Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Valencia, Tutto Cio' Che è Importante Vedere


29 aprile 2011 ore 14:47   di LA74  
Categoria Viaggi e Turismo  -  Letto da 513 persone  -  Visualizzazioni: 937

Mi sono recata a Valencia a novembre dello scorso anno. Non era tra le mie mete predilette, ma ho trovato un volo veramente economico con Ryanair ed ho approfittato dell’occasione.
Valencia si trova a circa 350 km da Barcellona andando verso sud. E’ una città che gode di 300 giorni di sole all’anno, quindi non mi sono stupita piu’ di tanto quando ho trovato tempo splendido ma, 26°C a metà novembre…beh hanno superato alla grande tutte le mie migliori aspettative.
Questo articolo sarà una guida pratica su cosa visitare a Valencia, per cercare di ottimizzare i tempi e non perdersi nulla di fondamentale.

Innanzitutto già dall’aeroporto potrete prendere le metro (3 e 5) che vi condurranno al centro città.
Valencia è ben servita da una fitta rete di autobus, che copre a livello capillare ogni suo angolo. Buona anche la metro, ma non è distribuita altrettanto bene…insomma dipende da dove si deve andare. Per l’utilizzo dei mezzi pubblici potete fare la VTC, una card di varia durata, da 24 a 72 ore, che potete acquistare presso l’ente del turismo di Plaza de la Reina. I bimbi fino a 6 anni non pagano.


Ora passo ad esporre ciò che assolutamente non ci si puo’ perdere.
Città delle Arti e delle Scienze, complesso progettato dal famoso architetto valenciano Santiago Calatrava. Anche per chi non ama le visite ai musei o centri espositivi, consiglio la visita di questo posto, almeno esternamente. E’ molto suggestivo. Se poi avrete la fortuna di trovare una giornata di sole, il contrasto tra il cielo ed il bianco della struttura è meraviglioso.
Il tutto si compone dal Museo delle Scienze, il Palazzo dell’Arte, l’Hemisferic (il famoso occhio), e l’Umbracle. Tutto cio’ serve ad ospitare mostre ed eventi temporanei relativi all’arte, alla scienza ed alla natura. Per esempio, fino a maggio nella zona dell’Umbracle, è presente una mostra di dinosauri robotizzati molto carina.
A parte vorrei parlare invece dell’Oceanografico, ossia l’acquario piu’ grande d’Europa. Si trova un po’ spostato rispetto all’altro complesso e non è stato progettato da Calatrava.
E’ veramente straordinario. Sono presenti una varietà incredibile di pesci e animali. La galleria degli squali è davvero suggestiva, come mi ha colpito anche la grande sala ovale nella quale poter ammirare la vita marina degli animali di barriera. Sono rimasta particolarmente colpita da un bellissimo pesce giallo, che come sembianze sembra della famiglia del pesce palla o pesce istrice. Un’altra vasca mi è rimasta impressa. Non ricordo bene dove si trova (il complesso è molto grande), ma vi erano delle stelle marine gigantesche….mai visto nulla del genere. Poi troverete le splendide ed eleganti mante, i romantici pesci angelo, i temibili barracuda, solo per citare una piccolissima parte dei pesci che potrete vedere.
Per arrivare al complesso potete prendere gli autobus n. 95, 35 oppure il 19.

Altrettanto interessante è il Bioparc. Si tratta di uno zoo di nuova concezione, dove gli animali vivono in grandi spazi dove sono riprodotti diversi ecosistemi del continente africano. Al nostro occhio non vi sono barriere, apparentemente è chiaro, ma nell’insieme si ha davvero l’idea che gli animali siano liberi nel loro ambiente naturale. Si tratta di animali nati in cattività o salvati da un destino infausto. In particolare, c’era un rinoceronte che sembrava davvero triste…girava sempre in tondo, anche se il recinto era molto grande. Mi hanno detto che veniva da un circo e non era stato trattato molto bene. Ricordiamoci sempre che anche gli animali hanno una loro sensibilità, proprio come noi. Il Bioparc è un parco privato ed acquistando il biglietto si contribuisce alla salvaguardia di specie animali in via d’estinzione. Insomma è uno zoo con l’anima…
Si arriva al Bioparc con il bus 95 o metro 3 e 5, fermata 9 ottobre.

Ora non ci rimane che parlare del centro storico di Valencia.
Non è molto grande, si gira tranquillamente a piedi anche in mezza giornata. Cosa vedere:
Plaza de la Virgen, cuore della città. E’ una piazza molto viva, tutta pedonale, con una bella fontana.
Calle de Caballeros, invece è una via medievale che collega la piazza allo storico quartiere Barrio del Carmen. Lungo la via, taverne, pub e ristoranti per tutte le tasche.
Plaza de l’Ayuntamento, è un’altra bella piazza, sulla quale potrete ammirare il bel palazzo del Municipio. Purtroppo non è pedonale.
Plaza de la Reina invece è punto nevralgico per i trasporti. La maggior parte degli autobus ferma qui.
Da questa piazza potrete accedere alla Cattedrale. All’interno, in una teca, è conservato il Santo Caliz, cioè il Santo Graal. Per curiosità, andatelo a vedere.
Il Miguelete è il campanile di Valencia. E’ possibile salire i suoi 207 gradini per poter godere di una bella panoramica sulla città.
La Lonja invece è un bel palazzo, inserito dall’Unesco, nella lista dei Patrimoni dell’Umanità. Un tempo era la borsa merci della città, nonché luogo di incontro dei commercianti. E’ considerato il palazzo piu’ bello di Valencia. L’entrata è gratuita.
Il Mercado Central è un palazzo in stile liberty, risalente agli anni ’20, dove poter interagire con la gente del posto e vedere uno spaccato di vita locale. Molto interessante anche con bambini.
Queste sono le cose, diciamo impedibili da vedere a Valencia. Ma gli intrattenimenti sono tanti, come per esempio un giro in calesse (in partenza da Plaza de la Reina), il noleggio di una bicicletta per ricercare angoli suggestivi, una passeggiata per i giardini del Turia, polmone verde della città e luogo di svago, con fontane, piste ciclabili e aree giochi per bambini.
Ricordo che Valencia è una città di mare e vale la pena fare un salto per vedere la nuova Marina Real J. Carlos I, rimessa a nuovo dopo l’American’s Cup del 2007. Sono presenti molti nuovi locali di tendenza, che hanno migliorato moltissimo la zona, la quale era abbastanza degradata e non troppo sicura. Sul lungomare c’è una bellissima passeggiata e sempre in loco, per gli appassionati, si puo’ vedere una parte del circuito automobilistico di Valencia.
E’ proprio bella Valencia, una città con un gran senso civico, adatta a turisti di tutte le età, si mangia bene, si trovano alloggi economici e soprattutto ci sono davvero tante cose da fare! E voi, cosa aspettate a partire?

Articolo scritto da LA74 - Vota questo autore su Facebook:
LA74, autore dell'articolo Valencia, Tutto Cio' Che è Importante Vedere
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Viaggi e Turismo
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Viaggi e Turismo
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione