Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

I Viaggi Di Gigi: Assisi (la Città)


20 aprile 2011 ore 17:10   di gigioliviero  
Categoria Viaggi e Turismo  -  Letto da 814 persone  -  Visualizzazioni: 1753

Nei miei resoconti di viaggio vi ho portato nei luoghi più diversi, ma tutti sempre molto interessanti: a Pompei, in Iran, Oman, addirittura Uzbekistan, e molti di voi mi hanno seguito con molto interesse, cosa di cui naturalmente li ringrazio.

Oggi voglio iniziare un altro splendido percorso, in una città che mi è rimasta nel cuore, Assisi, dove tutto parla di bellezza e amore, la meraviglia del suo ambiente, la pace che l’avvolge, l’aura meravigliosa del ricordo di San Francesco che permea ogni suo angolo.


Assisi è una piccola città posta alle falde del monte Subasio che sembra essere stata predestinata all'immensa fama che ha raggiunto nei secoli, anche se la sua vita (pure iniziata addirittura prima di Roma, come vuole la tradizione che la ricorda fondata dal principe troiano Asio) non ha vissuto certo momenti tranquilli

I Viaggi Di Gigi: Assisi (la Città)

Appartenne infatti al Popolo Umbro e quindi agli Etruschi, che si combatterono a lungo per il dominio del luogo. Il crescere della potenza romana costrinse i due popoli a coalizzarsi contro il nuovo invasore, ma invano. Con la battaglia di Sentino, infatti, nel 295 a.C., la superiore cultura romana entrò trionfalmente anche ad "Assisium", rendendo la città più splendida e forte, e arricchendola di bellissimi monumenti, come il tempio di Minerva, il cui pronao si può ancora ammirare nella piazza del Comune, accanto al Palazzo del Capitano del Popolo.

Una nuova, più forte dominazione, basata sui principi e non sulla spada, avanzava inarrestabile: il Cristianesimo. La nuova dottrina si diffuse a partire dal III secolo. Fu avversata a lungo, con ferocia, e anche Assisi ebbe i suoi primi martiri: Vittorino, Savino e quel Rufino al quale, come vedremo, sarà dedicata la splendida cattedrale.

Con la caduta dell'Impero romano la nuova dottrina si affermò stabilmente, come testimoniano le tante chiese che nei secoli hanno abbellito la città. Ma ci vorrà ancora tempo perché la città raggiunga finalmente la pace. Il Medioevo porterà altri secoli bui di dominazioni e saccheggi e altre battaglie insanguineranno le sue strade: gli Ostrogoti di Totila, i bizantini di Narsete, i Longobardi di Alboino, fino ai Franchi di Carlomagno.

L'alba comunale vide il risorgere della città. Siamo intorno all'anno 1000 e Assisi, prima ghibellina e poi guelfa e papale, combatte aspramente con la vicina Perugia, con battaglie cui parteciperà anche il nostro Francesco, cadendo persino prigioniero.
Per tutto il '400 Assisi passò per cento mani, finché Paolo III Farnese non riuscirà a sottomettere tutta l'Umbria sotto il dominio pontificio.
La gloria della città andò sfumando e riacquistò un valore internazionale solo del '900, con il risvegliarsi dell'interesse per S. Francesco, che nel 1939 venne dichiarato patrono d'Italia.

I Viaggi Di Gigi: Assisi (la Città)

Piazza del Comune è il centro della città ed è situata sul luogo dell'antico Foro romano. E' un tipico spazio medievale ornato da una fontana cinquecentesca con tre leoni in pietra.
Il lato meridionale è occupato dal Palazzo dei Priori, oggi Municipio della città, eretto nel 1337. L'edificio comprende la cosiddetta "volta picta", un passaggio con volte a botte, ornato di decorazioni cinquecentesche

Sul lato opposto si eleva il Palazzo del Capitano del Popolo, costruito nella seconda metà del '200 e accostato dalla Torre del Popolo, alla cui base sono murate le misure dei mattoni e delle tegole in uso nel 1348.

I Viaggi Di Gigi: Assisi (la Città)

Accanto al palazzo spicca la bella immagine del tempio di Minerva, costruito agli inizi del I sec. e ancor oggi uno dei monumenti meglio conservati del mondo classico. Impropriamente attribuito alla dea Minerva, fu, nel medioevo, trasformato in chiesa (S. Donato), quindi divenne sede comunale nel '200 per divenire definitivamente, nel 1456, una chiesa intitolata a S. Maria sopra Minerva.

Quando il vescovo Ugone trasferì il titolo di cattedrale a San Rufino, conservò la sede vescovile nell'edificio accanto a S. Maria Maggiore. Questo fu il luogo dove Francesco si spogliò delle sue vesti davanti al padre e qui abitò, gravemente ammalato, nel 1226 prima di farsi portare nella Porziuncola. All'interno, la Galleria dei vescovi mostra numerosi affreschi di Giacomo Giorgetti.

I Viaggi Di Gigi: Assisi (la Città)

La poderosa Rocca Maggiore, che domina la città, è raggiungibile da Porta Perlici ed è una vera cittadella fortificata che risale all'epoca longobarda e rappresenta un significativo esempio di architettura medievale. Notizie della sua esistenza si hanno sin dal 1173, quando Cristiano di Magonza conquistò Assisi per conto di Federico Barbarossa. Vi risedette persino Federico II di Svevia bambino.

Distrutta nel 1198 fu ricostruita per volere del cardinal Albornoz nel 1356, che fece anche costruire la cosiddetta Rocca Minore per rafforzare tutto il complesso fortificato.

I Viaggi Di Gigi: Assisi (la Città)

Dalla Piazza Superiore di San Francesco parte la strada più importante della città, via di San Francesco, che collega il complesso delle Basiliche a piazza del Comune.
La strada, che consente una bellissima passeggiata per scoprire la meravigliosa edilizia medievale di Assisi, è sfiorata da diversi edifici di grande interesse e, viceversa, da pochissimi edifici religiosi. Cosa dovuta alla proibizione, fatta da Clemente IV nel 1265, di costruire appunto chiese nello spazio di 300 "canne" (circa un chilometro) dalla Basilica francescana.

Incontriamo così la Loggia dei Maestri Comacini, così chiamata per gli stemmi che compaiono sull'architrave. Quindi, al n. 12, Palazzo Giacobetti, grande costruzione del '600 oggi adibita a biblioteca comunale.

Quasi di fronte al palazzo troviamo poi l'Oratorio dei Pellegrini, eretto nel 1457 e contenente un prezioso ciclo di affreschi del '400.

Più avanti c'è il Portico del Monte Frumentario, già appartenuto al più antico ospedale pubblico della città, fondato nel 1267. Accanto vi è poi la Fonte Oliviera, così chiamata perché fatta costruire da Oliviero Ludovici nel 1570.

E infine il Seminario Vescovile antico (oggi Centro studi dell'Università di Perugia), che segna il punto in cui la strada cambia nome in via del Seminario, in corrispondenza del limite murato della città romana.

Per adesso fermiamoci qui. Nei prossimi articoli vi porterò a visitare il magico mondo di San Francesco, la sua incredibile vita e i meravigliosi luoghi dove visse e tramandò il suo meraviglioso messaggio d’amore.
Se volete intanto vedervi i filmati di tutti i principali luoghi, andate pure su You Tube, dove li troverete nella nostra sezione FILMCARDS.

Come il solito, poi, invito i possessori di iPhone e iPad a scaricarvi da App Store l’applicazione che abbiamo dedicato proprio a Assisi. Essa offre la visita a tutti i più importanti luoghi della città, centinaia di foto originali, 80’ di filmati, l’audioguidadella Basilica, l’elenco di alberghi e ristoranti e tutte le informazioni turistiche. Il tutto supportato da precisi punti GPS e un comodo navigatore.
Un modo, vi assicuro, molto completo e comodo per visitare tutta la città senza muoversi da casa. Sul sito www.filmcards.it, infine, potrete scoprire tutte le guide già disponibili (Todi, Orvieto, Capri, Ischia, Roma Antica, Assisi, Iran, Uzbekistan e Palermo).
Come sempre, aspetto i vostri giudizi e naturalmente anche i suggerimenti (critiche comprese…).


(gigi.oliviero09@gmail.com-www.filmcards.it)

Articolo scritto da gigioliviero - Vota questo autore su Facebook:
gigioliviero, autore dell'articolo I Viaggi Di Gigi: Assisi (la Città)
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Viaggi e Turismo
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Viaggi e Turismo
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione