da alberi maestosi secolari. Uno scenario spettacolare da non perdere per gli amanti dell’antica civiltà greca.

Poco distante da questi due monumenti, a cinque minuti di strada raggiungibile anche a piedi, si trova il famoso “Museo Archeologico Regionale Paolo Orsi”. Questo racchiude reperti risalenti all’età preistorica, fino a quelli greci e romani trovati nella città e in tutta la Sicilia.

Il piano terreno è suddiviso in tre settori, mentre il corpo centrale è dedicato a tutta la storia del museo, con l’esposizione breve dei materiali in mostra nei singoli settori. Il settore A è destinato alla preistoria, il settore B alle colonie Greche della Sicilia nel periodo Ionico e Dorico. Il settore C presenta i reperti delle sub colonie provenienti da altre dimore della Regione come Gela e Agrigento. Il nuovo settore D, inaugurato nel 2006, contiene reperti dell’era ellenistico romano.

Se vai a Siracusa, non puoi mancare di visitare il Santuario della Madonna delle Lacrime, sita poco distante dal museo Archeologico Paolo Orsi. Ogni anno gruppi di pellegrini arrivano a rendere onore all’altare della madonna, in questa chiesa che è stata costruita in virtù del miracolo che anni or sono, ha visto la reale lacrimazione di un quadro della madonna nella casa di una famiglia povera e disagiata.

Perla di questa città rimane comunque l’isolotto di Ortigia, collegata alla città tramite il ponte Umbertino. Caratterizzata da monumenti storici e dalla profonda e preminente presenza dell’antico barocco, è una piccola bijou incantata, caratterizzata dalla presenza di monumenti antichi che l’arricchiscono maggiormente quali : il Duomo con la maestosa e rinnovata cattedrale; la fontana Aretusa, famosa in tutto il mondo per la sorgente di acqua dolce nella quale nasce spontaneamente il papiro; Piazza Archimede, dove c’è la bella fontana di Artemide che raffigura la trasformazione della ninfa Aretusa in sorgente.

Il Castello Maniace è degno di attenzione, e si trova nell’estremità più esposta di Ortigia e può essere visitato in giorni prestabiliti, ma si può ammirare la sua forma caratteristica solo dal mare, durante le tradizionali gite in barca che sono proposte ai gruppi di turisti.
Anche il tempio di Apollo sito in Ortigia è meta di pellegrinaggio turistico dei gruppi e della narrazione della sua storia antica da parte delle guide.

Articolo scritto da tatys - Vota questo autore su Facebook:
tatys, autore dell'articolo Cosa Visitare A Siracusa
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Viaggi e Turismo
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Viaggi e Turismo
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione