Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Prora, Il Più Grande Albergo Fantasma Del Mondo


19 settembre 2014 ore 09:29   di KungFuGirl  
Categoria Viaggi e Turismo  -  Letto da 514 persone  -  Visualizzazioni: 1047

Lungo un'ampia, sabbiosa spiaggia dell'isola di Rügen nel mar Baltico sorge il più grande albergo del mondo e, cosa singolare, è anche il più grande albergo fantasma: le sue 10.000 stanze, infatti, non hanno mai avuto un solo ospite e nessun cliente ha mai pagato per trascorrere neppure una sola notte tra le sue mura. Si tratta dell'hotel Prora, costruito oltre 70 anni fa sulle sponde tedesche del mar Baltico.

La posizione in cui sorge è più che invidiabile: una lunga striscia di spiaggia sabbiosa si estende per chilometri fino a fondersi nel blu del mare, tra onde i cui colori invitano al nuoto ed al relax. Perchè, allora, Prora non ha mai avuto neppure un solo ospite? La risposta non è legata a motivi ambientali e neppure a ragioni... spiritistiche: qusto enorme complesso turistico è un colossale edificio fantasma per una motivazione storica.
La costruzione di questo gigante del turismo, che si snoda lungo 5 chilometri e conta 10.000 camere da letto, fu iniziata nel 1936 per volontà dei Nazisti e proseguì fino al 1939, poi Adolf Hitler, che aveva promosso la realizzazione di questo progetto, pensò che fosse meglio abbandonarlo per dedicare fondi ed energie ad uno scopo che riteneva di maggior importanza: la seconda guerra mondiale.


I lavori a Prora vennero dunque interrotti e gli operai che lavoravano al mastodontico cantiere vennero dirottati verso le fabbriche di armi, così gli otto blocchi abitativi, il teatro ed il cinema rimasero scheletri vuoti mentre le piscine e la sala delle feste non vennero mai realizzate. Nel corso della campagna di bombardamenti ad opera degli Alleati, molte persone di Amburgo si rifugiarono all'interno di uno dei complessi residenziali della struttura e dopo la guerra Prora venne usata come avamposto dai militari della Germania dell'Est ma, di fatto, questo gigantesco albergo non ricoprì mai il suo ruolo di meta turistica e dal 1990, anno della riunificazione delle due Germanie, l'intero edificio rimase vuoto.

Ancora oggi, eccezion fatta per un piccolo museo ed una discoteca, l'intero complesso appare deserto e completamente inutilizzato, meta non della Germania bene ma di balordi e disperati che cercano rifugio tra queste mura spoglie. Le stanze, molte delle quali ancora parzialmente arredate, sono imbrattate da murales e vandalizzate. Ma ora un nuovo progetto sta prendendo forma: si vuole recuperare l'area su cui sorge il Prora, realizzando centinaia di appartamenti per vacanze, con discoteche, hotel, palestre e piscine così da attrarre centinaia di turisti.

Prora, Il Più Grande Albergo Fantasma Del Mondo

Articolo scritto da KungFuGirl - Vota questo autore su Facebook:
KungFuGirl, autore dell'articolo Prora, Il Più Grande Albergo Fantasma Del Mondo
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Viaggi e Turismo
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Viaggi e Turismo
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione