Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Norvegia, La Terra Del Sole Di Mezzanotte


18 agosto 2010 ore 08:18   di kekere  
Categoria Viaggi e Turismo  -  Letto da 1135 persone  -  Visualizzazioni: 2095

Qualsiasi sera dell'anno, con qualsiasi tempo, un piccola, robusta nave norvegese esce dal pittoresco porto di Bergen e si dirige verso nord, intraprendendo uno tra i più lunghi, più affascinanti e meno conosciuti viaggi per mare.
Procede sempre più a nord, attraversando il Circolo Polare artico, spingendosi nei fiordi, costeggiando ghiacciai perenni e facendo levare in volo al suo passaggio milioni di uccelli marini che si annidano tra le scogliere.
Infine doppia il punto più settentrionale d'Europa, situato oltre Capo Nord, si spinge al largo dei gelidi mari artici, quasi a sfiorare con la prua il confine sovietico, e quindi fa ritorno a Bergen.

Si tratta dell'Hurtingruten ( hurtig= rapida, rute= rotta ), l'eccezionale servizio espresso costiero norvegese che 13 navi, a turno, provvedono ad effettuare giornalmente.
Si può salire a bordo a una qualsiasi delle tante fermate - circa 60 - che le navi compiono lungo la rotta e sbarcare alla successiva oppure percorrere l'intero viaggio di 2.500 miglia che dura 11 giorni.
Nessun altro paese possiede un servizio analogo e d'altra parte in nessun altro paese sarebbe altrettanto indispensabile.
Il territorio della Norvegia si estende, lungo e stretto, tra profondi fiordi e montagne impervie e nè ferrovie nè strade risolverebbero molto.
Con una popolazione tanto sparsa verrebbe a costare troppo coprire grandi distanze in treno od in macchina ed inoltre questo sarebbe impossibile d'inverno, quando neve e ghiaccio chiudono in una morsa di gelo il nord lasciando aperta soltnto la via del mare che, grazie alla Corrente del Golfo, non gela mai del tutto.


L'Hurtingruten fu creata nel 1890 da Richard With, un dinamico uomo di mare del nord della Norvegia, sopranominato anche l'ultimo vichingo.
Navi a vapore si erano già avventurate di tanto in tanto nei lontani mari del nord, ma fu With a decidere di inviarvi regolarmente, sia d'estate sia d'inverno, una nave una volta alla settimana.
Il 2 giugno 1893, giorno in cui la sua prima nave salpò per compiere quel viaggio, fu a lungo celebrato dagli abitanti del nord Norvegia come il giorno della loro vera indipendenza.
La nave fu accolta in ogni porto da entusiastiche manifestazioni di gioia, salve di cannone, sventolii di bandiere e suoni di fanfare.

Norvegia, La Terra Del Sole Di Mezzanotte

La rotta dell'Hurtingruten può essere paragonata ad una collana di pietre preziose, fra le quali spiccano Bergen, Trondheim e Tromso i tre porti più importanti.
A quasi due giorni e mezzo do viaggio a nord di Bergen i turisti scrutano l'orizonte ansiosi di scorgere un isoletta rocciosa, chiamata il cavaliere, attraverso la quale passa il Circolo Polare Artico, soglia magica della terra del sole di mezzanotte.
Nel punto più a nord che le navi raggiungono il sole sorge il 14 maggio e tramonta soltanto il 30 luglio, dando luogo ad un giorno che dura due mesi e mezzo.
D'inverno succede esattamente l'inverso e cioè per lo stesso periodo di tempo il sole non sorge e si ha una notte lunghissima.
Per quanto uno cerchi di immaginarselo, il sole di mezzanotte è al di là di qualsiasi aspettativa.
Sebbene non lontano dal Polo Nord, la temperatura è tanto mite e il sole così caldo che si può stare in maniche di camicia.
In virtù della prolungata luce del sole, la vegetazione cresce rigogliosa e con rapidità.
Giardini ricchi di ortaggi e prati coperti d'erica, bocche di leone, margherite, viole e ranuncoli.
Uno spettacolo indimenticabile sono le aurore boreali, sono indescrivibili, bisogna solo vederle: è uno spettacolo che resterà impresso nella mente per la vita.

Norvegia, La Terra Del Sole Di Mezzanotte

Nessuno ama questo lungo giorno norvegese più degli uccelli che, arrivati a milioni costruiscono i loro nidi sulle isole e scogliere.
In Norvegia sono state contate circa 150.000 isole grandi e piccole.
Le starne artiche compiono ogni anno un viaggio di 35.000 chilometri dall'Artide all'Antartide e ritorno per seguire il sole di mezzanotte.
Sugli altopiani dell'entroterra coperti di nebbia azzurrina vivono i minuscoli roditori chiamati lemming, che sono fra gli animali più strani del mondo.
Ogni tanto, probabilmente quando il cibo non è più suffucente, sentono d'improvviso il bisogno di migrare verso ovest.
A migliaia, quasi un tappeto mobile di piccoli corpi pelosi, scendono dalle colline, saltano in mare e nuotano verso il largo dove poi annegano.
Pochi sono quelli che credono alla leggenda secondo la quale essi si dirigerebbero verso una terra scomparsa, ma nessuno ha saputo ancora dare una risposta esauriente.
Esistono anche strani migratori umani, misteriosi quanto i lemming: i Lapponi, superstiti di una tribù che probabilmente migrò dall'Asia verso l'Europa migliaia di anni fa e che oggi vive soprattutto nel nord della Scandinavia e parla ancora una strana lingua.
A circa quattro ore di navigazione da Hammerfest, che si vanta di essere la città più settentrionale del mondo, la nave raggiunge Capo Nord, un ardito e scuro promontorio che si erge per 300 metri sul mare.
La mattina dopo la nave raggiunge il suo porto di arrivo, Kirkenes, una città la cui economia è fondata sulle miniere di ferro. le più ricche della Norvegia.
Per l'intero viaggio andata e ritorno la tariffa turistica non è molto elevata nei mesi da giugno, luglio e agosto e comprende il posto letto, i pasti ed in alta stagione anche alcuni escursioni a terra in pullman.
D'inverno il tempo può essere pauroso: dal polo arrivano impetuosi tremendi uragani e la banchisa polare si muove verso sud sbarrando quasi il cammino alle navi dell'Hurtingruten.
Le scialuppe di salvataggio sono sottoposte dalle intemperie ad un continuo deterioramento e sulle sartie si forma una crosta di ghiaccio alta anche una quindicina di centimetri.
Se le Hurtingruten sono le benvenute, lo sono ancora di più quando arriva Natale.
Questa ricorenza cade proprio a metà del lungo inverno polare, quando il tempo è buio, triste ed opprimente: ma è pur sempre Natale e l'Hurtingruten secondo una tradizione antica, innalza sul pennone un albero di Natale tanto illuminato che, scintillando nell'oscurità di mille luci colorate, rallegra lo spirito dei norvegiesi, che se ne stanno già da tempo immersi nella lunga notte polare.

Norvegia, La Terra Del Sole Di Mezzanotte

La notte di Natale la maggior parte delle navi stà in porto, perchè quando i marinai norvegesi festeggiano il Natale è meglio che le navi restino all'ancora.
Causa il freddo i norvegesi bevono a dismisura, è quasi uno sport nazionale, le leggi contro l'alcool tipo Italia non esistono, ma nonostante questo i norvegiesi sono le persone più gradevoli di questo mondo.

Articolo scritto da kekere - Vota questo autore su Facebook:
kekere, autore dell'articolo Norvegia, La Terra Del Sole Di Mezzanotte
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Viaggi e Turismo
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Viaggi e Turismo
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione