Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Pisa: La ' Culla Del Romanico'


22 gennaio 2012 ore 19:42   di europe  
Categoria Viaggi e Turismo  -  Letto da 502 persone  -  Visualizzazioni: 940

Come scrive H. Friedlander: "Gli edifici, strano a dirsi, rappresentano l'intero ciclo della vita umana: vi sorgono infatti il Battistero, la Cattedrale, la Torre Pendente, l' Ospedale e infine il Camposanto".
Il Friedlander si riferiva ovviamente alla piazza del Duomo di Pisa, quale “Museo del Romanico”per eccellenza. Lo splendore di Pisa nasce intorno al Mille e non avrà lunga vita: la sconfitta inflittale nel 1284 da Genova segna la perdita della supremazia nel Tirreno e l'inizio di una crisi irreversibile culminata nella soggezione a Firenze (1405). Ma nel 1063, quando la flotta pisana tornò vittoriosa dalla spedizione contro i musulmani a Palermo, la città accoglieva trionfalmente le sue navi e decretava la costruzione di una cattedrale intitolata alla Vergine, che aveva protetto l'impresa.

Il luogo scelto è atipico, un'area periferica, al riparo dalle piene dell'Arno. Qui cominciò a prenedere forma il più grande complesso architettonico dell'Europa romanica, il “Campo dei Miracoli” (la denominazione però è moderna e poco gradita alla cultura pisana).
Non habet exemplum niveo de marmore templum (non ha confronti il tempio di candido marmo): con queste orgogliose parole incise sul sarcofago di Buscheto (a sinistra dell'ingresso) i pisani celebrarono il geniale progettista del Duomo, reso ancor più sontuoso nel XII da Rainaldo, che eseguì la facciata. L'opera è l'armonioso crogiolo di molteplici tradizioni: da quella classica derivano colonne e capitelli, l'impianto basilicale è di memoria paleocristiana; l'esperienza lombarda suggerì le logge della facciata, mentre la dicromia a fasce bianche e nere, la cupola ellittica, gli archi ogivali furono attinti dall'arte orientale e le losanghe degli archi ciechi da quella armena.


Nel cuore del paradigma romanico germoglia già una nuova cultura: il Pulpito (1301-11) di Giovanni Pisano, la cui struttura sembra incapace di contenere l'esuberanza delle forme scultoree, segna la conversione gotica dell'artista. Riguardo il Pulpito sono visibili due generazioni a confronto. Infatti, il prorompente plasticismo clssicheggiante del pulpito di Nicola Pisano (1260) rappresenta il superamento della tradizione romanica e l'avanguardia di un nuovo linguaggio figurativo, che appunto suo figlio Giovanni svilupperà compiutamente mezzo secolo più tardi nel Duomo. Impetuoso e intenso, il carattere di Giovanni troverà nello stile gotico il mezzo espressivo per comunicare il proprio drammatico senso dell'esistenza.

In armonioso rapporto con la cattedrale, Diotisalvi innalzò a partire dal 1153 il Battistero, ritmato da un anello di arcate cieche entro le quali si inseriscono quattro portali con un'eccezionale varietà di motivi ornamentali. Le forme della facciata del Duomo ispirarono anche l'originale struttura a loggette sovrapposte del Campanile (la “torre di Pisa”, edificata tra il 1173 e la fine del Trecento), celeberrimo per l'antica pendenza che impedì di raggiungere i 70 metri di altezza del progetto iniziale.

Fu dalla famosa “torre di Pisa” che Galileo allora studente, dette inizio alle sue ricerche sul moto. Un noto aneddoto racconta che, osservando la lampada oscillante del Duomo di Pisa, egli scoprì il fenomeno dell'isocronismo del pendolo e che, lanciando oggetti dalla torre, sperimentò le sue teorie sulla caduta dei gravi.

Pur essendo più tarda (1277-1464), la marmorea galleria del Camposanto si collega agli altri edifici della piazza per la nitidezza dei volumi e le tipiche archeggiature cieche.
Il Camposanto di Pisa infine, è il più grande complesso di pittura muraria medievale: Gravemente danneggiati dai bombardamenti del 1944, gli affreschi sono stati staccati dalle pareti per essere restaurati: sono state così scoperte le sinopie, cioè i disegni preparatori degli affreschi, che adesso sono conservate nel Museo delle Sinopie.

Articolo scritto da europe - Vota questo autore su Facebook:
europe, autore dell'articolo Pisa: La ' Culla Del Romanico'
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!


Commenti

 

bellissimo articolo, brava!

Inserito 22 gennaio 2012 ore 21:10
 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Viaggi e Turismo
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Viaggi e Turismo
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione