Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

La Seducente Turchia


25 febbraio 2011 ore 14:32   di SerenaM  
Categoria Viaggi e Turismo  -  Letto da 395 persone  -  Visualizzazioni: 755

Dopo il successo ottenuto con il suo ruolo di Capitale Europea della Cultura 2010, Istanbul non poteva che offrire ai visitatori una nuova sorpresa per l’inizio del 2011 e si prepara ora ad essere la Capitale dello Shopping e a riconfermare ancora una volta la sua straordinaria dinamicità. Con Istanbul Shopping Fest (www.istanbulshoppingfest.org), che si terrà tra il 18 marzo ed il 26 aprile 2011, l’ebbrezza dello shopping si farà sentire in tutta la città e non potrà che conquistare i turisti ed i visitatori : più di 90 centri commerciali e oltre 300 negozi sparsi in tutti i distretti della città offriranno grandi sconti fino al 30% su centinaia di prodotti, dalle grandi firme internazionali alle ricercate - e sempre più alla moda - etichette turche, parallelamente al fascino dei centri tradizionali come il Grand Bazaar, il Mercato delle Spezie e i laboratori artigianali, e alla vita dei quartieri e delle strade più affascinanti, come Taksim, Nisantasi, Sisli, Fatih, Bahariye e Bagdat Avenue dove si svolgeranno eventi, mostre, concerti, performance e tante altre attività. I centri commerciali coinvolti saranno aperti fino alle 23.00 e in più ogni sabato due di essi saranno aperti fino alle 2 di notte.

Altro obiettivo per il 2011 è confermare e accrescere il successo della Turchia come meta balneare tra le più ricercate per il turismo internazionale. Antalya e la “Costa Turchese”, Bodrum, Marmaris e tutte le altre destinazioni sulla costa egea e su quella mediterranea, conosciute in tutto il mondo per il clima eccezionalmente mite, la vegetazione lussureggiante, acque limpidissime, lunghe spiagge dorate, verdi pinete, grotte misteriose e leggendarie, siti archeologici di interesse esclusivo, ma anche gastronomia, sport e tanto divertimento.


In particolare per quest’anno, la Turchia punta a promuovere fortemente il suo patrimonio archeologico, unico al mondo e riconosciuto in maniera indiscussa, tanto che ha ben 9 siti iscritti nella Lista del Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO e per altri 23 siti è stata fatta domanda di inserimento.

Un percorso straordinario nella storia, dunque, che, oltre ai siti storici della città di Istanbul, vede la città anatolica di Safranbolu nella provincia di Karabük nella regione del Mar Nero; sempre nella regione del Mar Nero la capitale dell’impero ittita Hattusha nella regione di Çorum; la Cappadocia con le sue rocce ed i suoi camini delle fate e il Goreme National Park; la Grande Moschea ed Ospedale di Divrigi, maestosa opera dagli incredibili intarsi costruita nel 1299 dell’architetto Hürremesah di Ahlat nella provincia turca di Sivas; Nemrut Dagi, sulla cui sommità, a quota 2150 metri, si erge la tomba santuario del re Antioco I di Commagene; Xanthos, città dell’antica Licia nella provincia di Antalya, e il vicino santuario di Latona, uno dei principali centri religiosi della regione; Hierapolis, città ellenistico-romana della Frigia situata nei pressi di Pamukkale, famosa per le sue sorgenti calde che formano concrezioni calcaree, nella provincia di Denizli; e infine il sito archeologico della città di Troia, descritta nel poema epico dell’Iliade, situata nella provincia di Çanakkale.

Grazie a questo patrimonio e ai tanti altri siti archeologici che questo Paese possiede, straordinari sia per la bellezza delle rovine e dell’ambientazione sia per il loro significato storico, la Turchia sarà ospite d’onore a novembre alla Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico di Paestum 2011.
Si sta procedendo alla valorizzazione e promozione anche di aree meno note come ad esempio la costa turca del Mar Nero, con le sue fitte foreste di pini che rivestono le vette dei monti ed una vegetazione lussureggiante nelle valli e nelle pianure. Lungo la strada che costeggia il mare, chilometri e chilometri di bellissime spiagge vergini offrono sole, nuoto e relax e, lungo tutta la regione, i villaggi di pescatori così come quelli montani conservano il loro tradizionale stile architettonico. Interessanti escursioni possono essere effettuate in questa regione, come una crociera tra Rize e Istanbul, una visita all'affascinante porto di pesca di Amasra, una passeggiata sui monti Kaçkar o una salita al magnifico monastero di Sumela del XIV secolo, costruito a ridosso di una roccia laterale di una gola profonda 270 metri.

La Seducente TurchiaUn altro percorso interessante in via di sviluppo è l’Anatolia orientale : le montagne Toros, parallele alla costa sud della Turchia, si uniscono al nord con le montagne del Mar Nero, formando una catena grandiosa di montagne che definisce il contorno est del Paese. L’enorme diversità tra le terre dell’est sorprende i viaggiatori : l’altopiano rosso-ocra di Erzurum, le cascate e i verdi pascoli di Kars, il monte Agri, perennemente coperto dalle nevi, e l’immenso lago di Van dalle profonde acque azzurre.

Poiché la Turchia è ricca di memorie biblico-patristiche e ad essa è profondamente legata la vita della Chiesa nei suoi primi secoli, un notevole sviluppo hanno avuto i tour legati ai luoghi cristiani, come ad esempio i luoghi di San Paolo, grazie anche al lavoro svolto nel 2008 e 2009 in occasione dell’Anno Paolino. In questa terra hanno infatti vissuto e predicato gli apostoli e qui sono sorte, dopo Gerusalemme, le vivaci comunità di Antiochia, Efeso, Smirne; a Tarso è nato San Paolo che in Turchia viaggiò predicando e costruendo la sua teologia; a Myra è nato San Nicola, la cui figura ha dato origine a Santa Klaus, conosciuto in Italia come Babbo Natale; sempre in Turchia si sono svolti i primi Concili (Nicea, Efeso, Calcedonia) e qui si sono avuti illustri Padri della Chiesa ed un monachesimo fiorente; qui infine troviamo radicata la ricca tradizione liturgica orientale e la profonda spiritualità dell’ortodossia bizantina.

La Seducente TurchiaLa Turchia propone anche diverse alternative per gli sport invernali, in particolare nel periodo dicembre-maggio. Prima fra tutte il Monte Uludag a Bursa, a quota 2543 m, il centro turistico invernale più sviluppato in Turchia. Tredici piste attrezzate con strutture di prima qualità, divise per livelli di difficoltà, corsi collettivi ed individuali e possibilità di scegliere, oltre allo sci alpino, allo sci di fondo e allo snowboard, tante altre discipline. Altro importante centro è Palandöken ad Erzurum, ad un altitudine compresa tra i 2200 e i 3100 metri. Le piste, tra le migliori in Turchia, ne fanno una località ideale per le competizioni internazionali di sci.

Articolo scritto da SerenaM - Vota questo autore su Facebook:
SerenaM, autore dell'articolo La Seducente Turchia
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Viaggi e Turismo
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Viaggi e Turismo
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione