Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Il Monte Fuji: La Montagna Più Alta E Sacra Del Giappone


2 aprile 2012 ore 14:52   di spaziovendita  
Categoria Viaggi e Turismo  -  Letto da 1424 persone  -  Visualizzazioni: 2862

"La vista più bella del Giappone… è l’apparizione in lontananza del monte Fuji, nelle giornate senza nuvole… il candido cono sembra sospeso nel cielo". Così scriveva Lafcadio Hearn (1850-1904), un americano che si innamorò del Giappone e divenne cittadino giapponese. Il monte Fuji, famoso per la sua classica simmetria, è una montagna per tutte le stagioni. Molti, comunque, ritengono la primavera la stagione migliore, quando la cima è incappucciata di neve e tra i laghi sul fianco settentrionale del monte fioriscono i susini e i ciliegi.
Nelle giornate limpide, il Fuji, che talvolta i Giapponesi chiamano "l’incomparabile", è visibile da più di 80 km di distanza, e dalla sua sommità la vista abbraccia quasi tutta l’isola di Honshu. Oltre che la montagna più alta del Giappone, con i suoi 3778m, il Fuji è anche la più sacra. Secondo lo shintoismo, la religione nazionale giapponese, in tutti gli elementi naturali esistono degli spiriti superiori, o kami, e gli shintoisti venerano quello del Fuji con particolare intensità.

Secondo la tradizione buddista giapponese, il monte Fuji nacque una notte del 286 a.C., quando il suolo si aprì creando il lago Biwa, il più grande del Giappone, e la terra tratta dal suo alveo sorse a formare la montagna. La leggenda contiene una parte di verità: quasi ovunque l’arcipelago giapponese appare frantumato in catene montuose e laghi dall’azione delle faglie tettoniche. Lungo la faglia più grande, che corre attraverso l’isola di Honshu, sono distribuiti i più imponenti dei 265 vulcani giapponesi. Tra questi il Fuji, è il maggiore.
Il monte ha una lunga storia di attività vulcanica. Negli ultimi secoli sono state registrate diciotto eruzioni; quella del 1707 ricoprì la città di Edo (oggi Tokio), 100km più a est, di uno strato di ceneri e lapilli. Da allora il vulcano non ha più dato segno di volersi risvegliare: ma non è spento, solo addormentato.
Furono gli Ainu, gli abitanti originari del Giappone (che vivono ancora sull’isola di Hokkaido) a dare al monte il nome di Fuchi, la loro dea del fuoco. I buddisti credevano che la montagna fosse la via d’accesso a un altro mondo; gli shintoisti vi costruirono santuari dedicati alla dea Sengen-sama, nota anche come Konohanasakuyahime (Colei che rende i fiori splendenti). E’ tradizione che la dea si libri in una nube luminosa sopra il cratere del Fuji, dove ogni tanto è possibile vederla.


Dallo shintoismo il Fuji era ufficialmente venerato come montagna sacra, e fino alla fine della seconda guerra mondiale era dovere dei fedeli salire sulla cima almeno una volta nella vita. Ogni estate vi si arrampicavano migliaia di pellegrini, vestiti di tuniche bianche, cappelli di paglia e sandali. A volte i sentieri che conducevano alla vetta erano cosparsi di sandali buttati via: erano così fragili che i pellegrini ne consumavano diverse paia durante il cammino.
Mentre salivano faticosamente verso la vetta, per ammirarvi la celebre aurora, i devoti salmodiavano: "Sii pura… Conserva il tuo splendore, o montagna!". Ai nostri giorni, queste parole sono particolarmente significative, perché, anche se le nevi permettono di raggiungere la cima solo per due mesi all’anno, sono ormai più di trecentomila le persone che ogni estate compiono l’ascensione, e il Fuji ne risente in proporzione.

Il Monte Fuji: La Montagna Più Alta E Sacra Del Giappone

Il Monte Fuji: La Montagna Più Alta E Sacra Del Giappone

La visione del monte Fuji in lontananza ha sempre ispirato i poeti e i pittori giapponesi. Il poeta Basho (1644-1694) scrisse questi versi: "Anche se il Fuji è nascosto / nella pioggia e nella foschia dell’inverno, / anche in un giorno così, / c’è gioia". I diversi umori e capricci del Fuji hanno indotto gli artisti a dipingerlo più e più volte. In occidente sono molto note le trentasei ‘Vedute del monte Fuji’ di Katsushika Hokusai (1760-1849), una serie di incisioni su legno.
Ma se gli artisti giapponesi hanno reso famoso il monte Fuji, si può dire che è stato il Fuji a renderli artisti. Come nel 1899 notava l’esploratore e naturalista inglese R.Gordon Smith: "Il Fuji riempirebbe chiunque di timore reverenziale; non si può pensare che gli uomini nati in vista di una simile montagna debbano necessariamente essere nati per l’arte e per tesserne le lodi".

Il Monte Fuji: La Montagna Più Alta E Sacra Del Giappone

Il Monte Fuji: La Montagna Più Alta E Sacra Del Giappone

Forse, la vera natura del Fuji si coglie meglio da lontano, contemplando il suo bianco cono stagliato contro l’azzurro del cielo. La montagna è un simbolo naturale e la sua forma apparentemente semplice ne maschera la complessità del significato. Pare eterna, ma è nata dal fuoco e potrebbe perire nel fuoco; è di roccia, ma la sua è fragile bellezza di un fiore.

Articolo scritto da spaziovendita - Vota questo autore su Facebook:
spaziovendita, autore dell'articolo Il Monte Fuji: La Montagna Più Alta E Sacra Del Giappone
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Viaggi e Turismo
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Viaggi e Turismo
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione