Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

I Viaggi Di Gigi: Palermo (la Città)


28 aprile 2011 ore 14:56   di gigioliviero  
Categoria Viaggi e Turismo  -  Letto da 1022 persone  -  Visualizzazioni: 2116

Partiamo oggi per un altro viaggio affascinante in un’altra stupenda città italiana, Palermo, la sontuosa e solare città siciliana testimone come poche altre di una storia infinita e gloriosa.

L’attuale città, chiamata dai Punici “Sys (Fiore), fu fondata dai Fenici, in un luogo che appariva quanto mai salubre: un grande golfo affacciato su un mare trasparente, una terra resa fertile dall'abbondanza di acqua e da un clima meraviglioso.


La città entrò nella storia nel 480 a.C., quando, nel suo porto, si raccolse la flotta cartaginese in perenne guerra con i Greci, che pure erano stati i primi a colonizzarla, chiamandola “Pànormos”, che significa “Tutto porto”.

Nella sua lunga storia vi passarono tutti i grandi popoli del Mediterraneo: i Romani, gli Arabi, nell’831, che ne fecero il principale centro commerciale del Mediterraneo, arricchendola di splendidi monumenti, quindi i Normanni, nel 1072. E ancora gli Svevi, col grande Federico II, che continuarono ad arricchirla di monumenti splendidi.
Poi gli Angioini, gli Aragonesi, fino ai Borbone e ai giorni nostri.

PIAZZA 4 CANTI

I Viaggi Di Gigi: Palermo (la Città)

Il cuore di Palermo è Piazza Vigliena, punto di incontro delle due arterie principali, via Maqueda e corso Vittorio Emanuele. La piazza (chiamata anche “Ottagono” o “Teatro del Sole”) è comunemente conosciuta come "I 4 Canti", dalle smussature dei suoi angoli, Iniziati nel 1608, forse dall’architetto romano Giulio Lasso e completate nel 1620 dal palermitano Mariano Smiriglio.

Su tre dei quattro cantoni sono inseriti splendidi elementi barocchi: fontane e statue, simboleggianti le Stagioni, i re spagnoli e le quattro sante palermitane protettrici della città: Cristina, Olìva, Agata e Ninfa.

PIAZZA PRETORIA

I Viaggi Di Gigi: Palermo (la Città)

Alle spalle dei Quattro Canti incontriamo la piazza più bella della città: Piazza Pretoria, che deve il suo nome al palazzo che la domina (oggi sede del Comune cittadino), l'antico "Palazzo Pretorio" edificato nel 1463, dove si tenevano le adunanze del senato palermitano.

Gioiello della piazza è la meravigliosa fontana che la decora, un'opera ricca e sontuosa, in cui sono inserite decine di statue, rappresentanti divinità pagane, allegoriche e mitologiche.

L'opera fu commissionata allo scultore fiorentino Francesco Camilliani, nella metà del 1500, per adornare una villa toscana, e successivamente acquistata dalla città di Palermo per la somma di tremila scudi.

CUBA e CUBULA
Nato per volontà di Guglielmo II nel 1180, come padiglione di piacere nel parco normanno del Genoardo, e un tempo circondato da uno specchio d'acqua artificiale, la Cuba è un edificio a pianta rettangolare, che conserva una fascia con un’epigrafe araba indicante il nome del re e la data di fondazione.
Il luogo fu scelto da Giovanni Boccaccio come sfondo per una novella del suo Decamerone.
La Cubula, poi, è un altro suggestivo padiglione del Parco di Guglielmo II costituita di un piccolo edificio cubico, aperta da arcate e sormontata da una cupoletta rossa

PORTE

I Viaggi Di Gigi: Palermo (la Città)

A poca distanza da Piazza Pretoria e I 4 Canti incontriamo due delle grandi porte di accesso al centro cittadino, la monumentale Porta Nuova, risalente alla fine del 1500 e ispirata alla tarda architettura rinascimentale e la magnifica Porta Felice, ricca di elementi decorativi di ottimo valore architettonico e artistico.
Fu edificata all'inizio del '600 e prende nome dalla moglie del vicerè Marcantonio Colonna, che la volle erigere a celebrazione del compimento dell’ultimo tratto del Càssaro.

TEATRI

I Viaggi Di Gigi: Palermo (la Città)

Due sono i templi della musica palermitana. Due teatri di grande storia, recentemente restituiti alla bellezza di un tempo da severi restauri: il Teatro Massimo e il Politeama. Il Teatro Massimo, il più importante della città, è in piazza Verdi e fu edificato alla fine dell'800.
E' solenne ed austero, simbolo evidente della volontà di equilibrio e moderatezza, anche architettonica, espressa dalla borghesia dell'800, che intendeva esaltare un rigoroso equilibrio neoclassico da contrapporre alle intemperanze ed esagerazioni estetiche del precedente gusto barocco.

Il Politeama è ancor oggi uno dei simboli del grande passato musicale della città. E' edificato in un sontuoso e sobrio stile neoclassico, e ripropone, accademicamente, la decorazione policroma degli edifici pompeiani.

ZISA

I Viaggi Di Gigi: Palermo (la Città)

Un celebre monumento normanno di Palermo è infine il Palazzo della Zisa, una costruzione iniziata da Guglielmo I nella metà del 1100, su un precedente palazzo inserito in un grande parco e arricchito da innumerevoli monumenti arabi.
Lo stesso palazzo deve il suo nome dal termine arabo "Azziz", cioè “Splendido” e risente profondamente di influssi orientaleggianti, che hanno influenzato gran parte dell'arte normanna. Essi sono evidenti fin dalla fontana e dai mosaici che adornano il frontale, e che richiamano i lussureggianti giardini orientali.

Solenne e suggestivo l'interno, un tempo reso fresco ed ameno da un ingegnoso sistema di ventilazione, in cui i sovrani normanni solevano trascorrere ore di riposo soprattutto durante la stagione calda, ed oggi utilizzato per l'allestimento di importanti mostre.

Per ora fermiamoci qui. Nel prossimo articolo proseguiremo nella visita agli altri celebri angoli di questa splendida città. Se intanto volete vedere i filmati che le abbiamo dedicato, andate su You Tube, dove li troverete nella nostra sezione FILMCARDS.

Invito sempre, poi, i possessori di iPhone e iPad a scaricare da App Store l’applicazione che abbiamo dedicato proprio a Palermo (http://itunes.apple.com/it/app/palermo-perla-del-mediterraneo/id427136148?mt=8).

Essa offre la visita a tutti i più importanti luoghi della città, centinaia di foto originali, 80’ di filmati, l’elenco di alberghi e ristoranti e tutte le informazioni turistiche. Il tutto supportato da precisi punti GPS e un comodo navigatore.

Un modo, vi assicuro, molto completo e comodo per visitare tutta la città senza muoversi da casa. Sul sito www.filmcards.it, infine, potrete scoprire tutte le guide già disponibili (Todi, Orvieto, Capri, Ischia, Roma Antica, Assisi, Iran, Uzbekistan, Palermo oltre a un promo gratuito, “ANTEPRIME”).

(gigi.oliviero09@gmail.com – www.filmcards.it)

Articolo scritto da gigioliviero - Vota questo autore su Facebook:
gigioliviero, autore dell'articolo I Viaggi Di Gigi: Palermo (la Città)
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Viaggi e Turismo
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Viaggi e Turismo
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione