Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Siti Unesco Nel Mondo: Angkor, La Perla Di Cambogia


10 marzo 2011 ore 06:00   di downwind  
Categoria Viaggi e Turismo  -  Letto da 349 persone  -  Visualizzazioni: 977

ra le decine di siti Unesco sparsi per l'emisfero boreale, uno fra i più stimati e visitati dell'intero mondo, è senza dubbio l'esteso complesso di templi khmer di Angkor. Sorto nella Cambogia nordoccidentale per mano della civiltà khmer il cui dominio sul territorio si estendeva per centinaia di chilometri (pensate che all'epoca Londra contava circa 20000 abitanti, mentre l'impero in questione oltre un milione, il maestoso capolavoro architettonico, è visitabile in ogni giorno dell'anno anche se la maggior parte dei turisti, accorre durante l'alta stagione turistica, da novembre a marzo.

A due passi dalla città di Siem Reap che, grazie alla vicinanza, si è sviluppata rapidamente per adeguarsi alla richiesta dei numerosi viaggiatori, Angkor viene spesso visitata con l'ausilio di una bicicletta noleggiata in città, mezzo comodo e rispettoso dell'ambiente, permette di raggiungere facilmente ogni tempio del sito percorrendo l'asfalto della strada princale, ma anche i numerosi sterrati che si addentrano nei segreti più reconditi del luogo. Il consiglio è quello di prendersi il tempo necessarioper una visita completa del complesso: 2 o 3 giorni sono l'ideale per non trovarsi costretti a saltare alcune strutture, un giorno è decisamente poco e vi ritroverete a correre per vedere il più possibile.


Cercate di trovarvi all'alba presso l'edificio religioso principale, Angkor Wat infatti, è particolarmente suggestivo con la prima fioca luce del giorno che lentamente sale dal terreno fino alla cima degli stupa illuminando l'intera imponente opera. Sono indispensabili almeno tre ore per vedere ogni angolo di questo tempio. La strada asfaltata prosegue quindi verso est inoltrandosi nella giungla. Un paio di stretti tracciati dipartono da essa pochi chilometri dopo raggiungendo il Kravan e il Bat Chum.

Siti Unesco Nel Mondo: Angkor, La Perla Di Cambogia

Nessuno dei due edifici è particolarmente interessante, ma se avete tempo fateci ugualmente un salto. Qualche chilometro ancora e si giunge all'ingresso del Banteay Kdei, un vasta area ricolma di templi in rovina dove è possibile rendersi conto della forza della natura: qui infatti, i veri padroni sono gli alberi che arpionando le pietre con le forti radici, svettano oltre le mura ancora presenti.

Davanti al tempio fu costruito un bacino artificiale, lo Srah Srong, già osservabile dalla strada. L'asfalto, a questo punto, si divide in due concedendo, a chi ha tempo , la possibilità di compiere un giro più ampio ed a chi, sfortunatamente, ha a disposizione un solo giorno, di tagliare il percorso svoltando repentinamente in direzione di Angkor Thom.
Il tour più corto conduce al tempio di Ta Prom, uno dei più maestosi dell'intero complesso fra mura decorate con sculture ed alberi giganteschi che anche qui si sono impossessati della costruzione. Il Ta Kev merita giusto una ventina di minuti, ma, trovandovi a pochi passi dall'ingresso della vera e propria città, scampiterete dalla voglia di raggiungerla il prima possibile.

L'entrata ad Angkor Thom è sancita, ai quattro punti cardinali, dalle spettacolari porte in pietra dalle quali dominano i faccioni del re che le fece costruire. L'antica città Khmer richiede almeno tre ore per una visita completa del Bayon, il palazzo centrale, del Baphuon, del Preah Palilay e del Suor Proat. Il giro più lungo presuppone la sosta ad altri edifici dell'epoca, ma, se potete, non trascurate comunque di ripassare lungo la strada che decreta il giro più corto: sarebbe un vero peccato perdersi il Ta Prom.

Siti Unesco Nel Mondo: Angkor, La Perla Di Cambogia

Ad ovest di Angkor Wat c'è anche la possibilità di salire su una specie di mongolfiera, sormontata da un grosso pallone, che vi regalerà una panoramica a 360° sull'intero complesso.
Altri templi facenti parte del complesso khmer ma situati decine di chilometri da Angkor sono: Koh Ker,Tbeng Malea e Banteay Srei.

Articolo scritto da downwind - Vota questo autore su Facebook:
downwind, autore dell'articolo Siti Unesco Nel Mondo: Angkor, La Perla Di Cambogia
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Viaggi e Turismo
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Viaggi e Turismo
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione